0

La tracklist festiva di Linda Avolio

Premessa: non sono una grande amante del Natale. Vi dico solo che già verso i primi giorni di novembre inizio a guardare a ripetizione su YouTube il video Natale di Merda di SpazioBianco, giusto per farvi capire a che livello non sia una fan del 25 dicembre, che ormai ogni anno sembra giungere e invadere le città sempre prima. A ogni modo, non sono qui per fare il grinch della situazione, sono qui per la mia lista delle 10 canzoni di Natale. Che sarà totalmente casuale, sarà il mio lettore mp3 in funzionalità random a guidarmi durante le feste. Speriamo bene.

Evanescence

Evanescence

Evanescence – My Immortal. Il mio lettorino parte bene. Questa canzone degli Evanescence dei tempi d’oro è dolce e malinconica al punto giusto per trascinarmi (mio malgrado) nel clima natalizio.

Lana Del Rey – Black Beauty. Mi sa che anche Lana non è una grande fan del Natale. Si tinge le unghie e i capelli di nero, è consumata da questo amore non corrisposto. Insomma, un manifesto alla gioia e alla positività!

Zoe Keating – Flying & Floating. Ah, lei è un genio. Una poetessa del violoncello. Non vi dico nulla, andate a vedervi qualche video su YouTube, magari dove si esibisce dal vivo, e poi capirete. Sarei onorata di passare il Natale con lei, sarebbe un regalo meraviglioso!!

Gianna Nannini – Salvami (feat. Giorgia). Gianna, salvami tu dal Natale e dalle feste comandate!!

MuDvAyNe – Everything and Nothing. Con i MuDvAyNe mi sono fermata al loro primo disco. Che, però, spacca parecchio. Questa, poi è la mia preferita. Cattiverrimi!

Robbie Williams – Kis (feat Kylie Minogue). Altro salto nel passato (recente). Ma che figo era il video di questa canzone? Verrebbe quasi voglia di darsi a danze scatenate!

Green Day – Hold On. Ci proviamo Billie Joe, ci proviamo ad andare avanti. Ma con tutte ‘ste lucine è dura, viene voglia di fare una strage!

Hole – Malibu. Da un disco che io amo molto (Celebrity Skin) e che, a mio parere, ha chiuso l’epoca d’oro del gruppo di Courtney Love. Ecco, io a Malibu ci andrei subito, specialmente in questo periodo dell’anno.

Kittie – Paperdoll (remix). I tempi del debutto di questa band metal canadese formata da “gattine” con le unghie belle affilate! Quant’era incazzata Morgan Lander!! Attenzione, perché “she wants you to eat her pain, she wants you to eat her remains”. Altro che pranzo di Natale!

Tori Amos – Winter. Provvidenziale. Una giovane Tori mi fa tornare ai tempi in cui facevo i pupazzi di neve con mio padre. Mi scende una lacrimuccia, anch’io in fondo ho un cuore.

notespillate

notespillate

Giornalista musicale, lavoro a sky.it e collaboro col Secolo XIX. E poi c'è il blog note spillate

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *