0

Daniele Sepe tra Capitan Capitone e i Parenti della Sposa

Capitan Capitone (al secolo risponde al nome di Daniele Sepe) e i Fratelli della Costa è un collettivo, o meglio una ciurma, che raccoglie le migliori lame di Napoli contemporanea. Insieme hanno già dato vita ad un epico concerto in piazza Dante a Napoli a sostegno della cassa di resistenza operaia dei cassintegrati Fiat, coinvolgendo migliaia di persone in un concerto che è la fotografia di quello che accade oggi musicalmente in città.

Capitan Capitone

Capitan Capitone

Mostrano le diverse anime musicali di una città ricca e prosperosa di note come Napoli: il rock, la canzone d’autore, il jazz, il funk, il punk, il reggae, il rap e di tutto di più. Il collettivo ha un assetto variabile, e si dà all’arrembaggio a seconda del galeone da assaltare. Ora giunti al secondo album, dopo le soddisfazioni regalate dal primo (a cominciare da Le range Fellon o L’ammore ‘o vero), e dopo la felicità di aver visto ai concerti un pubblico che va dai quattro ai settantaquattro anni. La pirateria fa proseliti. Questa volta si racconta del matrimonio di Capitan Capitone, che si sposa con una signorina di buona famiglia. E cosa può succedere in questo frangente? Avete presente “Indovina chi viene a cena” o “Miseria e Nobiltà”? Esattamente…. La downtown e la uptown, giustamente, entreranno in un colorito conflitto. Anche “Capitan Capitone e i Parenti della Sposa” è stato realizzato con una campagna di crowdfunding che si è da poco conclusa, questa volta sulla piattaforma produzionidalbasso.com. Un album ricchissimo, con una ciurma di 69 fantastici musicisti dalle coste di Partenope, tra i quali Daniele Sepe, Gnut, Roberto Colella, Dario Sansone, Andrea Tartaglia, Tommaso Primo, Marcello Coleman, Speaker Cenzou, Shaone, Pepp-Oh, Stefano Bollani, Gino Fastidio, Sara Sgueglia, Alessio Sollo, Nelson, Robertinho Bastos, Galera de Rua, Don Pasta…

notespillate

notespillate

Giornalista musicale, lavoro a sky.it e collaboro col Secolo XIX. E poi c'è il blog note spillate

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *