0

Il Musical Minimal di Margherita Vicario chiude l’estate del Vittoriano

“Vittoriano, appuntamenti d’arte e musica” è giunto al suo ultimo evento. Per tutta l’estate la Terrazza Panoramica del Vittoriano è stata protagonista, con enorme successo sia di critica che di pubblico, di momenti magici di arte e di musica fortemente voluti dal direttore del Polo Museale del Lazio Edith Gabrielli.

Margherita Vicario

Margherita Vicario

Dopo anni di trascuratezza infatti, il monumento ha riconquistato il suo ruolo di luogo simbolo grazie al trionfo delle rassegne musicali “Jazz al Vittoriano e “Sotto le Stelle di Roma” ma anche con le Conversazioni d’Arte e la mostra fotografica “Lucio Dalla, immagini e suoni”. L’ultimo concerto – venerdì 30 settembre alle ore 21 sulla Terrazza Panoramica del Vittoriano – per la rassegna gratuita “Sotto le Stelle di Roma” vedrà protagonista l’attrice, cantante e autrice Margherita Vicario. L’eclettica cantautrice romana porterà sul palco, accompagnata dalla sua band, brani tratti dall’album d’esordio “Musical Minimal”, un progetto originale e personalissimo nato insieme all’etichetta indipendente FioriRari. Difficile definirla in un genere o categoria, le canzoni di Margherita Vicario sono grado di portarci in un meraviglioso altrove, fatto di poesia, ironia e intelligenza. “Musical Minimal” è un disco fatto di storie in cui la musica si contamina con elementi teatrali e recitati perché Margherita mette in musica dei veri e propri dialoghi, ogni canzone riesce a racchiudere dentro di sé una piccola sceneggiatura. Margherita Vicario descrive così il suo progetto: “Questo album si chiama Minimal Musical perché a me piacciono le storie in musica, in questo caso la storia si sviluppa in diverse scene, diverse stanze che sono le nove canzoni; un Musical ma molto Minimal perché non c’è lo sfarzo ma solo una giovane donna e le sue vicende social-sentimentali.”

notespillate

notespillate

Giornalista musicale, lavoro a sky.it e collaboro col Secolo XIX. E poi c'è il blog note spillate

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *