0

Per Heleonor e Rosencrutz ci sono i…Misfatto

Il nuovo album della band piacentina raccoglie 10 brani che sono la colonna sonora di un viaggio psichedelico intricato e complesso, a tratti passionale, con una progressione sempre più rock che sfocia in un finale purificatore e liberatorio.

I Misfatto

I Misfatto

Il disco è liberamente ispirato al secondo libro di Gabriele Finotti, La chiesa senza tetto – 35 sogni a Lisbona, edizioni Zona. I brani Heleonor e Rosencrutz, che danno il titolo all’album stesso, sono i poli opposti di personaggi storici inventati e reali. Rinascere, Ero fuori di casa e Trentacinque sogni sono l’ossatura del viaggio psichedelico, mentre Sono viva e Goodnight sono la catartica fuga verso la dimensione del sogno e della chiesa senza tetto, la Igreja do Carmo, la chiesa di Lisbona rimasta in piedi dopo il devastante terremoto del 1755. Impennate Trip-rock (genere che i Misfatto portano avanti dal 2000), Prog-rock accennato e melodie pop rock si uniscono alle voci maschili e femminili di Alberto Zucconi, all’esordio con squillante ugola giovane e di Melody Castellari, icona dance degli anni 90, figlia d’arte ed esempio di purezza melodica (il nome , non d’arte è una garanzia). Gli anni 90 si sentono nell’album, tributi rock di qua e di là, chitarre ruggenti e di atmosfera (Finotti), organo hammond Lordiano (Baioni), sezione ritmica precisa ed energica dei giovani Farinelli(batteria) e Cavallaro(basso) rendono il disco un album tra il concept ed il ritorno al concetto stesso di ALBUM. Comunque una band che tra aprile e settembre ha già affrontato il suo RosenTour , sperimentale insieme di concerti nell’Italia del nord per suoni e per atteggiamento da band rock sui palchi.

La massoneria e l’anti-massoneria, il ricordo e la dimenticanza, la purezza ed il peccato richiedono più di un ascolto, per non far morire gli eroi arrivati secondi (come Undici Eroi Morti album dei Misfatto del 2011), per far almeno sopravvivere Heleonor e Rosencrutz dopo la loro fine non voluta dal destino del fuoco e della terra.

notespillate

notespillate

Giornalista musicale, lavoro a Sky TG24

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *