0

Renzo Rubino torna a Sanremo: una serata speciale dove un grande si è presentato alla musica

Renzo Rubino

Renzo Rubino torna a Sanremo. E ritrova tanti amici, tra cui Lola, che lui considera la sua mamma sanremese e che “quando soggiornavo da queste parti e non avevo soldi mi ospitava in una sua stanza. Siamo rimasti in contatto e sono emozionato a saperla in platea sabato sera al Teatro dell’Opera”. Note Spillate ha sempre creduto in Renzo e ora ha un motivo di più per farlo: Sanremo bis e senza Festival.

Emozione Sanremo?
Eccome. Io a Sanremo è stata una esperienza straordinaria. Ci sono arrivato attraverso Area Sanremo. Rivedere i luoghi che mi hanno accolto e lanciato sarà fantastico. Rifare lì “Il postino (amami uomo)” sarà speciale.
Ci racconta il suo concerto?
Non solo le canzoni del mio primo disco “Poppins”. Ci saranno delle immagini e poi ho curato molto le luci. Sarà uno spettacolo nel senso ampio del termine. E inoltre racconterò la mia storia, tra un brano e l’altro descriverò come sono arrivato nella Riviera ligure.
Lei eramusicista prima di arrivare a Sanremo.
L’arte mi affascina in tutte le sue forme. In questo periodo che riesco a stare un po’ di giorni a casa a Roma ho ripreso a dipingere. Ciò non toglie che la forma canzone è per me prioritaria.
Scirve canzoni?
Certo. Pochi giorni fa ho consegnato alla Sony diciassette nuove canzoni. Sto lavorando al nuovo album. Spero di pubblicarlo prima dell’estate 2014.
Abbiano “Poppins” apprezzato per la sua eterogeneità: che ci attende?
Il prossimo album vi sorprenderà. Sarà un’altra cosa. Ammiro Jovanotti che ogni disco è diverso dal precedente. Non mi paragono a lui ma cerco di stupire sempre.
Confermiamo, noi che la seguiamo dagli albori. Novità?
A dicembre suonerò al Blue Note di Milano. E’ un luogo mitico della musica a ogni latitudine.
Emozionato?
Sarà un’altra serata speciale. Ma ci penserò più avanti, ora mi attende il ritorno a Sanremo.

notespillate

notespillate

Giornalista musicale, lavoro a sky.it e collaboro col Secolo XIX. E poi c'è il blog note spillate

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *