0

Martishaz lancia Vicino, un brano urban pop sentimentale

Esce oggi in digitale per MVPmusic, distribuito da The Orchard, “Vicino”, il nuovo singolo di Martishaz, il quarto ufficiale per la cantante urban classe 2001 originaria di Venezia. La parte musicale del brano è curata da Diuha, producer di riferimento del roster di MVPmusic. Il brano è disponibile ai seguenti link: https://orcd.co/martishaz

martishaz Nonostante la giovane età dell’autrice, il progetto artistico Martishaz è frutto di uno studio e di un lavoro sulla voce durato anni prima di arrivare ai singoli d’esordio del 2019. Con le idee chiare fin da piccola riguardo al suo rapporto stretto con la musica, Martishaz (nome d’arte di Martina Simonato), dopo essersi confrontata con varie sfumature del mondo hip hop, con “Vicino” approda in territori urban pop e si confronta con un tema tanto battuto nella tradizione italiana quanto delicato, come racconta: “Sento che ‘Vicino’ è una rappresentazione totale della mia musica, la esprime appieno. Non avevo mai affrontato il tema ‘amore’ nelle mie canzoni ma, questa volta, ho sentito che era il momento di dare libero sfogo alle mie emozioni. Il significato della canzone gioca sul ruolo che una persona può rappresentare non solo nella mia vita ma in quella di chiunque ci si immedesimi. Che l’amore sia una persona, una sensazione o un luogo, l’importante è che sia VICINO”.Il brano ha preso forma grazie alle sessioni in studio tra l’artista e Diuha: i due si sono confrontati e hanno deciso di accompagnare la linea vocale principale con altre voci di sottofondo per mettere in risalto le doti da cantante di Martishaz. “Vicino” esce per MVPmusic (dove MVP sta per Music Vision Power), etichetta indipendente con base a Venezia nata per valorizzare i talenti della musica urban della zona mettendo a disposizione dei propri artisti una squadra creativa e professionale composto da producer, videomaker, fotografi, grafici e booking agent.
notespillate

notespillate

Giornalista musicale, lavoro a sky.it e collaboro col Secolo XIX. E poi c'è il blog note spillate

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *