0

Acid Muffin, canzone per un amico: Turning & Suffering

Secondo singolo estratto dall’album Bloop degli Acid Muffin uscito a novembre scorso, il brano è accompagnato da un video ufficiale ideato e realizzato da Michel Chabaneau. Turning & Suffering è un brano dedicato a un amico del frontman della band, il suo nome era Amir e aveva problemi di tossicodipendenza. E’ morto di overdose da eroina.

Acid Muffin

Acid Muffin

GUARDA IL  VIDEO DI TURNING & SUFFERING

Marco ha voluto salutarlo così: “Ricordo l’odore del mare, del caldo serale e quell’elettricità che accompagnava ogni notte, sotto la pelle, nel cuore. Avevamo in mano un pugno di stelle e non ce le saremmo fatte togliere per nulla al mondo. I ischi giravano, le chitarre vibravano in brani composti da altri ragazzi d’Oltreoceano che come noi erano lì, vivi e impazienti. I sogni e le speranze s’intrecciavano in quelli che poi sarebbero diventati i nostri tormenti. Mi ricordo che eravamo uniti. Ma tu eri in qualche modo distante, in quel modo in cui solo i ragazzi sanno essere, goffo e arrabbiato. Ricordo che non volevo crederci e ricordo di averci provato molte volte. Mi feriva ancora di più sapere che l’hai fatto senza prenderti cura di ciò che stavi per avvelenare, non solo l’innocenza giovanile, non è morta solo quella. Nessuno è riuscito a salvarti dal tuo dolore, dalla tua solitudine. Come avremmo potuto? In che modo potevamo aiutarti? Non lo so. La tua eredità è finita nel fango, una notte, sotto un ponte di merda. Siamo venuti tutti con te quella notte perché eravamo amici, eravamo lì anche noi.”

0

Eccoci qua, all’ombra del Califfo

Il 30 marzo cade il quarto anniversario dalla scomparsa di Franco Califano e la band L’Ombra del califfo, il 1° aprile renderà omaggio al grande Artista in un concerto evento che si terrà a Latina presso Bacco e Venere (via P.R. Giuliani 12).

L'Ombra del Califfo

L’Ombra del Califfo

Davide Bevacqua e gli altri componenti della band, presenteranno un singolo inedito composto dallo storico bassista e autore di Califano, Frank Del Giudice, che ha scritto alcuni dei più grandi successi del Maestro tra cui Tutto il resto è  noia che rimane ancora oggi il fiore all’occhiello del Califfo. La collaborazione con Frank Del Giudice nasce da un incontro in cui lo stesso aveva sentito cantare Davide Bevacqua (il cantante della band) e gli fece i complimenti per come interpretava i successi del Maestro. Tutto il resto è  noia è il titolo del brano inedito che sarà presentato il 1° aprile durante il tributo live al grande Franco Califano dove l’autore volutamente ha usato parole e modi di dire del grande Artista scomparso, accettando di farlo riconoscendo a Davide Bevacqua semplicità e correttezza umana oltre al grande rispetto e dedizione con cui quasi ogni sera porta la musica del Califfo dal vivo nei locali italiani. Il nuovo brano sarà disponibile sul sito e i social della band (www.ombradelcaliffo.itwww.facebook.com/ombradelcaliffo/?fref=ts,www.ciaomaestro.altervista.org).  La band è composta da: DAVIDE BEVACQUA (voce), MAURO MILETTA (chitarra), EMANUELE LIBERTI (basso), MARIO MARCUCCI (tastiera) e MARCO MALAGOLA (batteria).

0

Tutta l’energia dei Landlord in New Year’s Eve: il VIDEO

Dopo averci mostrato entrambe le facce del loro originale soundscape con gli EP gemelli Aside e Beside, la band riminese dei Landlord completa il suo primo giro intorno al sole e festeggia un anno dall’esordio discografico per INRI con il video di New Year’s Eve. Una clip energica e tagliente dal sapore internazionale, che accompagna un testo fatto di bilanci, ricordi e moniti e prepara a nuovi inizi, sapientemente realizzata da Luigi Antonini, già loro regista per X Factor.

Landlord (foto di )

Landlord (foto di Matteo di Pippo)

GUARDA IL VIDEO

Il video è pura energia in un fitto alternarsi di toni caldi e freddi, bianco e nero, un insieme di luci e l’oscurità più totale. Il fulcro della clip è basato su un continuo movimento, coerente all’andamento del brano e che accentua anche sul piano visivo il ritmo della canzone, ponendo in risalto le singole personalità della band prima fra tutte quella di Francesca Pianini, totalmente a suo agio in questa veste aggressiva e grintosa. Scrollatisi di dosso l’etichetta da Talent dopo più di 40 date live, due concept album ed un vinile nominato tra i migliori artwork italiani del 2016 da Best Art Vinyl, i Landlord percorrono a ritroso un anno di traguardi tra prime posizioni in classifiche di vendita digitali, palchi internazionali e il plauso del pubblico e degli addetti ai lavori. Un memorandum importante che chiude un cerchio metaforico e, come dice il brano, si tratta solo della vigilia di un nuovo moto di rotazione intorno al sole.