0

Barberini presenta Barberini, un album dream pop

Arriva in digital download l’album d’esordio omonimo (Frivola Records) di Barberini, pseudonimo della cantautrice romana Barbara Bigi. Il disco è stato anticipato dal video Le Cabriolet con la regia di Fabio Capalbo (l’attrice è Rita Capecchi)https://youtu.be/DQZNVNhNvtI

Barberini

Barberini


Barberini, cantato in italiano, si distingue per il suo dream-pop, lisergico ed evocativo. Tra atmosfere lo-fi, riverberi e ambienti dilatati, la voce, quasi sussurrata, torna su temi ricorrenti come il tempo e lo spazio; ma anche il cinema, gli schermi, la tecnologia. Il disco, figlio dei nostri giorni, è fatto di immagini: istantanee su mondi diversi, a volte vicini e terreni, a volte lontani o surreali. Che convivono in un unico universo fatto di grandi domande e piccole cose.

È composto da 9 brani, da immagini che fotografano temi diversi, come un’amore destinato a sparire per colpa della fine del mondo (“L’Ultima Notte”) a lunghe domeniche da riempire di leggerezza (“Le Balene”).“Le Cabriolet” è unita dal filo sottile del tempo che passa a “Chiacchiere da Bar”, una dedica all’età adulta con uno sguardo critico verso la giovinezza e la spensieratezza che la accompagna. Il disco prosegue con“Le Produzioni di Hollywood”, “Vorrei” e “Spku” che immagina l’abbandono dei social network come un seppuku dei nostri giorni, gesto estremo per sfuggire a una fine disonorevole. Gli ultimi due brani sono“Astronavi”l’unica vera canzone d’amore del disco (dimensioni parallele, realtà infinite e nuove percezioni dello spazio-tempo) e Titoli di Coda”una piccola traccia dai toni sognanti, che torna nel mondo cinema per chiudere il disco con un lieto fine.

Tutte i brani sono di Barberini (ne “Le Balene” il co-autore è Giuseppe Ammirati), così come tutte le fotografie all’interno del disco. Produzione, arrangiamenti, missaggio e registrazione sono di Filippo Dr. Panìco, che ha suonato i synth, le chitarre elettriche e acustiche (tranne l’acustica in “Le Balene”), il basso in “SPKU” e le percussioni, e programmato la batteria in “SPKU” e “Chiacchiere da Bar”. Barberini ha suonato il pianoforte in “Astronavi”, “Le Produzioni di Hollywood” e “Titoli di Coda”. Marco Mirk ha suonato la batteria in “L’Ultima Notte”, “Le Balene”, “Le Cabriolet” e “SPKU”. Giuseppe Ammirati ha suonato il basso, i synth e le chitarre in “Le Balene”. Glauco Strina ha suonato il basso in “L’Ultima Notte” e “Le Cabriolet”.  Mastering di Massimiliano Lotti.

0

Ice x Diaz ecco il nuovo singolo, il duo Edm fa ballare con “Bali”

Ice x Diaz, in seguito all’uscita di “Struggle” che ha visto feedback positivi da importanti artisti della scena e dal pubblico, rilasciano il nuovo singolo dal titolo “Bali” per l’etichetta “Salto Sounds”, scelti da Gregor Salto per la sua compilation “Kool Kids”.

Ice X Diaz

Ice X Diaz


La release, uscita in esclusiva su Beatport il 12 Gennaio, sarà disponibile su tutti i digital store e Spotify dal 26 Gennaio. “Bali” è un brano house, caratterizzato da un sound deciso e vivace che accompagna l’ascoltatore in un viaggio carico di energia, grazie alla melodia coinvolgente. Il duo ha realizzato un mix tra eleganza, unicità e sonorità esotiche, da mettere in play e ascoltare in loop. La traccia è supportata ed è stata suonata in anteprima da artisti del calibro di Ummet Ozcan, Leandro Da Silva, Luca PerraAnderblastVigel, Simon De Jano, Sunstars, Maximals e Hugo Cantarra.

0

Alessandro Mannarino, arriva il primo disco live: Apriti Cielo!

Uscirà il 20 ottobre Apriti Cielo Live, il primo album dal vivo di Mannarino registrato in giro per l’Italia durante l’estate, che celebra il fortunatissimo tour da oltre 100.000 paganti, successo che conferma l’outsider del panorama musicale italiano come uno degli artisti più seguiti e apprezzati.

La cover di Apriti Cielo Live di Alessandro Mannarino

La cover di Apriti Cielo Live di Alessandro Mannarino

La preziosa confezione digipack conterrà un doppio CD con le canzoni dell’ultimo disco in versione live, i classici del repertorio di Mannarino, alcuni brani riarrangiati e l’inedito FATTE BACIA’, oltre che la versione studio di APRITI CIELO, album certificato ORO, che ha debuttato al 1° posto della classifica dei dischi più venduti.  Il fronte sonoro di questa produzione live è a dir poco impressionante: 12 musicisti polistrumentisti, con oltre 30 strumenti provenienti da tutto il mondo, hanno saputo esaltare le mille anime di Mannarino. Le percussioni e la batteria sono state l’elemento trainante dell’APRITI CIELO TOUR. Le prime suonate dal brasiliano Mauro Refosco, conosciuto per essere il percussionista dei Red Hot Chili Peppers e della band Forrò in the dark, per aver suonato con David Byrne e Brian Eno e per essere parte del super gruppo Atoms for Peace (composto da Thom Yorke dei Radiohead, Flea dei Red Hot Chili Peppers, Nigel Godrich, Joey Waronker). Alla batteria uno dei più apprezzati musicisti italiani, Puccio Panettieri, che vanta collaborazioni con i più importanti artisti italiani. Alle chitarre Alessandro Chimienti che accompagna Mannarino dal 2009 e che in questo tour ha suonato anche guitalele, banjio, chitarra portoghese e ronroco. Alle chitarre Giovanni Risitano e alla chitarra classica, cavaquinho Paolo Ceccarelli. Al basso e contrabbasso un altro elemento storico della band, Nicolò Pagani. Alle tastiere, fisarmonica e programming Mauro Menegazzi. Alla tromba e flicorno Antonino Vitali, al trombone Giuseppe Liggieri mentre Renato Vecchio ha suonato sax, flauto traverso, flauti indiani, shalumeau, duduk armeno e tanti altri. Al violino Lavinia Mancusi che insieme a Simona Sciacca, con Mannarino dagli esordi, sono le voci femminili del live.