0

Al Vaglio il mio vizio migliore

Il venerdì 14 marzo sarà disponibile in digital download e su tutte le piattaforme streaming “Iil mio vizio migliore”, il primo singolo della cantautrice pugliese Valeria Vaglio che anticipa l’uscita dell’omonimo album, il 21 marzo.

La cover di Valeria Vaglio

La cover di Valeria Vaglio

L’artista pugliese così commenta il suo lavoro: “Il mio vizio migliore riassume a 360 gradi il senso di impotenza che si prova davanti ad un’indole contro cui non si può combattere, quella che ti fa dare senza mai chiedere nulla in cambio. L’amore incondizionato di un’amicizia a senso unico mette con le spalle al muro, lasciando solo la possibilità di urlare il proprio disagio”. Questo è il terzo album di inediti della cantautrice pugliese, interamente autoprodotto e distribuito da Artist Fist, che racconta storie vere, vissute o osservate. È composto da 10 tracce inedite, tra cui una bonus track in inglese.

Valeria Vaglio nasce a Bari il 28 giugno 1980. All’età di 8 anni inizia a studiare pianoforte e successivamente si dedica alla chitarra e al canto. A 16 anni comincia a comporre i primi brani e ad esibirsi dal vivo. Nel 2005 vince una borsa di studio SIAE e frequenta il “Corso di perfezionamento per autori di testi” presso il Cet di Mogol. Nel 2008 partecipa alla 58° edizione del Festival di Sanremo nella categoria giovani con il brano “Ore ed Ore”, pubblicato nell’album “Stato innaturale” (RCA/Sony Music). Il 7 maggio 2010 esce il suo secondo album “Uscita di insicurezza” (Carosello/Artist First) composto da sette brani inediti e prodotto da Diego Calvetti. Solo un pezzo, “Nonostante le assenze”, è stato composto a quattro mani con Bungaro.

Valeria Vaglio è un’attiva sostenitrice di Amnesty International e delle campagne contro l’omofobia: nel 2009 si è esibita infatti in occasione della Giornata Mondiale contro l’Omofobia e al Teatro EDI di Milano per la Giornata contro la Violenza sulle Donne.

 

notespillate

notespillate

Giornalista musicale, lavoro a sky.it e collaboro col Secolo XIX. E poi c'è il blog note spillate

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *