0

All Out, pronti per la tv in teatro?

Amate la tv e i vostri programmi preferiti sono game-show e reality? Il teatro vi affascina ma non pensate faccia per voi? La soluzione al problema è al Teatro Caboto di Milano fino al 30 novembre! All Out – Pronti a tutto è una commedia dissacrante che mescola televisione e teatro, basata sull’opera dello sceneggiatore americano , è messa in scena in Europa per la prima volta in assoluto dalla Compagnia Lyra Teatro. La regia è di Laura Tanzi e Demetrio Triglia. Lo abbiamo visto per voi.

All Out, un momento dello spettacolo

All Out, un momento dello spettacolo

di Matteo Rossini

Lo spettacolo presenta i meccanismi autorali di un programma televisivo in cui il confine tra moralità e degradazione umana è più che labile. La rappresentazione, che per certi versi ricorda Live – Ascolti record al primo colpo di Eva Mendes, porta sul palco uno studio televisivo in cui produttori assetati di ascolti e concorrenti in cerca di una svolta economica mostrano i diversi punti di vista davanti a un programma con scelte sempre più difficili.

I cinque concorrenti, tutti rappresentanti diverse tipologie di persone, devono prendere decisioni difficili, quattro sfide li separano dal montepremi finale di 100.000 dollari, conquistabile solo dopo aver superato tutte le prove, compresa l’ultima, impensabile e shockante. La compagnia sceglie una rappresentazione veloce e “interattiva” dando ai presenti due poltrone da cui trarre altrettante letture: quella del telespettatore seduto sul divano che guarda un programma tv senza conoscere i retroscena e quella del pubblico presente in studio che assiste a ciò che succede a telecamere spente.

Per tutta la durata lo spettacolo cammina su due binari distinti, ma sempre paralleli: da un lato il punto di vista e i pensieri dei concorrenti, dall’altro quello della produzione, da una parte la moralità che dovrebbe essere alla base di certi programmi e dall’altra la voglia di assecondare il desiderio del pubblico spingendosi sempre più in là. All Out – Pronti a tutto si basa sull’alternanza tra tempi televisivi e teatrali e riesce a tenere col fiato sospeso fino alla fine lasciando a bocca aperta, senza però lanciare un messaggio finale, ognuno sarà libero di trarre le proprie conclusioni.

All Out – Pronti a tutto è la chiara dimostrazione che quando il teatro non è snob con la tv, il risultato è più che stupefacente.

notespillate

notespillate

Giornalista musicale, lavoro a sky.it e collaboro col Secolo XIX. E poi c'è il blog note spillate

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *