0

Il jazz-funk dei Cortez al Biko di Milano: unica data italiana

Venerdì 16 settembre 2016 il Biko ospita i Cortex, il progetto del francese Alain Mion, entrato nella storia del jazz-junk per l’album Troupeau Bleu (1975), disco europeo tra i più “saccheggiati” di sempre dalle nuove generazioni di dj e producer, in particolare dai rappresentanti della scena hip hop statunitense. Si tratta del primo concerto in Italia per il gruppo e dell’unica data nel nostro Paese. Il live fa parte del programma di Linecheck – Music Meeting and Festival, evento in programma a Milano dal 14 al 18 settembre e a cui il Biko aderisce.
Alain Mion

Alain Mion

Cortex, band fondata da Alain Mion nel 1974, è divenuta una formazione di culto per il pubblico appassionato di jazz-funk grazie a Troupeau Bleu ma anche ad altri due album storici come Vol. 2 (1977) e Pourquoi (1978) arrivati prima dello scioglimento della band nel 1982. Sono molte le stelle americane della scena hip hop che, di persona o con i loro produttori, hanno campionato le composizioni di Mion, come Rick Ross nel suo album God Forgives, I Don’t (disco d’oro negli Stati Uniti), Lupe Fiasco in Tetsuo & Youth, Tyler, The Creator, Wiz Khalifa, esponenti di culto dell’underground come MF Doom e Madlib, e molti altri. Alain Mion, classe 1947, è un pianista, compositore, cantante e arrangiatore le cui produzioni musicali sono entrate di diritto negli scaffali dei collezionisti di dischi anche grazie alle numerose ristampe: le versioni originali dei suoi dischi, infatti, sono così rare che vengono vendute a cifre altissime. Nel 2009, Mion, con un entusiasmo ritrovato grazie all’energia infusa dalle nuove generazioni di ascoltatori, ha rifondato i Cortex. La nuova formazione, in cui lui suona piano e tastiere, è composta da musicisti di alto livello come Patrik Boman (basso), Cédric Affre (batteria) e Marie Martin (voce, tastiere, percussioni). In occasione del concerto al Biko la band presenta i brani della trilogia degli anni settanta più le composizioni tratte da I Heard A Sigh, quarto album scritto originariamente nel 1979 ma pubblicato solo nel 2014.
notespillate

notespillate

Giornalista musicale, lavoro a sky.it e collaboro col Secolo XIX. E poi c'è il blog note spillate

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *