0

I Lexie partono da Starting From Lungs

Marta Maria Di Nozzi, Leonardo Carfora e Valerio Tangorra sono i membri della band romana Lexie. Rispettivamente cantante, chitarrista e batterista, a febbraio hanno presentato il loro primo EP Starting From Lungs, in cui sono presenti cinque tracce plasmate tra electro pop e venature rock. Marta ci ha parlato del progetto.

Lexie

Lexie

di Milly Abrusci

Che cosa rappresenta Starting From Lungs, il vostro primo EP?
Rappresenta la rinascita sia dal punto di vista musicale che personale e con questo titolo volevamo esprimere la voglia di rinnovamento che poi è il filo conduttore che percorre ogni canzone. Dal punto di vista musicale venivamo da progetti precedenti in cui facevamo altre cose, abbiamo voluto creare qualcosa di nuovo e quindi siamo partiti da dove tutto prende forma, dal respiro.
Come vi siete formati?
Leonardo ed io suonavamo con un altro gruppo e quando abbiamo deciso di formare i Lexie, ci mancava un batterista e abbiamo preso Valerio.
Come mai Lexie?
Voleva essere un omaggio al mondo femminile perché ci siamo accorti che nei nostri testi la componente femminile era piuttosto presente, sia perché i testi li scrivo io che sono una donna e sia perché sono per un’altra donna. Tra i tanti nomi femminili Lexie ci è sembrato il più appropriato.
Questo EP è una dedica a qualcuno in particolare?
Tutte le canzoni dell’EP parlano di storie personali, l’unica che si distingue perché non parla di una relazione con un’altra persona è Lights, che affronta tematiche differenti. Quindi sì, sono state ispirate da qualcuno che è passato nella mia vita.
Hide è stata la prima canzone a essere stata scritta e racconta la storia di tutti voi. Perché non l’avete scelta anche come titolo dell’EP?
Perché Starting From Lungs affrontava un po’ meglio il tema della rinascita, parla proprio di quando incontri una persona e sembra di tornare a vivere, che tutto ciò che c’era stato prima fosse stata una sopravvivenza più che un vivere veramente; mentre Hide parla di quando sfuggiamo da noi stessi e cerchiamo risposte negli altri. Per il filo conduttore che volevamo dare a tutto l’album, Starting From Lungs ci sembrava il titolo più adatto.
Come mai la scelta di cantare in inglese?
Per due motivi principali: io scrivo in inglese da quando ero piccola, mi sono sempre ispirata a musiche che venivano da fuori e quindi mi viene più facile scrivere in inglese; e poi perché, per un progetto come il nostro che è l’electro pop, forse è più di stampo internazionale cantare in inglese. Per il genere ci sembrava più adatto.
Avete dichiarato che non farete mai un reality, soprattutto in Italia.
Non ci sentiamo per niente adatti a un programma del genere e per quanto riguarda i talent italiani ho l’impressione che l’artista sia sfruttato poiché dietro ci sono le case discografiche. Per ora è una cosa che non ci interessa fare, non so se all’estero la situazione sia diversa, ma noi viviamo in Italia e per noi è no.
Qual è la canzone alla quale siete più legati?
Probabilmente Hide perché è stata la prima a essere stata scritta e poi perché, in effetti, con gli arrangiamenti e con la registrazione secondo me è uscito davvero il significato che la canzone vuole trasmettere.
Attualmente siete impegnati in concerti in locali romani.
Sì, abbiamo fatto diverse date. Ora il 16 maggio apriremo il concerto a un altro artista al Contestaccio. Insomma, stiamo girando un po’ e speriamo di fare qualche data anche fuori Roma.
Che riscontro state avendo?
Siamo positivamente colpiti perché siamo partiti in quest’avventura sperando che le cose andassero bene, ma senza aspettative particolari. Con l’uscita del disco, del video e con i live, abbiamo notato che le persone sono interessate e quindi siamo contenti.
Qual è la differenza più grande tra di voi?
In realtà funzioniamo perché siamo tutti e tre totalmente diversi. All’inizio del progetto abbiamo avuto qualche problema perché non riuscivamo a conciliarci, poi dopo ci siamo riusciti e abbiamo scoperto che lavorare insieme funziona.

notespillate

notespillate

Giornalista musicale, lavoro a Sky TG24

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *