0

Luca Carboni e Bologna, un amore lungo 30 anni

Una notte magica per Bologna. Luca Carboni e tanti suoi amici si sono dati appuntamento al Paladozza di piazzale Azzarita per celebrare i 30 anni di carriera. Tre ore di concerto, lacrime, urla, emozioni, il ricordo di Claudio Lolli, Lucio Dalla, Pierangelo Bertoli, immagini in bianco e nero, luci psichedeliche e momenti intimi.

Luca Carboni con Lorenzo Jovanotti

Luca Carboni con Lorenzo Jovanotti

Il cantautore bolognese, uscito da poco col disco Fisico & Politico prima di partire per il tour ha voluto radunare sotto casa, nel suo quartiere come ha detto, più amici possibili tra quelli che hanno contribuito alla realizzazione del disco. Ne sono arrivati davvero tanti.Il primo ad apparire al piano è stato Ron, che ha accompagnato Carboni in Ci stiamo sbagliando e Questa sera. Poi gli Stadio con “Fragole” e Lampo di vita, I colori con Andrea Mingardi hanno segnato il debutto di Carboni nel suo vernacolo, il bolognese. Emozioni tante con Samuele Bersani e Gli autobus: uno struggente racconto di Bologna by night. Poi il concerto si declina al femminile con la Farfallina di Alice e l’immensa Elisa di Vieni a vivere; in pezzo la Primavera di Antonacci. Si va verso il finale con Tiziano ferro, che duetto in Persone silenziose e Pensami al tramonto e Lorenzo, accompagnato al basso da Saturnino, che partecipa con Le storie d’amore/puttanespose e Ci vuole un fisico bestiale: tutto molto rap, tutto da ballare. La note magica si spegne con i tre bis: l’omaggio a Lucio Dalla con Piazza grande che Luca Carboni fa con Gianni Morandi e poi tornano Lorenzo per la benaugurante O è natale tutti i giorni e Biagio, per i saluti, con Mare mare. Si spengono le luci, resta la magia, Bologna ha scritto una grande pagina di musica.

notespillate

notespillate

Giornalista musicale, lavoro a sky.it e collaboro col Secolo XIX. E poi c'è il blog note spillate

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *