0

Francesco Gabbani, salpa da Verona, tra filosofia e allegria, il tour di Magellano

Palpabile l’emozione di Francesco Gabbani che sottolinea l’orgoglio per l’obiettivo raggiunto con il nuovo disco Magellano (grafica dei ragazzi di ShipMate Milano), certificato disco d’oro in un mese. Dal Teatro Romano di Verona lo attende con un live che deve la sua forza alle tracce del nuovo disco. Lo abbiamo incontrato e intervistato.

Francesco Gabbani a Verona

Francesco Gabbani a Verona

di Irene Venturi

É stato Amen a far girare il volano, perché?
Non avevo ancora raggiunto la combinazione emotiva ed esperienziale tale per avere le carte vincenti. Non avevo ancora incontrato Fabio Ilacqua e ad oggi non credo di potermi esprimere senza di lui nonostante io stesso sia autore di molti miei pezzi.
Cosa si aspetta dal questo tour ?
Mi aspetto una coerenza di supporto e che affrontino il mio live con lo spirito giusto. Il live è focalizzato sul valore delle canzoni e della musica, senza effetti speciali e filtri. lo ritengo un tour di grande responsabilità in cui spero di poter dare una giusta chiave di lettura al mio pubblico.
Avvertiamo un desiderio di presentarsi più come musicista, giusto?
Sarà un live Rock and Roll, mi divertirò a essere un performer, anche senza la scimmia. La maggior parte del tempo mi vestirò di musica e di strumenti. Mi farò guidare dal pianoforte, la chitarra e le percussioni.
Ultimamente il clima di terrore ha avvolto anche l’ambiente musicale aumentando le misure di sicurezza e le attenzioni. Esiste la tensione e la paura? Spegne la luce o qualcosa rimane ancora acceso?
Spengo la luce. Vogli spegnere la luce per evitare le paure insensate e per poter trasmettere pace anche al pubblico. Tendo a non percepire paura, anche in piazza Duomo per il concerto di Radio Italia è stato così.
Dopo il tour che la vede impegnato in 42 date in tutta Italia cosa la aspetta? Ha il tempo per scrivere canzoni ora?
Mi aspetterà una pausa. Cerco di elaborare le emozioni che mi aspettano in questo tour per ricavarne spunti interessanti per qualcosa di nuovo. Sono ottimista.
Il suo pubblico si riflette in un target under 14 molto presente, come lo interpretato?
Si tratta comunque di canzoni che hanno un doppio livello di lettura. Mi aspetto sempre un pubblico molto eterogeneo. Non pretendo che chi non ha mai colto il significato profondo delle mie canzoni lo capisca ai miei concerti. Nei live tendo a non parlare molto e quindi nemmeno a spiegare ciò che voglio trattare con i miei testi. Faccio il cantante, il mio mestiere è questo. I numerosi bambini nei miei concerti lo ritengo un risultato delle emozioni e dell’energia della mia musica.
In scaletta anche Vengo anch’io di Enzo Jannacci, ti senti un suo erede?
Semplicemente lo sento molto vicino a me. Riesce a combinare la facciata ironica con un’analisi sociale profondissima. Alla fine quanto è vera la frase Si potrebbe andare tutti quanti al tuo funerale. Per vedere se la gente poi piange davvero e scoprire che per tutti è una cosa normale e vedere di nascosto l’effetto che fa.

Il Teatro Romanoi di Verona durante il live di Francesco Gabbani

Il Teatro Romanoi di Verona durante il live di Francesco Gabbani

IL CONCERTO
Ci sono 21 i brani in scaletta, arricchita dai brani dei suoi tre dischi. Ci aspetteremmo Occidentali’s Karma in chiusura, a completamento di un cerchio, di un viaggio, ma la troviamo tra le prime proposte come a dare importanza ad altre tappe e voler svoltare per raggiungere una nuova meta. Ci troviamo ad essere pellegrini di un percorso che si declina con suoni rock, elettronici, energici, alternati con intermezzi intimi, introspettivi, che nella loro semplicità arrivano diretti al pubblico. Salite e adrenalina per poi godersi paesaggi mozzafiato, silenziosi, che lasciano spazio al mondo individuale di ognuno. Non sapevamo mica che si andava di là e invece siamo qui. Incontro non casuale il nostro con Francesco che mantiene alta la tensione proponendo sempre nuove domande. Intro con percussioni al grido di Oh Oh Voga, che apre il viaggio musicale con Magellano. Teatro Romano caldo da subito. Si nomina Casanova e non si può far altro che togliersi la felpa, gesto accolto a furor di popolo. The show must go on nonostante una corda della chitarra non voglia collaborare e restare in “equilibrio”. Francesco vuole oscurare il frastuono e la frenesia che circonda per a moment of silence. Niente da fare, è comunque carica elettrica allo stato puro. Credete al destino? Ci crediamo al destino, che finge di essere lontano invece è qui vicino, clandestino. Allora luci accese, eternamente ora, ed è eternamente magia. Secondo cambio della chitarra che sembra non voler far parte dello show. Susanna, brano portato al successo da Adriano Celentano e reinterpretato sul palco di Sanremo da Gabbani, si conclude con un dialogo tra Francesco e il fratello Filippo, batterista e coautore, entrambi alle percussioni. C’è la voglia di tornare piccoli, rivivendo la musica come da bambini, spiriti liberi a cui non servono parole per comunicare quando in mezzo c’è la musica, e così è rimasto.

Francesco si lancia dietro al palco e lo ritroviamo con piacere con le mani che accarezzano il pianoforte, cantando l’amore e il mal d’amore, perché amore è tutto ciò che un essere umano può provare e tutto ciò di cui un essere umano è composto. Il teatro lo segue a squarciagola e telefoni accesi creando lui stesso la scenografia più semplice e bella che un concerto possa avere. Tutto si illumina d’immenso. Alla sedicesima canzone possiamo dire Amen, nonostante non sia ancora ora di andare in pace. La voglia è quella di rimanere fino alla fine. É uno spettacolo impreziosito da molte domande, perché sono le domande che mandano avanti il viaggio. Nell’introdurre i suoi brani Francesco si limita a non dare alcuna risposta ma a porgere solo spunti di riflessione. Si riflette in tutto il suo percorso artistico che vede la necessità di utilizzare una doppia chiave di lettura per ogni sua canzone, perché ognuna cela un’analisi della società attuale e dei suoi aspetti più contorti. Tra le granite e le granate, terza canzone in scaletta, ha come focus il fenomeno dei turisti dell’orrore, impegnati a scattare selfie in posti protagonisti di fatti terribili, e pone l’accento su una società che vive anche le cose belle in modo negativo. Giochi di parole con l’obiettivo di farci ballare senza perdere di vista messaggi non banali sull’esistenza dell’uomo. In conclusione, abbandonata la scimmia, troviamo pachidermi e pappagalli per farci affrontare il tema del complottismo dilagante. Album breve, potremmo definirlo un concept album, ma ricco di suoni e soprattutto di contenuti. E allora Amen e Namastè e continua il viaggio…

0

Elisabetta Anselmo, un artista…mille musiche

Ha scelto, per alimentare la sua creatività, la campagna intorno a Torino, un po’ più spostata verso Ivrea. Respira, Elisabetta Anselmo, i fermenti di una Torino all’avanguardia e la freschezza dei venti che arrivano dalla Valle d’Aosta. Gioca col diaframma, e molto bene, per ammorbidire un accento piemontese che in alcuni momenti emerge prepotente. Uno spigolo di una persona che ha le idee chiare, che si divide in più progetti, che sa quel che vuole. Al suo fianco il “socio” Machy Acotto.

Elisabetta Anselmo

Elisabetta Anselmo

Il suo progetto principale cammina insieme a Sebastiano Barbagallo.
Stiamo lavorando su cinque singoli, nel momento in cui saranno pronti procederemo con alcuni ascolti mirati per capire l’interesse che può esserci intorno.
Il suo stile ricorda il trip hop.
Le sonorità sono quelle, qualcuno potrebbe obiettare che sono desuete: io ribatto che la musica è ciclica come la vita. Io mi rifaccio a Massive Attack e Casino Royale, per citare due esempi.
Come ci è entrata in sintonia?
Tanto ascolto e tanto studio.

Elisabetta e Machy

Elisabetta e Machy

Come sono divisi i ruoli creativi?
L’aspetto melodico e armonico e mio al 90 per cento e poi contribuisco ai testi con idee e spunti di riflessione.
Come si è trovata con Machy?
Per caso nonostante abitiamo nello stesso paese. C’è stata da subito la voglia di condividere la musica
La collaborazione come è scattata?
Lui è rimasto colpito dal mio suono e dal mio approccio al pianoforte. Tenga presente che all’epoca non cantavo.
Le sue origini?
Studi classici e tanti ascolti per arrivare a un approccio pop originale.
I vostri concerti come sono?
Un mix di brani originali e cover.
Perché MacBeth?
C’è la radice dei nostri nomi e poi è un’opera maledetta.
Dove vuole arrivare?
In alto ma sono conscia che l’interessa va conquistato!

0

Con Rudeejay sotto lo stesso cielo: l’intervista

Rudeejay la scorsa estate ha collezionato 50 date in 90 giorni su 40 palchi diversi, condivisi con i DJ più importanti del panorama internazionale. Un successo che riempie i dance floor di ogni suo evento e che sul web dà i numeri, con decine di migliaia di followers. Sono queste le coordinate da cui è partito il singolo Under The Same Sky (distributed by Universal Music), che tratta il tema delle relazioni a distanza, argomento profondamente attuale se consideriamo l’elevato numero di rapporti che nascono dal flirt di una notte o sui social e che usano poi il web per tenere i contatti.

Rudeejay

Rudeejay

di Carlotta Sorrentino

Come si sta sotto lo stesso cielo? La musica può aiutare a ristabilire contatti più umani?
Assolutamente si, e credo che Under the same sky nasca per trasmettere questo messaggio e questa emozione. E’ un brano che nasce dalla dance ma ne supera i confini, cerchiamo di arrivare al pop senza tradire quelle che sono le nostre origini, così abbiamo unito sotto lo stesso cielo due generi musicali diversi da loro.
Come nasce il brano?
Nasce un’anno fa, in studio con Lili, la cantante. Questo per lei è un brano autobiografico, perché io ho scritto la melodia e mi sono occupato degli arrangiamenti, Lili ha scritto il testo ispirato alla relazione a distanza che sta vivendo da alcuni anni.
Perché un team di sole musiciste?
Per portare in un circuito mainstream come il nostro un’idea di girlband che non fosse quella che il circuito è abituato a vedere. Una girlband può essere anche una vera band di musiciste donne, spesso si creano girlband unendo una serie di modelle che in realtà non sanno suonare però hanno una bella presenza, noi invece ci siamo impegnati a trovare delle brave musiciste e si è creata una bellissima sinergia da subito.
Dieci anni al Papeete quanto formano e condizionano la carriera di un dj?
Formano tantissimo. Condizionano? No perché quello che facevo al Papeete non è quello che faccio oggi, là ero Dj resident oggi non ho più quel ruolo e sono spesso guest dj, questo mi concede l’opportunità di girare posti diversi e suonare davanti a gente diversa.
Perché l’Italia si è accorta così tardi rispetto ad altri paesi del carisma dei Dj?
Perché noi arriviamo sempre per ultimi, ed è un peccato perché nella dance siamo stati pionieri negli anni ’90 e in seguito non siamo più stati in grado di cogliere quello che era il nostro potenziale all’epoca.
Chi considera i tuoi maestri?
Tutti e nessuno, se devo scegliere un nome e basta è sicuramente Albertino, è la persona che mi ha formato, e grazie alle sue trasmissioni ho capito cosa volevo fare nella vita.
Ci sono sorprese in arrivo?
Ho sempre sorprese in arrivo, le sorprese devono essere sempre pronte, bisogna sempre avere un asso nella manica.
Quale sarà la musica che balleremo quest’estate?
Tutto il filone di Despacito, in Italia il fenomeno reggaeton va ancora fortissimo.