0

Negrita, il rock è anche unplugged

Negrita unplugged

I Negrita, ovvero Pau, Cesare “Mac” e Drigo, scelgono la dimensione acustica. Note Spillate ha intervistato Drigo, il chitarrista, per entrare nei gangli di questa metamorfosi. Che non è un cambio di percorso ma una parentesi. E pure molto, ma molto affascinante.

Come si tramuta una anima rock in acustica?
Facciamo un uso differente degli strumenti, non ci siamo snaturati
Come cambia l’uso dello strumento?
Gli strumenti acustici hanno elementi più espressivi, introducono a una dimensione più profonda della musica.
La scaletta?
L’approcio in questo caso è diverso, infatti eseguiamo canzoni che dal vivo mancavano da tempo.
Addirittura?
Qualcuna non la avevamo mai fatta.
Chi vi conosce scatenatamente rock come vi accoglie?
Bene.
Quale è il valore aggiunto?
Andiamo incontro a quel tipo di pubblico che non conosce bene la nostra discografia.
Uno dei motivi per cui potete giocare con la scaletta.
Vero. Proponiamo canzoni che non hanno avuto la forza dei singoli quando sono uscite ma con questo arrangiamento colpiscono. Abbiamo rodate circa 30 canzoni e quando saremo a regime poremo anche fare qualche sorpresa ai fan.
Tipo?
“Vai ragazzo” dal disco “Paradisi per illusi” del 1995: è psichedelica. “Luna” rientra in “Radio Zombie” del 1992 ed è al debutto live.
Canzoni cui avete cambiato abito pesantemente?
“Eldorado”: ruvida ed elettronico con sonorità minimaliste.
Difficile frenare la spinta rock?
E’ il concetto di unplugged che può essere fuorviante. Comporta un lavoro profondo e su più piani.
Rischi?
Lavorando sull’amplificazione degli strumenti non si sa a quale risultato si giunge.
Un rischio divertente, però?
Eccome.
Farete un disco o un dvd?
Registriamo ma non abbiamo preso ancora decisioni.
In tour fino a quando?
Ancora un po’. Poi in estate faremo qualche festival o qualche concerto in luoghi particolari.
Poi vacanza, finalmente?
E’ il terzo tour di “Dannato vivere”. Faremo una estate più tranquilla ma non ci fermiamo: c’è il nuovo disco da preparare.

notespillate

notespillate

Giornalista musicale, lavoro a Sky TG24

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *