0

E’ 9 Primavere il nuovo singolo di Ermal Meta

NON ABBIAMO ARMI, è stato certificato con il PLATINO proprio in questi giorni; un album – definito il più bello tra i tre pubblicati fino ad oggi (dopo Umano e Vietato Morire) – dal quale sono stati tratti il singolo vincitore di Sanremo, Non Mi Avete Fatto Niente, cantato con Fabrizio Moro (certificato Platino), Dall’Alba al Tramonto (certificato Oro) e l’estivo Io Mi Innamoro Ancora.

Ermal Meta

Ermal Meta

Sull’estate e sul lungo e splendido tour, che ha fatto registrare una lunga serie di sold out - grazie a più di 100.000 paganti – sono calati sipario e brume autunnali. Un tour che ha seguito una strada disegnata dalla bellezza dei luoghi che lo hanno ospitato: il Foro Italico a Roma, il Real Belvedere di Caserta, Piazza Santissima Annunziata a Firenze, Il Castello Scaligero di Villafranca (VR), Villa Manin in provincia di Udine, l’Abbazia di San Galgano a Chiusdino (SI), l’Anfiteatro di Tharros in Sardegna e il Teatro Antico di Taormina, solo per citarne alcune… Ora la bellezza – colei che ci salverà – viene rappresentata dal nuovo singolo: 9 PRIMAVERE. “9 primavere, 9 inverni, altrettante estati e dopo quegli autunni  ci piacevano da matti…”

La musica e le parole sono di Ermal Meta, ma la storia che si delinea tra le strofe e i ritornelli, riguarda molti, moltissimi di noi che hanno preparato o visto preparare un set di valigie e che si sono visti e rivisti attraverso le immagini del quotidiano che tornano alla mente attraverso un gesto, un oggetto, una foto… “ Sono solo lacrime, e non è proprio niente di speciale una per ogni passo fatto insieme, una per tutte quelle notti svegli ad ascoltare canzoni d’amore quelle che fanno sempre stare male, una per ogni piccola emozione e i tuoi vestiti in sette borse…” La malinconia e l’autunno si amano come se non ci fosse un domani, ma il domani c’è… “… e queste nuvole d’acciaio fanno sparire il cielo… vedrai che tornerà sereno, domani tornerà sereno…”

0

La nuoca stella del rap è Chadia Rodriguez con Sister (Pastiglie)

Esce oggi su YouTube il video di “Sister (Pastiglie)”, il nuovo singolo di Chadia Rodriguez, uscito in radio e in digitale lo scorso 5 ottobre, scritto da Fabrizio Conte e diretto da F&F

 

Chadia Rodriguez (foto di Mary Olano)

Chadia Rodriguez (foto di Mary Olano)

Sister (Pastiglie): guarda il video

“Sister (Pastiglie)”, prodotto da Big Fish, è ispirato alla hit degli anni ’90 “Pastiglie” dei Prozac+, inno scanzonato di una generazione sempre più dipendente da farmaci e dalle diverse sostanze, più o meno legali, con l’unica necessità di provare ogni sorta di sensazione, dalla tranquillità all’euforia. 

Chadia è un’artista italiana classe ’98, di origine metà marocchina e metà spagnola, mix decisamente magnetico. Appassionata di trap/rap americano e latino, Chadia ha l’attitudine sfrontata e sessualmente esplicita che distingue le sue colleghe d’oltreoceano, cosa tutt’ora invece assai rara, in Italia.

Nel 2018 inizia a lavorare con Big Fish e Jake La Furia, che la mettono sotto contratto come prima artista della loro nuova label. Il primo singolo di Chadia è “Dale”: pubblicato a fine aprile, la posiziona immediatamente sul radar della scena rap italiana e le permette di iniziare la collaborazione con Sony Music Italy, che pubblicherà i singoli successivi. A giugno esce “Fumo Bianco”, che supera il milione di plays sia su Spotify sia su YouTube, a cui segue lo street single “Bitch 2.0″.

Chadia è la prima rapper donna sulla copertina di una playlist rap di Spotify Italia, a riprova che sono bastati pochi mesi a farla diventare il punto di riferimento per la scena rap femminile italiana.

0

La mia generazione di Mauro Ermanno Giovanardi premiata al Mei di Faenza

Sabato 29 settembre, nell’ambito della ventitreesima edizione del  MEI  di Faenza,   Mauro Ermanno Giovanardi riceverà il premio speciale “PIMI Extra/Progetti esclusivi”  per il suo ultimo album “La Mia Generazione” , uscito l’anno scorso per Warner Music.

Mauro Ermanno Giovanardi (foto di Silva Rotelli)

Mauro Ermanno Giovanardi (foto di Silva Rotelli)

 

La Mia Generazione” è un pegno d’amore con cui l’artista vuole celebrare una stagione musicale irripetibile, quando sia l’industria discografica che il pubblico recepì il messaggio che l’idea di un rock cantato finalmente italiano, originale, libero da imitazioni di omologhe esperienze straniere, non fosse più un’eresia ma una realtà.

 

In questo disco Giovanardi ripercorre, evitando qualunque accenno nostalgico a quei tempi e con l’aiuto di ottimi musicisti (tra cui Davide Rossi), alcuni brani storici di Afterhours, Marlene Kunz, Subsonica, Neffa, Casinò Royale e tanti altri, accompagnandosi anche ad alcuni protagonisti di quella stagione: Manuel Agnelli, Rachele Bastreghi, Emidio Clementi e Cristiano Godano e Samuel. Ognuno chiamato a interpretare un pezzo iconico della scena di quegli anni, in un gioco di specchi in cui nessun artista canta il proprio brano.

 

La mia Generazione è diventato anche un Festival, la cui prima edizione con la direzione artistica dello stesso Giovanardi, si è tenuta con un incredibile successo di pubblico alla Mole Vanvitelliana di Ancona. Un happening di tre giorni inaugurati con una mostra di Guido Harari, e proseguita con incontri, dibattiti, concerti e Dj Set.

Tra gli ospiti Marlene Kuntz, Almamegretta, Daddy G dei Massive Attack, Adrian Sherwood, Rachele Bastreghi, Luca De Gennaro, Luca Valtorta,  Stefano Senardi, Eva Poles dei Prozac +, Cristina Donà, Ginevra Di Marco, Mara Redeghieri, Federico Guglielmi, Edda dei Ritmo Tribale, Mauro Ermanno Giovanardi con uno spettacolo su La Mia Generazione con numerosi featuring, e tanti altri ancora.

Il tour di La mia generazione tour prosegue per l’inverno 2018/2019 in formazione acustica. www.info@arealive.it.