0

Miss Fritty e il Pastafari Dub sostenuto da Puglia Sounds

Pastafari Dub è l’album di debutto di Miss Fritty prodotto da Ariwa Sound (UK) e Goodfellas (ITA) con il sostegno di Puglia Sounds Record 2015. E’ una sorta di “esperimento linguistico” che nasce dal desiderio di unire la cultura italiana e pugliese dal punto di vista musicale, sociale, sentimentale e culinario a quella Giamaicana.

Miss Fritty

Miss Fritty

Guarda il video di Pastafari

Il risultato è un “melting pot” di dialetto barese, italiano e inglese su strumentali roots reggae che estende il dialetto regionale ad un pubblico più vasto.  La voce di Miss Fritty e il dub di Joe Ariwa, figlio del noto produttore Mad Professor, si fondono in sonorità che intrecciano roots rock lovers tipicamente britanniche e rap pugliese, creando una connessione tra le due culture. Le atmosfere morbide dei brani sono il fulcro attorno al quale ruota tutto il disco, il tempo e la sensualità del sound vogliono dare un’impronta marcatamente femminile al progetto. Non si tratta di un concept album, ma è centrale il tema della donna. Il disco contiene anche il singolo Maphia in cui Miss Fritty duetta con Michael Prophet, veterano della scena roots reggae noto per il suo “pianto” dalla vocalità tenorile. Produttore del progetto è lo stesso Mad Professor, figura di spicco tra i musicisti dub: ha collaborato con artisti di fama mondiale, sia reggae come Lee “Scratch” Perry, Sly and Robbie, Horace Andy e Pato Banton che al di fuori dai confini della musica giamaicana, come il duo inglese Massive Attack. Il lavoro è stato svolto principalmente a Londra presso Ariwa Studios Ltd, con la supervisione di Joe Ariwa, Mad Professor e altri noti musicisti come Black Steel ed Horseman che regalano all’album sonorità organiche dal carattere peculiare. La stesura delle liriche di Miss Fritty è avvenuta tra Londra e Bari, città decisiva per l’ispirazione poetica.

notespillate

notespillate

Giornalista musicale, lavoro a sky.it e collaboro col Secolo XIX. E poi c'è il blog note spillate

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *