0

Il batterista Tommaso Cappellato vola negli Stati Uniti

Il batterista, polistrumentista e produttore Tommaso Cappellato dal 16 Ottobre in tour negli Stati Uniti. 8 concerti con tappe a New York, Brooklyn, Portland, Seattle, diverse altre nella West Coast, vari radio shows e altre attività per presentare il suo più recente lavoro intitolato “Butterflyng” beat-tape pubblicato il 21 Maggio 2019 via Mother Tongue Records. Concettualmente diverso dal lavoro precedente, l’ultimo materiale di Cappellato mantiene inalterate i suoni di riferimento: dall’improvvisazione jazz al beat hip hop fino, fino alla freeform techno.

Tommaso Cappellato

Tommaso Cappellato


Tommaso Cappellato è produttore, musicista, DJ e compositore. Un anticonformista della scena musicale, capace di spaziare dalla free-form techno alle produzioni hip hop e all’improvvisazione jazz. Un autentico artista “new school”, eclettico, attratto dai suoni fuori dai confini del jazz, capace di muoversi dentro un ampio range musicale. Cresciuto sotto l’ala dei visionari Harry Whitaker (Black Renaissance) e Michael Carvin (Pharoah Sanders), collaboratore di Rabih Beaini, artista dell’elettronica sperimentale e della leggenda del broken-beat Mark De Clive-lowe, arriva alla presentazione del progetto solista drums & synths “Aforemention” e del gruppo spiritual jazz “Astral Travel” dopo una lunga esperienza a NYC.  
Protagonista di escursioni hip hop al fianco di Brooklyn MC Yah Supreme e di lunghi viaggi in Africa, collaboratore del maestro della techno romana Donato Dozzy e del visionario produttore egiziano Maurice Louca, Tommaso è l’uomo del moderno rinascimento, riuscito, grazie all’esplorazione artistica, a creare il proprio concetto di jazz elettronico sperimentale. Nel corso degli anni si e’ esibito con Michael Blake, Fabrizio Bosso, Don Byron, Nicola Conte, Steve Grossman, Jon Hendricks, Shabaka Hutchings, Debbie Harry & The Jazz Passengers, DJ Khalab, Enrico Pieranunzi, Enrico Rava, Kurt Rosenwinkel, Marc Ribot, Lew Soloff, Bill Ware’s Vibes, Underground Resistance ed Harry Whitaker. Nel 2014 è stato insignito del premio JAJ Award dal DJ Shuya Okino (Kyoto Jazz Massive) come miglior nuovo artista dell’anno. Si e’ esibito in festivals e clubs ed e’ stato ospite di trasmissioni radiofoniche in Europa, Giappone, Cina, Stati Uniti, Australia, Sud America e Medio Oriente.

 

notespillate

notespillate

Giornalista musicale, lavoro a sky.it e collaboro col Secolo XIX. E poi c'è il blog note spillate

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *