0

Si parla Britalian con The Van Houtens

I Van Houtens  tornano alla ribalta con Britalian , il loro nuovo ep in uscita il prossimo 13 maggio per Metatron, già anticipato dal singolo ad alto contenuto pop Robert Downey Jr e da un video in anteprima assoluta sul canale Condé Nast Live!

The Van Houten

The Van Houten

“Britalian” è il secondo progetto discografico del duo, manifesto dello stile di canto che ne porta il nome: un allegro mix di italiano e inglese, già anticipato nel precedente disco Flop! con il brano John Ferrara & Betty Karpoff .  La fantomatica pop band dalla doppia nazionalità e certificata alla nascita dall’ insospettabile colosso MacDonalds, si prepara così a conquistare il pubblico a suon di motivetti pericolosamente catchy e originali giochi linguistici.

Inizialmente concepito come triplo album stampato solo su vinile a tiratura limitata, Britalian viene ridotto all’osso: sei brani tra cui uno molto bello, due carini, due che si lasciano ascoltare e uno che piace solo al label manager. Sta a voi indovinare di che categoria fa parte Music Fanatic featuring d’eccezione con La Bionda, guru e pionieri della discomusic all’italiana.

Frizzante e deliziosamente vintage, la combo formata dai fratelli Alan Ramon e Karen Rossi ha saputo ritagliarsi un singolare spazio nell’intricato panorama musicale a cavallo tra la penisola e il Regno Unito, affiancando un’anima post-beatlesiana a sfumature ironiche marcatamente punk. Di padre italiano e madre inglese i Van Houtens praticano sin da piccoli l’arte della mediazione anche se dopo tanto sperimentare sembrano arrivati ad una solida conclusione: le parolacce suonano meglio se cantate in inglese. E’ per questo che ascoltare Britalian è un pò come mangiare spaghetti e bere un English tea nello stesso momento, provando un insolito piacere nel farlo.  Ricky Martin negli anni 90 cantava in “Spanglish” poi diventò gay. Nel caso qualcuno avvisi la ragazza di Alan.

notespillate

notespillate

Giornalista musicale, lavoro a sky.it e collaboro col Secolo XIX. E poi c'è il blog note spillate

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *