0

Anna Dellai, la femmina alfa dei Junk Street

Da Vicenza con spirito Punk. Si chiamano Junk Street portano energia in un genere che da tanto tempo sembra essersi un po’ addolcito. Nati nel 2013, affrontano con (giusta) ambizione questo 2017 perché potrebbe essere l’anno della svolta. Lo sono Anna Dellai (voce), Samuele Cavedon (chitarra), Filippo Brun (basso) e Giacomo Dal Ben (batteria). Sono tutti di Longare. Ci racconta la loro storia, e un po’ la sua, Anna Dellai, la frontwoman.

Anna Dallai in concerto

Anna Dellai in concerto

Anna, quando nascono i Junk Street?
Ufficialmente nel 2013, quando anche io entro nella formazione. Prima Samuele, Filippo e Giacomo suonavano già insieme ma cambiavano spesso nome, erano inquieti. L’obiettivo era divertirsi.
Poi è arrivata lei.
All’inizio del 2013 mi hanno chiesto di cantare. Le voci provate prima non sono risultate armoniche col progetto.
Li conosceva già?
Sì. Io ho 22 anni, loro due in meno, 20, ma sono coetanei e amici di mio fratello.
Aveva altre esperienze?
E’ la prima in gruppo. In precedenza ho solo cantato nei cori.
Come è iniziata l’avventura?
Abbiamo suonato in qualche sagra poi nell’aprile 2013 vinciamo il primo contest cui partecipiamo: siamo premiati dalla giuria popolare.
Bella soddisfazione.
Anche perché abbiamo proposto un brano nostro, in italiano.

Anna Dallai

Anna Dellai

Poi siete passati all’inglese.
Guardi abbiamo anche iniziato, nel 2014, la pre-produzione di alcuni brani in italiano ma abbiamo abbandonato il progetto: meglio l’inglese per noi.
Avete degli equilibri in studio?
Io e Giacomo i testi, i tre maschi la musica ma quando siamo in studio si collabora tutti finché non si trova la giusta armonia.
Pare che il 2014 sia stato un anno importante.
E’ anche quello del nostro primo video in inglese, In the night. Eravamo entusiasti.
L’entusiasmo è poi diventato un vero EP.
A fine 2015 è nato Out Loud, cinque canzoni, la prima nostra carta di identità artistica.
Lo avete portato live?
Abbiamo suonato, e parecchio, tutta la prima parte del 2016: Giacomo fa parte di una associazione che si chiama VicenzaMagnaGati che si propone di diffondere il Pop Punk e ciò ci ha permesso di fare parecchi live.
Adesso?
Da qualche mese siamo in studio, speriamo di uscire con un disco dopo questa estate. E poi grazie a Sorry Mom! speriamo di allargare il nostro raggio concertistico, vorremo sconfinare il Lombardia ed Emilia Romagna.
Quando non suonate che fate?
Chi studia, chi si dedica di più alla musica e fa qualche lavoretto.
Lei?
Studio Biotecnologie a Padova.
E’ femmina alfa nella band?
I ragazzi sono tre teste calde. A volte dicono che sono nervosa perché ho il ciclo. C’è da combattere ma funzioniamo bene.
Duetto dei sogni?
Se la mia voce regge con Tylor Joseph dei Twenty One Pilots.

Junk Street

Junk Street

notespillate

notespillate

Giornalista musicale, lavoro a Sky TG24

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *