0

Mondo Marcio nella bocca della Tigre

Quello che credi non possa mai accadere…all’improvviso accade. Dopo anni di cortesi rifiuti Mina acconsente a cedere dei sample con la sua voce originale a un artista affinché li inserisca nelle canzoni del suo disco. A strappare il sì è stato il rapper Mondo Marcio: nasce così il concept album “Nella bocca della Tigre”. LO abbiamo incontrato e intervistato.

Mondo Marcio

Mondo Marcio

Partiamo dall’idea.
Ero un po’ annoiato, stavo lavorando al disco nuovo ma con poca ispirazione.
Perché?
La musica che sentivo in giro, in radio non mi piaceva.
Cosa cercava?
Provini un po’ diversi, in controtendenza.
Poi che è successo?
Mi è capitato un “campionamento” di “Un bacio? (Troppo poco)”…di Mina. Sapevo dice sempre no all’utilizzo dei suoi campionamenti ma ci ho provato.
E le è andata splendidamente.
Quando è squillato il telefono ed era lei quasi non ci credevo.
Cosa ha significato per lei il sì di Mina?
Tantissimo soprattutto per ciò che rappresenta. Mi ha fatto tanti complimenti, si è messa al mio livello. Ha apprezzato lo stile e l’interpretazione che ho dato, le è piaciuto il mio sample.
Che vi siete detti?
Che dovevamo restare sulla linea di “Un bacio? (Troppo poco)” perché è una cosa nuova, non un riutilizzo.
Quindi come ha proseguito?
Ho pescato in un repertorio meno noto, tranne “Solo parole”.
Ansia?
La carta bianca che mi ha dato mi ha messo a mio agio. Poteva chiamarmi in studio e dire lavoriamo con i miei produttori invece mi ha detto di fare come ritenevo ed eventuali richieste farle a Massimiliano (Pani, ndr).
Che pensa di Mina?
E’ sempre stata una rivoluzionaria, ha anticipato di 40 anni Madonna e Lady Gaga, ha sempre cercato di andare controtendenza. Il mio disco è coraggioso per quello.
Si sente coraggioso?
Essere il primo è sempre un rischio ma bisogna osare, sento in giro troppa paura.
Dunque è felice.
Sono contento di questo lavoro perché la musica che c’è nel disco ha funzionato come supporto alla storia di un ragazzo che si impegna per farcela e ce la vuole fare.
Ha faticato a scrivere?
Sono canzoni sincere, ti prendono la pancia: canzoni d’amore, di abbandono, storie che tutti possiamo vivere.
Ora che succede?
Faccio promozione, qualcosa live in estate poi il tour vero parte a ottobre.
Il rap è in salute?
E’ il lato b delle cose, è quello che non trovi in tivù o al tg. Non c’è nulla in giro come il mio disco.

notespillate

notespillate

Giornalista musicale, lavoro a sky.it e collaboro col Secolo XIX. E poi c'è il blog note spillate

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *