0

Ester Cesile porta i sentimenti su Ocean Drive

Un brano che ripercorre gli scatti fotografici di quel viaggio a due, dove il finale ricorda lo storico romanzo di Tristano e Isotta.

Dopo l’uscita del primo singolo “203”, per l’etichetta Purple MixEster Cesile torna con il suo nuovo brano, dove decide di ripercorrere immagine dopo immagine la storia della sua ultima relazione, dove il finale ricorda lo storico romanzo di Tristano e Isotta. Un mood sonoro che punta oltre oceano, ispirandosi allo stile americano che fonde influenze retrò con contaminazioni elettroniche moderne, rendendo il brano unico e caratterizzante.

Ocean Drive” viene raccontato così dall’Artista: ”Ho incontrato un ragazzo qualche anno fa, è risuonato in me così a lungo che ho deciso di scrivere questa canzone per lui ” – continua – “Ho cercato di racchiudere tonalità dolci e malinconiche, che sprigionano un carico emotivo molto forte e intenso, che spero possano coinvolgere l’ascoltatore trascinandolo in questa dimensione lontana e allo stesso tempo vicina alla realtà dei miei sentimenti. 

Il progetto è stato realizzato dallo stesso artista e prodotto e mixato da Walter Babbini presso il Purple Mix Studio di Guidonia.

Ester Cesile, classe 1997 è una cantautrice italiana. Nel 2020, in attesa del suo primo disco ufficiale, ha pubblicato “Scrivo di te” un EP di quattro brani, curato interamente da Walter Babbini presso il PurpleMix Studio. Ester, come cantautrice sembra desiderare che le sue canzoni, che lei definisce lettere d’amore, vengano lette come confessioni, che parlano in un modo particolare, vero, intimo e allo stesso tempo consapevole di quelli che sono stati e sono i suoi sentimenti.

0

Missey nel disordine cercando l’ordine con Decade

Decade” è il nuovo singolo di Missey disponibile dal 4 giuno su  Spotify e e tutte le principali piattaforme streaming per Totally Imported e distribuito da The Orchard. Da oggi 10 giugno è disponibile il video su YouTube.

Missey

Il video di “Decade”, realizzato da Created by Travis, si apre con il risveglio di Missey che, disorientata, si alza in piedi e comincia da subito una ricerca esasperata. L’artista, protagonista del video, vaga da una stanza a un’altra fermandosi soltanto per qualche istante, come catturata dalla presenza di alcuni oggetti evocativi, ma senza mai riuscire a placare il suo desiderio di ricerca di consenso da parte di una figura di riferimento, che sembra prontamente precedere Missey nel riordinare tutto ciò che appare confuso e disordinato. Le riprese, coerentemente con l’alternanza continua di luci e ombre, appaiono scisse: da una parte circoscritte temporalmente a un periodo preciso e labirintico, dall’altra sospese e dilatate, solo concettualmente esistenti, enfatizzando così i molteplici significati di “Decade” legati al contesto vissuto da Missey.

Le sonorità decise di Missey, che definiscono uno stile R&B poliedrico e ricercato, unite a una scrittura concreta, convogliano in un’attitudine straordinaria, biglietto da visita della giovane artista che ha le idee chiare sull’identità del suo progetto e non ha paura di lasciar spazio a nuovi scenari interpretativi.

“Ho fatto spesso migliaia di giri intorno a solite stanze in overthinking, rincorso stesse persone, che avevano sviluppato in me una certa visione di me stessa. La sensazione di inadeguatezza e la voglia di impegnarmi quindi sono stati sempre il mio motore più forte, e così quando sentivo di star per raggiungere finalmente quelle figure: mi rendevo conto che non le vedevo più, non c’erano più, erano rimaste nel passato mentre io volevo andare avanti e lontanissimo da lì. Mi ci vogliono giorni, forse decadi di lenti movimenti, studiati con pazienza e cura per coltivare la persona in cui sto cominciando a riconoscermi sempre di più, e va bene così. C’è bisogno di tempo per completarsi e migliorare.”

Missey (1995), nome d’arte di Francesca Sevi, è una cantante e autrice di origini pugliesi che vive a Milano. Nel 2019 avvia il suo percorso artistico con la pubblicazione dei primi singoli “Kaldera” e “Oslo” che anticipano l’uscita dell’EP d’esordio “Prima parte del celeste” per l’etichetta Totally Imported a marzo 2020, ulteriormente impreziosito a luglio dello stesso anno da una raccolta di remix, “Prima parte del celeste – RMX Season”. Si chiude dunque così il primo lavoro discografico di Missey, l’inizio di un viaggio sperimentale ed eclettico nel contemporary R&B, in forte sintonia con i producers che hanno preso parte al progetto: SHUNELaden PatiensOMAKEB.W.BMachweoPolezskyKang Brulèe e infine Lvnar e Iamseife (entrambi producers di Mecna). Nel corso del 2021 comincia il suo percorso come autrice (Warner Chappell), collaborando alla scrittura del brano “Prima che mi perda ancora” all’interno del disco “Sono io” di Wrongonyou e, parallelamente, immagina nuove direzioni sonore per il suo progetto. Ne sono prova “Onirico:sad – Solitudine” su una produzione di Plastica all’interno di “Fasi Emozionali” di Cripta Basement, e la traccia “Torno a casa” contenuta in “Lorem Ipsum”, il disco d’esordio degli RGB Prisma. Queste sono le premesse per il nuovo progetto in studio a cui Missey sta lavorando, anticipato da “Decade”, fulcro di questa nuova fase, che porterà sul palco il 9 luglio a Rapolano Terme (Siena) in apertura a Generic Animal.

Il brano è stato scritto da Missey e prodotto da Omake. Il video è stato diretto e montato da Created by Travis, con la produzione di Studio Cemento e la collaborazione di Camilla La Gala (fashion stylist) con gli abiti di Barbara Bologna e Le Carine, e Romina Acosta (make up artist).

0

Julie si ritrova con Perdere Me e inizia la festa

Venerdì 11 Giugno esce in radio e in digital download, Perdere Me (Carioca Records/Artist First) il nuovo singolo estivo dell’artista “millennials” JULIE!

Julie

Il ritmo dance e l’utilizzo del mitico organo Hammond, ci catapultano immediatamente in una festa estiva anno 90! In PERDERE ME, Julie, non solo ci fa ballare ma fa riaffiorare alla mente momenti magici e spensierati, arricchiti da suoni nuovi e sempre freschi. Lei non ha più voglia di accontentarsi, di compiacere, di annullarsi per chi non ricambia i suoi
sentimenti. Non vuole più essere chi non è. E riesce a cancellare tutto con un colpo di spugna. Ora ha voglia di non pensare, di far festa. Di liberare l’anima in un ballo sulla spiaggia… magari a Malibù. Ed è capace di far vivere le sue sensazioni a chi ascolta “Perdere Me”, come fossero fotografie
ripescate da un album di ricordi. Di bei ricordi. Piacevoli deja-vù che ognuno vorrebbe rivivere. Il brano è stato prodotto, arrangiato e mixato da Leo Curiale al Masterplay Studio in Sicilia e masterizzato da Gianni Bini agli HOG Studios di Viareggio. La distribuzione digitale è affidata a Carioca Records/Artist First.

Lei si chiama Giulia Scroppo, ed è nata a Marzo del 2000. Cresciuta a Campofranco (CL), piccolo centro dei Monti Sicani dove ha da piccolissima dimostrato la sua indole artistica prendendo lezioni di danza, cantando e recitando in vari Musical della compagnia teatrale locale. Dall’età di 8 anni studia canto moderno e partecipa a diversi stage e masterclass, esibendosi in diverse manifestazioni e programmi televisivi locali. Appena maggiorenne Giulia scopre il pianoforte e si ritrova a comporre le sue prime canzoni che vengono incise e curate presso il Master Play Studio seguito dalla direzione artistica di Leo Curiale che ne cura gli arrangiamenti. A Luglio 2020 firma per Carioca Records con cui a Settembre ha pubblicato i primi due singoli, SCIE CHIMICHE, APPESI A UN FILO e ANCORA IN PIEDI che hanno superato i settantamila stream su Spotify. JULIE nelle sue canzoni è semplice ma mai banale. Leggera come un bacio che lascia il segno. Senza filtri e diretta. Allegra e spensierata. canta di sé e dei suoi sogni con leggiadria ed emozione. Un’artista di cui sentirete molto parlare.