0

Julie ci tiene Appesi a un filo

SCIE CHIMICHE, l’apprezzatissimo singolo d’esordio di JULIE uscito in digitale il 4 Settembre raggiunge e supera in
solo venti giorni dalla pubblicazione, ventimila stream su spotify e a sopresa, per festeggiare questo piccolo primo
traguardo, l’artista siciliana rilascia APPESI A UN FILO, suo secondo progetto distribuito su tutte le piattaforme digitali
Venerdì 25 Settembre 2020 pubblicato per Carioca Records e distribuito da Artist First.

Julie
Julie


È sempre facile confondere “nostalgia” con “mancanza e amore” e lo sa bene JULIE che in “APPESI A UN FILO” racconta della difficoltà di un rapporto, del momento in cui nonostante tutto forse è meglio lasciare andare via l’altro. La continua lotta tra dubbi, ricordi e ritorni inaspettati, che affollano la mente di chi è ancora intrappolato nelle radici di quella
storia: restare e rimanere nell’agio dell’abitudine, o lasciarsi andare e fare scegliere al destino? Quando le risposte sono difficili da trovare, la strada più semplice è forse quella di affidare all’altro la possibilità di scegliere cosa sia meglio per entrambi. JULIE nelle sue canzoni è semplice ma mai banale. Leggera come un bacio che lascia il segno. Senza filtri e diretta. Allegra e spensierata. canta di sé e dei suoi sogni con leggiadria ed emozione. nn’artista di cui sentirete molto parlare.

Lei si chiama Giulia Scroppo, ed è nata sotto la prima Primavera del nuovo millennio. Cresciuta a Campofranco (CL), piccolo centro dei Monti Sicani dove ha da piccolissima dimostrato la sua indole artistica prendendo lezioni di danza, cantando e recitando in vari Musical della compagnia teatrale locale. Dall’età di 8 anni studia canto moderno e partecipa a diversi stage e masterclass, esibendosi in diverse manifestazioni e programmi televisivi
locali. Appena maggiorenne Giulia scopre il pianoforte e si ritrova a comporre le sue prime canzoni che vengono incise e curate presso il Master Play Studio seguito dalla direzione artistica di Leo Curiale che ne cura gli arrangiamenti. A Luglio 2020 firma per Carioca Records e i prossimi mesi vedranno la pubblicazione di due singoli, “SCIE CHIMICHE” pubblicato il 4 Settembre e APPESI A UN FILO uscito a sorpresa il 25 dello stesso mese in occasione del superamento dei ventimila stream in venti giorni.

0

Abituata è il nuovo singolo degli Ecofibra

“Abituata” è il nuovo singolo della band ferrarese Ecofibra, disponibile dal 18 settembre su tutte le piattaforme digitali e dal 23 settembre in rotazione radio e video, distribuito da Alka Record Label. Produzione artistica Michele Guberti (Massaga Produzioni), realizzato presso ilNatural Headquarter Studio di Manuele Fusaroli.

Link Spotify: https://open.spotify.com/track/0I7BGHzmsHbhK6FDTSRBRD
Ispirati alle sonorità pop-punk internazionali ed ai testi rock italiani (vicini ai Prozac +), la band torna sulla scena, in una veste completamente rinnovata.“Abituata” è un inno contro tutti coloro che fanno la cosiddetta “doppia faccia”, quelli che criticano ed esprimono giudizi per qualsiasi cosa. La protagonista del brano è una ragazza, ormai abituata a queste dinamiche, al fatto di essere chiamata “stronza” quando prova a controbattere o semplicemente a smontare il punto di vista degli altri. Di conseguenza si lascia scorrere dietro di sé tutto ciò che le viene detto contro, perché la sua opinione, è che non valga la pena di combattere contro chi non è capace di rispettare il pensiero degli altri, o peggio, che cercano di imporre la propria visione del mondo a tutti coloro che li circondano.Dunque, è meglio mentire e far finta di nulla, piuttosto che faticare cercando di far ragionare qualcuno che non ti ascolta.
Gli Ecofibra sono una giovane rock band di Ferrara, fondata alla fine del 2017 da Alessia PivaGianmarco Simone e Francesco Piazzi, che può contare sull’esperienza di Riccardo Simonetti alla batteria. Scrivono e compongono brani in italiano, fondendo tratti di punk, indie e alternative rock. In quasi tre anni di attività, la band ha maturato una notevole esperienza live suonando in tutta Italia e prendendo parte ad alcuni contest nazionali, tra cui Sanremo Rock ed il Tour Music Fest.Nel 2019 escono primi due singoli autoprodotti, “Specchio” e “Fra due ore è martedì”, ispirati alle sonorità del Grunge di Seattle e dall’alternative rock italiano di fine anni ’90.Dall’estate 2020, sono impegnati nella scrittura del primo album, con la collaborazione di Alka Record Label, affidando la produzione a Manuele Fusaroli (noto produttore, che ha lavorato con artisti del calibro di The Zen Circus, Le Luci della centrale elettrica, Il Teatro degli Orrori, Nobraino, Nada, Tre Allegri ragazzi Morti, Management) e Michele Guberti“Abituata” è il nuovo singolo della band ferrarese, disponibile dal 18 settembre su tutte le piattaforme digitali ed in rotazione radio.
Gli Ecofibra sono:Alessia Piva (voce)Gianmarco Simone (basso)Francesco Piazzi (chitarra)Riccardo Simonetti (batteria)

0

Noemi Smorra mette tutto il suo ottimismo nel singolo Adesso

Adesso” è il nuovo singolo di Noemi Smorra, in uscita in radio e nei digital store venerdì 18 settembre per Maqueta Records.

Noemi Smorra

Noemi Smorra

Si tratta di un brano dal sound British / Pop, fatto di chitarre elettriche e sintetizzatori, batterie acustiche ed elettroniche, con un elegante e poetico testo in Italiano scritto e composto insieme a Fernando Alba, che ne ha curato anche la produzione artistica.

“Adesso – racconta la stessa Noemi – è una canzone scritta con il cuore e non di getto o di pancia. Ogni parola della canzone è una goccia di speranza nel futuro che arriva nella nostra vita come un treno, spezzando l’illusione di avere ‘tutto sotto controllo’ e porta via il superfluo, lasciandoci addosso l’essenziale di quel che siamo e di quel che abbiamo”.

https://www.youtube.com/watch?v=bJKMopjzQEk

“Adesso” racconta “del qui ed ora” della possibilità di ripartire, di ricominciare e di liberarsi di quelle vesti che nascondono non solo il proprio corpo, ma anche il proprio essere. Una canzone adatta ai lunghi viaggi, alle tiepide giornate di sole, a quei momenti in cui è necessario concedersi la possibilità di essere felici, anche con poche cose da portare addosso. “Adesso” non invita a rialzarsi dopo una caduta, ma a lasciarsi andare, a farsi trasportare, a distaccarsi dalle cose materiali che riempiono la nostra vita per fare spazio al nuovo.

Quello – conclude Noemi – è il momento esatto in cui l’ADESSO è arrivato, il momento esatto in cui ti senti in grado di poter stare in piedi senza bisogno di appoggiarti a qualcuno o a qualcosa, che la compassione non è più necessaria. ADESSO sta a te decidere se salire sul treno che riparte o restare legati ad un passato che non tornerà”.