0

Ginevra debutta con Ruins

Ruins è il primo attesissimo EP di Ginevra, disponibile da venerdì 15 marzo su SpotifyItunes e tutte le principali piattaforme di streaming per l’etichetta Factory Flaws.

Ginevra (foto di Tommaso Ottomano)

Ginevra (foto di Tommaso Ottomano)

GINEVRA è una cantante e cantautrice nata a Torino nell’estate del 1993 e cresciuta vicino a boschi e montagne, luoghi che hanno segnato la sua infanzia portandola alla ricerca di intimità e introspezione. Trasferitasi a Milano ha continuato, senza mai smettere, un percorso mirato alla scoperta di un suono autentico per la sua musica. I primi singoli, “Forest” e “Lips“, hanno totalizzato oltre i 100 mila streams su Spotify e incontrato l’interesse dei media italiani e internazionali che hanno puntato su di lei come una delle nuove promesse del 2019. Ruins non è solo il primo lavoro ufficiale di Ginevra ma rappresenta prima di tutto il suo percorso di crescita come donna che si racconta in un dialogo interiore confessato a chi ascolta. Un viaggio guidato nei sentimenti più intimi e nelle paure della giovane artista, dove la fine diventa il punto di partenza per rinascere dalle rovine prendendo coscienza di sè e accettando la solitudine. La raccolta segue il filone dei precedenti singoli: linea vocale sussurata e dolce accompagnata da un’atmosfera onirica, a tratti oscura, e da produzioni elettroniche minimali, curate da Francesco Fugazza, produttore e compositore milanese. L’estetica del progetto, dalle grafiche alle fotografie, è stata curata da Tommaso Ottomano che ha affiancato Ginevra nel dare forma e colori al suo mondo.

“RUINS è il mio EP d’esordio e sono emozionata di poterlo finalmente condividere. E’ un dialogo con me stessa e rappresenta una rinascita dalle “rovine” del mio cuore. Spero che chiunque lo ascolti vi ritrovi i propri tormenti, e si senta meno solo. Comporlo è stato un percorso di crescita, artistica e personale. Buon ascolto.”

 

notespillate

notespillate

Giornalista musicale, lavoro a sky.it e collaboro col Secolo XIX. E poi c'è il blog note spillate

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *