0

Home Festival, con 80 artisti Treviso è capitale della musica

Rumatera

È arrivata l’atteso momento dell’Home Festival. Prende il via nella zona della Dogana a Treviso alle ore 18:00 di domani, giovedì 5 settembre, il più grande festival musicala, a ingresso gratuito, esistente oggi in Italia: 4 giorni di kermesse, più di 80 artisti dal vivo su 6 palchi diversi in un’area di 95mila metri quadrati.

Oltre all’obiettivo delle 100 mila presenze, un’altra delle grandi sfide per gli organizzatori dell’Home Festival è quella legata al consolidamento del rapporto col territorio d’origine e anche per la quarta edizione la prima giornata del festival sarà “Veneto Attack”, dedicata alla scena musicale e culturale della Marca Trevigiana e dell’intera regione Veneto.

Si parte dalla partnership con l’etichetta indipendente Grande V Records, nata nel 2012 con la mission di scoprire e far crescere i talenti musicali del Nordest, che sarà presente in grande spolvero con un proprio palco dove suoneranno tutte le band dell’etichetta: si parte Cellulite Star e Fo-go.

Per l’esordio del Play Van Tour, la roulotte-palco ideata dalla storico locale vicentino Vinile di Rosà assieme allo studio di registrazione I-Want Studios e al magazine Sound and Vision, è stato pensato un dialogo con Ricky Bizzarro. Storico musicista trevigiano dei Radiofiera, sarà lui a spiegare i limiti e i pregi dei veneti sul palco. L’evento di punta è fissato per sabato 7 settembre con Michelangelo Pistoletto, la star internazionale dell’arte contemporanea in mostra personale fino a pochi giorni fa al Louvre di Parigi che presenterà il progetto Rebirth-day, la giornata universale della rinascita.

Detto della parte culturale, il piatto principale della prima giornata dell’Home Festival sarà composto dai più importanti nomi della scena musicale veneta che durante le loro singole esibizioni già richiamano migliaia di giovani e meno giovani: gli attesissimi Rumatera, i Los Massadores e Herman Medrano & the Groovy monkeys sul main stage Home Rock Bar; Gottardo Project, Osteria Popolare Berica e I Tirataie sul Jack Daniel’s Stage.

Nomi che non hanno bisogno di troppe presentazioni e che coprono l’intero asse musicale veneto: dal folk bellunese de I Tirataie alle ballate dell’Opb, passando per l’indie rock degli Sportivi (unica band veneta allo Sziget 2013, il più grande festival europeo), fino ai fenomenali Rumatera e i Los Massadores che, anche grazie allo show quasi teatrale che propongono dal palco, sono riusciti a crearsi un vero e proprio popolo di fan. A sottolineare la ricchezza della proposta artistica, “on the road” ci saranno i Bloko Intestinhao, un gruppo composto da una ventina di percussionisti che traducono l’anima del Brasile nel Veneto che batte sui tamburi. Nella programmazione di giovedì 5 settembre che si chiuderà sul Red Bull Tourbus con i dj set di 2 guys in Venice e di Cerri & #Diesis from Cult Note, è previsto anche il contest hip hop di Radio Piter Pan e sul Go Down Record stage le performance di Dogs in Flat, Bleeding Eyes e Asperatus.

Venerdì 6 settembre arriva il sound degli anni Novanta, affiancato dal trend del dub e dello ska, spiccano i nomi di Statuto, Linea 77, Persiana Jones, il folk di Muchachito Bombo Infierno, Fgm B-Folk Band al loro ultimo concerto, il rock e funk di Sixteens Again, Black Beat Movement, Alessandro Novello Band, John see a day,  Bermudas, Humulus, Mondo Naif. I protagonisti più attesi della serata saranno però il rapper, beat maker e writer Salmo, il gruppo britannico di musica elettronica che si contraddistingue per l’impegno politico e sociale degli Asian Dub Foundation e gli Africa Unite, il primo vero gruppo reggae italiano, che si presenterà con la storica formazione del disco “Babilonia e Poesia”.

Info e programma completo su www.homefestival.eu

notespillate

notespillate

Giornalista musicale, lavoro a Sky TG24

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *