0

Anna Tatangelo, “libera” tra i fan

Reduce dall’incredibile e tanto contestata eliminazione alla quarta serata del Festival di Sanremo, Anna Tatangelo ha iniziato il suo tour di firma copie. Si è presentata in jeans, camicetta nera e giacca di pelle alla Feltrinelli di Bari del centro commerciale Mongolfiera e i suoi fan, in fila già dal primo pomeriggio, al suo arrivo l’hanno accolta con tanto affetto e calore intonando Libera.

Anna Tatangelo con i fan

Anna Tatangelo con i fan

di Milly Abrusci

La Tatangelo non è quella donna aggressiva e guardinga che siamo soliti vedere in tv, Anna è una ragazza di ventotto anni, mamma di un bimbo di cinque, che appena entra in libreria e vede dei DVD dei cartoni animati della Disney rimane incantata. E’ dolce, timida e disponibile, non come tanti altri cantanti che firmano frettolosamente il disco senza nemmeno guardarti negli occhi. Anna ti abbraccia, ti bacia, ti prende il cellulare e scatta un bel selfie.

Anna Tatangelo

Anna Tatangelo

Non si siede dietro una scrivania, non è lì solo ed esclusivamente per promuovere il suo disco. Anna rimane in piedi, risponde alle domande, s’intrattiene con i fan e, per alleggerire l’attesa ai numerosi ragazzi che l’aspettano fuori, tra una foto e l’altra, ogni tanto esce dalla libreria per una foto di gruppo. Alla vista di una fan emozionata fino alle lacrime, cerca di incoraggiarla: “Perché piangi? Adesso vieni male in foto”. Si emoziona quando un bambino le consegna un disegno, si ferma un attimo quando apre il cd per autografarlo e trova una lettera, sposta i capelli da un lato all’altro quando è in imbarazzo. E’ questa la Tatangelo. A fine 2013 è andato in onda lo show Questi siamo noi con Gigi D’Alessio: in quell’occasione sono stati tanti gli ospiti che sono saliti sul palco, tra i quali Kekko Silvestre dei Modà. E’ nata così la loro collaborazione con il testo di Senza dire che, Muchacha e, infine, Libera. Ora è attesa dal tour.

notespillate

notespillate

Giornalista musicale, lavoro a sky.it e collaboro col Secolo XIX. E poi c'è il blog note spillate

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *