0

Babil on Suite: il singolo Call Another Boy aspettando Paz

Call Another Boy è il nuovo singolo della band catanese Babil on Suite che anticipa l’album Paz.

Babil on Suite

Babil on Suite

Dopo il successo del singolo estivo “Boa Babil On” feat. Mario Venuti, la band di musicisti, dj e compositori catanesi lancia un brano che celebra un pop caratterizzato dalle voci di Caterina Anastasi e Manola Micalizzi e dal funky rap di Geo Jhonson. Il pezzo è capace di attingere ai più disparati stili musicali aldilà di ogni collocazione temporale. I Babil on Suite sono l’incontro di personalità estroverse e peculiari. Presenti nel panorama musicale da dieci anni, hanno calcato alcuni dei palchi più noti, collaborando live con vari artisti (tra cui: Lucio Dalla, Nouvelle Vague, Carl Graig, Max Gazzè, Samuele Bersani, Eugenio Bennato, Mario Venuti, Roy Paci, 99 Posse, Gaben) e sono stati sul palco di alcuni dei festival più seguiti della Sicilia e non solo (Cous Cous Fest di San Vito Lo Capo, il Salina Festival, Azzurro Festival, Sonica, Collisioni, Musaic-On, Curtigghiu GallegoRock 2018 solo per citarne alcuni).

«Come un palloncino legato a un sasso. Non c’è maggior solitudine di vivere in due restando legati al passato, invece di aprirsi al nuovo. Finché una vocina impertinente ti suggerisce … Call Another Boy». Babil on suite

Il video del singolo, diretto da Roberto Biadi, sarà online dal 18 gennaio sui canali web ufficiali del gruppo.
Il titolo del disco PAZ” proviene dal portoghese “Pace”, una “pace artistica” che riunisce in maniera corale più stili e lingue. La tracklist è un viaggio coinvolgente, ammiccante, concettuale.

I BABIL ON SUITE sono:
Caterina Anastasi: Vocal and Choir
Manola Micalizzi: Vocal, Choir, Percussion
Geo Johnson: Vocal and Choir
Manuele Doca: Drum
Giuseppe Di Stefano: Piano, Organ
Elisa Messina: Guitar
Marina Latorraca: Trumpet and Trombone
Salvo Dub: Bass, Synth, Keyboard and Elettronic Drum programming

notespillate

notespillate

Giornalista musicale, lavoro a sky.it e collaboro col Secolo XIX. E poi c'è il blog note spillate

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *