0

Jay Santos con “Dale Morena” lancia la hit dell’estate 2015

Jay Santos ha solo 27 anni, il suo repertorio musicale conta ancora solo tre singoli, ma è già l’artista dance/latino numero uno in Europa. Le sue canzoni hanno conquistato tutta l’Europa e l’America Latina e con un breve tour in Italia spera di riuscire ad ammaliare anche il Bel Paese.

Jay Santos

Jay Santos

di Milly Abrusci

Il 5 giugno è uscito in Italia il suo terzo singolo, Dale Morena. Cosa c’è di diverso rispetto a Noche De Estrellas e Caliente?
E’ un singolo più maturo e con molta più esperienza. In tre anni di carriera ho imparato tantissimo a livello musicale e professionale, spero che possa diventare il pezzo forte di questa estate 2015.
Nato a Bogotá, trasferito a Roma, per poi stabilirsi a Madrid. Quanto c’è di italiano e quanto di latino nella sua musica?
Credo che a questo punto ci sia un 50 per cento di italiano e un 50 per cento di latino, dato che quasi metà della mia vita ho vissuto in Italia. Mi sento italiano al 100 per cento, conosco la cultura italiana e la sua musica, da Eros Ramazzotti a Nek a Max Pezzali. Ho imparato molto vivendo a Roma per tanti anni.
Il suo artista italiano preferito?
Mi piace da sempre Nek, lo ascoltavo da piccolo e adoro molto la sua voce, il sentimento di Eros Ramazzotti e Tiziano Ferro. Delle donne, invece, Laura Pausini. A chi non piace? E’ l’artista italiana più famosa in tutto il mondo.
Nel 2012 ha duettato con Jose De Rico e Henry Mendez, come li ha conosciuti?
Erano amici miei da parecchio tempo, poi un giorno gli ho inviato il mio pezzo Noche De Estrellas, è piaciuto tantissimo a entrambi e abbiamo deciso di cantarlo insieme. In Spagna ha avuto un successo allucinante, ottenendo il disco d’oro e oltre 20 milioni di visualizzazioni su YouTube, ed è stata una delle canzoni dell’estate 2012. E’ stato il mio primo singolo e subito dopo abbiamo iniziato a lavorare su tutta la mia carriera mondiale.
Niente male come debutto.
Non poteva andare meglio. E’ stato un grande successo grazie al pubblico e a Dio per la grande opportunità che mi ha dato di portare la mia musica tra la gente.
Nel 2013 ha creato una sua etichetta discografica, la Envimusic.
Vedendo un po’ come funzionava il business musicale e le etichette discografiche europee, mi sono accorto che mancava qualcosa di nuovo e gente giovane che facesse bella musica. Inoltre, mancava un’etichetta che si specializzasse nel dance latino e ho pensato che fosse necessario creare qualcosa che si concentrasse a questo tipo di musica latina che si mescola al dance e all’electro loop flow. Stanno uscendo tanti artisti con questo stile musicale e quindi abbiamo deciso di fondare la Envimusic.
Qual è il segreto del suo successo?
Il lavoro e la disciplina.
Dopo un tour internazionale di oltre 200 concerti che l’hanno vista protagonista in Europa e in America Latina, adesso fa tappa in Italia.
Sono stato a Gordola (CH), a Milano e poi il 27 Giugno starò al Dance Motion Festival Lacchiarella e al Light Summer Club ad Alba (CN), per poi spostarmi al Papeete Beach (Milano Marittima) l’11 luglio e il 4 agosto all’Alma Beach Studios (Cagliari).
In Europa e in America Latina ha riempito gli stadi in tutte le date, un vero e proprio trionfo.
Sì, credo che ci sia qualcosa dietro che si chiama energia, che mi ha aiutato dall’inizio della mia carriera. Lavoriamo moltissimo e con tanta gente bravissima, credo che si vede e quando c’è tutto questo anche il successo arriva.
Quando uscirà l’album?
Sensations uscirà a settembre in tutto il mondo. Adesso stiamo finendo tutte le canzoni, in tutto sono più di 12, con artisti internazionali. Sarà il primo disco, con un Jay Santos molto variegato, con musica reggaeton, dance, deep house e un po’ di baciata ed electro flow che non manca mai.
Ci farà ballare ancora.
Balleremo moltissimo.
Ci sarà spazio per qualche duetto?
Sarà un album pieno zeppo di duetti con artisti latini molto conosciuti di Miami, della Colombia, di Porto Rico e anche francesi, italiani e spagnoli.
Ci può dire qualche nome?
No, sarà una sorpresa. Ma sono certo che appena la gente lo ascolterà, impazzirà.
Nemmeno l’artista italiano?
Soprattutto, quello italiano!
Un duetto con Ricky Martin?
Sicuro!

notespillate

notespillate

Giornalista musicale, lavoro a sky.it e collaboro col Secolo XIX. E poi c'è il blog note spillate

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *