0

Marian Hill, con Down fanno cantare Apple

Marian Hill, ovvero Jeremy Lloyd (production/songwriting) e Samantha Gongol (voce e songwriting) sono i protagonisti con Down della campagna Apple (iPhone 7 + AirPods) in tutto il mondo (visibile https://youtu.be/CvVvwh3BRq8) e dopo essere diventati un fenomeno virale con un #1 posto nella classifica SHAZAM Usa, il #5 nel mondo e la top 30 anche in Italia arrivano da venerdì 3 marzo anche nelle nostre radio. Per i primo 50 secondi di Down ci si sente in un supper club degli anni ‘20 ma quando del niente entra il basso si viene subito catapultati in questo 2017.

Marian Hill

Marian Hill

I Marian Hill ci trascinano in un viaggio tra le complessità dell’era moderna, con il loro sound unico – armonie blues e batterie hip hop, melodie classiche e voci effettate – un mix mai sentito prima ma allo stesso tempo sorprendentemente familiare. Il brano è tratto dall’album Act One e accompagnato da un video visibile su https://youtu.be/frZSukRp4o8. Nel frattempo il duo di Philadelphia (ma di base a Brooklyn) ha annunciato per maggio e  giugno il tour Americano. Questa la tracklist del disco:Down”, “Talk To Me”, “Wild”, “Bout You”, “Take Your Time”, “I Know Why”, “Good”, “Thinking”, “Sad Song”, “Mistaken [feat. Steve Davit]”, “Same Thing”, “I Want You”.

Fin dal debutto nel 2015, il duo di Philadelphia ha confermato il suo ruolo tra gli artisti più apprezzati da fan e critica. Con oltre 62 milioni di stream su Spotify e il successo di “DOWN”, i Marian Hill si faranno presto strada anche in Europa. Il talentuoso duo, che collabora dai tempi della scuola, ha sostituito il classico paradigma della donna sul palco e l’uomo al piano con una donna al microfono e un uomo al laptop. Il risultato è vivace e seducente. I Marian Hill sono un paradosso tra blues e bassi, tra acustico e digitale, classico e moderno. Due anni fa Sam e Jeremy hanno scritto e registrato Whisky durante le vacanze di Primavera nello scantinato dei genitori di Jeremy. Quando, in estate, il brano è uscito su Soundcloud era l’unico pezzo che avevano scritto per il loro progetto, e dopo poco più di un anno avevano registrato il loro primo EP, guadagnato milioni di play su varie piattaforme, fatto il tutto esaurito in vari show in giro per il Paese e chiuso accordi commerciali importanti. Nel 2015 firmano con la Republic Records  e pubblicano l’EP “Sway” ma lavorano già sul disco di debutto “ACT ONE” con l’unico piano di portare avanti il più possibile il loro sound unico

notespillate

notespillate

Giornalista musicale, lavoro a sky.it e collaboro col Secolo XIX. E poi c'è il blog note spillate

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *