0

L’ultimo tango di Vacca

A due anni e mezzo di distanza da “Pazienza”, il lavoro che ne ha segnato la definitiva consacrazione come l’artista più eclettico della scena urban italiana, Vacca è tornato per “L’Ultimo Tango”, il quinto disco e un nuovo capitolo del suo percorso artistico che rappresenta, per lui, la fine di un’era.

Vacca

Vacca

“L’Ultimo Tango”, dal 18 settembre nei negozi per Produzioni Oblio/Sony Music, è stato registrato a Kingston, in Giamaica, dove l’artista si è trasferito in pianta stabile. E’ un disco dove le sonorità Hip Hop si alternano a  Reggae Dancehall e Ska in una sorta di ultimo viaggio che fonde, in un unico lavoro, tutte le passioni musicali dell’artista da sempre disponibile a mettersi in gioco e a sperimentare.Il primo singolo estratto dal nuovo disco “Il Ragazzo coi Dread”  è un brano solare ed aperto ad influenze Ska che fa da contraltare al mood generale del disco, più maturo e disincantato, dove il rap padroneggia. Il linguaggio di Vacca, sempre ruvido e senza filtro, si incastra alla perfezione su un tappeto sonoro realizzato con maestria da alcuni dei migliori beatmaker italiani come Big Fish e Mastermind.

Per “L’Ultimo Tango”, Vacca si avvale inoltre di collaborazioni importanti con gli amici e colleghi di sempre come Jake la Furia dei Club Dogo, con cui torna a collaborare dopo “V.I.P.I.M.P.” (il brano presente nel disco di esordio “VH”) e Danti dei Two Fingerz. Ad accompagnare l’ultimo tango ci sono anche Egreen e Jamil (suoi soci nella Vooodo Cod), Enrico dei Los Fastidios e i rapper emergenti Paskaman e Cali.Nell’ultima traccia del disco, che segna un passo conclusivo nella sua decennale carriera, Vacca si cimenta, per la prima volta, col “Patois” (la lingua creola giamaicana) e si propone al pubblico in una nuova chiave alludendo all’inizio di un nuovo percorso professionale che si prospetta all’orizzonte.

notespillate

notespillate

Giornalista musicale, lavoro a sky.it e collaboro col Secolo XIX. E poi c'è il blog note spillate

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *