0

Premio Bindi 2023, vince Irene Buselli con “Così Sottile”

Irene Buselli si è aggiudicata il Premio Bindi 2023 con la sua canzone delicata e altrettanto raffinata, Così sottile. Vince anche la borsa di studio offerta da Soundreef.

Irene Buselli

Ha 26 anni e vive a Genova e anche se ha sempre sognato di fare la scrittrice, con granitica (in)coerenza ha finito per laurearsi in matematica. Forse per redimersi, da qualche anno ha iniziato a scrivere canzoni.

Il progetto musicale prende forma nel 2019, anno in cui inizia a suonare live in diverse città italiane (Milano, Torino, Genova, Firenze) e pubblica il suo primo singolo, Dai amore voglio un cane. In questi anni si è ritrovata a suonare nei luoghi più disparati, tra cui: un container, una vetrina, un’area archeologica, un film, il festival Apolide, le aperture a Gian Maria Accusani (Prozac+), Giorgieness e Ginevra, un palco condiviso con Samuel dei Subsonica (_resetFestival 2020) e quelli di Eurovision Village (Torino, 2022) e del Capodanno 2023 (Torino, Piazza Castello).

Dal 2021 fa parte del collettivo di cantautrici ‘Canta fino a dieci’.

Nella primavera del 2023 escono Così sottile e Il palombaro, primi singoli dal suo primo disco, prodotto da Raffaele Rebaudengo (GnuQuartet) e FiloQ.

La Targa Giorgio Calabrese per il miglior autore è stata assegnata a Edoardo Chiesa con Qualcosa cambiare te. Ligure di Varazze, 38 anni, nasce come chitarrista e con il tempo sposta il suo interesse verso il songwriting. Nel marzo 2015 pubblica il suo debutto solista Canzoni sull’alternativa: otto lievi canzoni luccicanti come alternative alla banalità, dalle melodie oblique e dai testi poeticamente stralunati che mescolano blues, funk, soul e ragionano sulle scelte da compiere in amore o nel quotidiano, per trovare la propria (libera) serenità.

E poi si è avventurato in un tour con date in elettrico e in acustico che lo ha portato in giro per tutta Italia (Liguria, Toscana, Piemonte, Lombardia, Veneto, Friuli, Lazio, Marche, Emilia), ad aprire concerti di artisti come Francesco Tricarico, Ettore Giuradei, Egle Sommacal (Massimo Volume), Bandabardò, Ermal Meta ma anche a partecipare ai due appuntamenti del festival Collisioni (a San Daniele del Friuli e a Barolo) e all’evento Repubblica Next di Genova.

Canzoni sull’alternativa è stato selezionato tra le migliori 50 opere prime in gara per il premio Tenco 2015. Ha vinto il contest Su la testa 2015, è stato finalista dell’Acoustic Guitar Meeting di Cremona 2016. A gennaio 2018 è uscito il suo secondo lavoro, Le nuvole si spostano comunque. 

La Targa Quirici per il miglior arrangiamento è andata a Erba di Calliope.  Che in realtà è Giulia Agostini, 29 anni da Viareggio: canta fin da piccola e nel corso degli anni affianca a questa passione anche lo studio del pianoforte e della chitarra. Amante della poesia e laureata in filosofia, scrive storie da quando ha imparato a farlo. Cinque anni fa inizia a mettere in musica le proprie parole e trascorre il 2022 tra il lavoro da bibliotecaria e le registrazioni del suo primo album, Immagini sensibili, insieme al produttore Renato D’Amico (Postino, Emma Nolde, Ilaria). Il disco si muove tra testi evocativie sonorità fluide e cangianti. A ottobre 2022 si esibisce sul palco del Rock Contest ed inizia così a portare live il suo progetto, accompagnata da una band di tre elementi.

Tommi Scerd con Il mago di Oz ha l’opportunità di partire in tour con 6 date grazie a NuovoImaie che investe 10mila euro per l’organizzazione dei concerti. Si chiama Tommaso Borsarino, è nato a Brescia e cresciuto tra Bologna, Cagliari, e la Valdera. Faceva graffiti, poi ha deciso di scrivere canzoni. A Bologna entra in contatto con un collettivo di cantautori che col nome di Tacchini porta le proprie canzoni nei locali e nelle case degli studenti. In questo gruppo partecipa anche il cagliaritano Bobbi Marcs col quale lavora a produzioni per i brani di un EP uscito con Pioggia Rossa dischi. Nel frattempo, conosce e stringe un sodalizio artistico con la crew cagliaritana Agenzia Tuttofare e con FedeEilCorvo con i quali collabora tra mix, produzioni e strofe rap. A Bologna trova lavoro come tecnico e arrangiatore in uno studio di registrazione, Soundlab APS in cui esercita la professione per circa un anno, producendo tra vari progetti anche alcuni brani del Napoletano Ivano 127Rosso. Nel 2021 sbarca a Genova per raccontare le sue avventure quotidiane colorate, disordinate, musicate. Attualmente pubblica le sue tracce con una etichetta della città in cui risiede, la Pioggia Rossa Dischi.

Si occupa della scrittura e dell’arrangiamento dei suoi brani di matrice cantautorale che possono essere ascoltati in una veste elettronica e sperimentale sulle piattaforme di streaming, o in una veste acustica in live, accompagnato dal Viterbese Francesco Ciapica a basso e cori.

notespillate

notespillate

Giornalista musicale, lavoro a Sky TG24

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *