0

Misfatto, l’uomo dalle 12 dita e il nuovo rock

Trent’anni di carriera, molteplici collaborazioni e opening, i Misfatto hanno calcato i più grandi palchi d’Italia e il 19 gennaio sono tornati per ricordarci che il rock, in Italia, non è morto.

Misfatto

Misfatto (foto di Nikka Dimroci)

di Irene Venturi

In un garage dai suoni punk rock due ragazzini di 15 anni, Gabriele Finotti e Alessandro Chiesa, fondano i Misfatto, band hard Rock che proprio nel 2017 ha compiuto 30 anni di carriera. La band piacentina esordisce poi con il primo album di inediti, La Fine del Giorno, disco classe ’97 che preannuncia l’entrata in scena di una nuova piccola rivoluzione che sta crescendo. Nel 2000, con l’album omonimo, vengono definiti trip rock, che per chi non sapesse è una forma di alternative rock che nasce dalla fusione del rock psichedelico con i suoni elettronici anni ’90 e con il dark sound. Carriera in salita, evoluzione, rivoluzione… i Misfatto sono quella band che, nonostante non abbiano riscosso un successo disarmante a livello nazionale in 30 anni di carriera, rimangono una conferma. Ministri, Irene Grandi, Lacuna Coil, Dik-Dik, Nomadi, Morgan.. questi alcuni nomi degli artisti che hanno voluto la band come opening. Il 19 gennaio è uscito il nuovo album di inediti per Orzorock Music dal titolo “l’uomo dalle dodici dita“, che vede la partecipazione di Dargen D’Amico nel singolo “Ossessione Baudelaire“.

La continua contaminazione anche in questo album regala una fusione tra rock e rap. Versatili ma anche attenti all’importanza dei testi, scritti da Gabriele Finotti, autore e chitarra della band, regalano live alternati da momenti rock e momenti riflessivi e coinvolgenti. Il nuovo disco, che li ha visti al lavoro per ben 12 anni, contiene 12 inediti che gridano la diversità fisica ed estetica, diversità che è rappresentata da un nuovo sound, risultato di un maggior contributo elettronico e una preproduzione che lo rendono attuale. Album dalle atmosfere scure, pungenti e… semplicemente rock!

Per ascoltare Gabriele Finotti, Alberto Zucconi e Melody Castellari alla voce, Simone Cavallaro al basso, Andrea Farinelli alla batteria, e le chitarre ritmiche di Marco Cosenza qui le prime date in continuo aggiornamento.
26.01 – Baciccia – PIACENZA
10.02 – In Disparte – BERGAMO
17.02 – Officina Bar Dante – ACQUI TERME
01.03 – Muntà – PIACENZA
31.03- The Wall – PIACENZA
05.04 – Ligera – MILANO
06.04 – Little Italy Live Music – GENOVA

 

notespillate

notespillate

Giornalista musicale, lavoro a sky.it e collaboro col Secolo XIX. E poi c'è il blog note spillate

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *