0

Dalla Svezia arrivano i Surf Philosophies, i signori del suono: il VIDEO

Esce il 20 Gennaio 2017, anche in Italia, l’album di debutto del duo svedese Surf Philosophies, per Adrian Recordings.

Surf Philosophies – Bonecrusher

Surf Philosophies

Surf Philosophies

L’album omonimo nasce da un periodo di pausa dai precedenti progetti musicali oltre che dal proprio Paese d’origine. Una volta tornati a Malmö, hanno iniziato a ritrovarsi nella loro vecchia sala prove e a scrivere velocemente dei nuovi pezzi. Le nuove canzoni erano lunghe e davvero strane. E’ in quel periodo che infatti nascono Coconut Parfum, Higher Education, Iranian Boys e Two Sundays. Inizia subito la loro attività live, durante la quale la band impiega tutte le proprie energie. E’ solo dopo due anni di prove, scrittura e qualche concerto a Malmö che il duo decide finalmente di far uscire un disco. E questa è, brevemente, la storia di “Surf Philosophies”, composto di dieci pezzi registrati nel Giugno 2015. Nei brani contenuti in “Surf Philosophies” la melodia, il suono ha un ruolo centrale: le parole esistono dal punto di vista del suono che originano, non tanto per il loro significato. La maggior parte dei pezzi prende ispirazione dai diversi ambienti e Paesi che Daniel visita durante i suoi frequenti viaggi: ogni canzone infatti attinge il suo DNA da diversi aeroporti, hotel, feste e incontri vari. In sala prove Daniel porta tutte queste sue idee, e le canzoni ancora  incompiute così che Fred possa aggiungere accordi, linee di basso e tutta la sua immaginazione e creatività. Nessuna regola, un po’ di sano menefreghismo e nessuna pietà: è questa la filosofia dei Surf Philosophies. Il duo cerca di far assorbire alla propria musica una forza che sia apatica e, allo stesso tempo, attraente in modo strano: le canzoni vanno e vengono, iniziano, finiscono e cambiano, hanno senso oppure no. Questo primo album è un’introduzione alla filosofia della formazione svedese: una  visione che ha a che fare con l’interazione tra uomo e natura, tra l’artista e il suo pubblico, la moderna simbiosi tra strumenti e macchine. E l’innocenza come mezzo per creare in modo meno cinico.

notespillate

notespillate

Giornalista musicale, lavoro a Sky TG24

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *