0

Andrea Laszlo De Simone: vieni a salvarmi è il nuovo singolo

Andrea Laszlo De Simone c’è. Anche se forse non esiste. Andrea Laszlo De Simone ha un nome, un secondo nome, un cognome e una faccia. Cosa che di questi tempi è quasi una rarità. Andrea Laszlo De Simone è 1, ma è anche 6. Un cantautore travestito da band. Una band travestita da cantautore.

Andrea Laszlo De Simone

Andrea Laszlo De Simone

VIENI A SALVARMI: IL VIDEO

Vieni a salvarmi è il brano che segna l’inizio della sua collaborazione con 42 Records, una delle etichette indipendenti più vitali e importanti del panorama italiano e che proprio nel 2017 arriva a tagliare il traguardo dei dieci anni di attività. Vieni a salvarmi più che un singolo è un manifesto, un’invocazione libera dalle strutture tipiche della forma canzone tradizionale (il brano dura 7 minuti e 26 secondi ed è costruito come un continuo saliscendi tra esplosioni e implosioni). Un grido d’aiuto disperato e che in realtà vuole rappresentare una resa, come evidenziato splendidamente dal video scritto e diretto dallo stesso Andrea Laszlo De Simone insieme a Gabriele Ottino del collettivo torinese Superbudda (con la direzione della fotografia di Paolo Bertino e l’aiuto di Irene Carbone). Il tentativo è quello di raccontare la distanza che intercorre fra la realtà e la nostra proiezione di essa. La realtà per come la vediamo e la percepiamo è il frutto della nostra elaborazione mentale: non a caso la narrazione si basa sulla contrapposizione fra le immagini di un naufrago cieco immerso nel bianco (Sergio Rubino) e le immagini della sua stessa soggettiva che appare Invece ricca di dettagli. Vieni a salvarmi segue di qualche mese la pubblicazione del primo singolo autoprodotto Uomo Donna. E Uomo Donna è anche il titolo dell’album che uscirà proprio per 42 Records il prossimo 9 giugno. Un disco complesso, articolato e vitale che vive in un tempo tutto suo dove convivono passato, presente e futuro.

Uomo Donna è stato autoprodotto e registrato in presa diretta in collaborazione con il fonico bolognese Giuseppe Lo Bue, successivamente post-prodotto e mixato utilizzando tecniche sperimentali a cavallo tra l’analogico e il digitale fino a creare una sorta di paradosso sonoro che parte dalla canzone italiana anni ’70 per arrivare a oggi (il disco è stato masterizzato da Andrea Suriani all’Alpha Dept. Studio di Bologna). Il mondo sonoro di Andrea Laszlo De Simone Nasce dallo scontro di classico e moderno. La canzone d’autore italiana e la psichedelia. Battisti e i Radiohead. Modugno e i VerdenaI Beatles e i Tame Impala. Il “volo magico” di Claudio Rocchi e quello “terreno” di
NONSONOUNCANE. L’album sarà presentato con una serie di esibizioni speciali in alcuni dei più importanti festival musicali italiani, prima di un tour vero e proprio che partirà dopo l’estate con la riapertura della stagione dei club. Dei live si occuperà DNA Concerti, uno dei booking italiani più rinomati e rispettati.

0

E’ rap la metempsicosi di Doll Kill: guarda il video

Una delle promesse del rap al femminile italiano: Doll Kill al secolo Giulia Galitziaclasse 96.

Doll Kill

Doll Kill

METEMPSICOSI di DOLL KILL: il VIDEO

Giulia viene dalla Sardegna e dopo una gavetta tra concerti e pubblicazioni discografiche, viene notata dell’etichetta romana TAK che dal 2016 la offre un contratto. Il testo e le rime rappresentano perfettamente quella che è l’attitudine di Doll Kill tra un flow serrato e concetti diretti, pochi fronzoli e uno stile che non ha nulla da invidiare ai colleghi mc. Una personalità forte e decisa che riflette anche nella musica il suo modo di vivere e affrontare la realtà. Per la base è stato scelto Sick Luke, uno dei producer più stimati della nuova scuola che tra suoni electro e una cassa sincopata ha creato un tappeto sonoro che esalta il testo l’atmosfera volta dall’artista. Il video realizzato da Ludovico Canali De Rossi e Thomas T Fasciana per Edit One, è stato realizzato in un tipico contesto urban, con una crew di ballerine che accompagna per tutte le scene.

0

Catania alza il volume per ospitare il One Day Music Festival

One Day Music Festival è il festival diventato un punto di riferimento per la Sicilia e tutto il sud Italia. Per il nono anno consecutivo infatti il festival anche questo 1° Maggio infiammerà la spiaggia di Catania trasformandola in un dancefloor conlive e dj set per migliaia di giovani, coinvolgendo artisti italiani ed internazionali che spaziano dalla techno al rap, dall’elettronica fino al reggae, al rock e alla drum and bass. Dai 2.500 spettatori della prima edizione il festival è cresciuto in modo esponenziale fino alle 20.000 presenze nel 2016, numeri importanti che fanno del One Day Music Festival una delle rassegne musicali più rilevanti del nostro Paese.

Mama Marjas

Mama Marjas

One Day Music Festival è un evento unico che trova la sua coinvolgente forza in un cast artistico eccezionale e una location incredibile: lo splendido litorale di Catania. Quest’anno saranno due i palchi principali e cinque le aree musicaliche ospiteranno dalle 10 del mattino una 24 ore no-stop di musica con un’area village, punti ristoro, scuola di windsurf, canoa, kayak e sup. Ogni anno è enorme lo sforzo organizzativo che coinvolge quasi mille lavoratori tra organizzatori, maestranze, tecnici, baristi, addetti alla sicurezza e artisti locali, con una ricaduta culturale ed economica importantissima per la città di Catania e tutto il territorio siciliano.

Sono disponibili le prevendite ad un prezzo speciale su onedaymusic.it.

I DUE PALCHI PRINCIPALI : SUNDANCE ARENA e SPRING ARENA
Oltre a tantissime band e artisti locali quest’anno ONE DAY MUSIC ha voluto portare ancora una volta a Catania grandissimi nomi della scena musicale italiana e internazionale che quest’anno si esibiranno su due grandi palchi principali: la SUNDANCE ARENA, dedicata all’elettronica che vedrà esibirsi il leggendario dj tedesco SVEN VÄTH con un dj-set speciale di ben tre ore e la SPRING ARENA, dedicata alle sonorità black e drum and bass, che ospiterà la storica band inglese ASIAN DUB FOUNDATION in versione Soun System, punte di diamante del rap italiano come GEMITAIZ, KAOS ONE NITRO, il producer drum and bass più amato degli ultimi anni AUDIO, la regina della dancehall MAMA MARJAS e il Sound System inglese MUNGO’S HI FI insieme al vocalist TOM SPIRALS.