0

Arriva Tarja, la regina del rock sinfonico

La stella più luminosa del firmamento della scena del rock sinfonico, Tarja Turunen, sarà in Italia per due straordinari concerti dei The Shadow Shows 2016: lunedì 28 novembre 2016 al Teatro Obihall di Firenze e martedì 29 novembre al Teatro della Luna di Assago (MI). La data milanese è davvero imperdibile per i veri fan: durante il concerto sarà infatti registrato uno dei prossimi lavori di Tarja, il DVD live che porterà il titolo di “Act II”. I biglietti per entrambi i concerti saranno disponibili in prevendita sul circuito Ticketone (online e nei punti vendita) dalle 10 di giovedì 6 ottobre 2016.

Tarja

Tarja

Soprano, compositrice e cantautrice, Tarja ha raggiunto la fama internazionale grazie alla sua militanza nei Nightwish, band symphonic metal finlandese di cui è stata co-fondatrice e voce per nove anni. La combinazione unica tra musica metal e la voce di Tarja hanno dato vita a un nuovo genere che ha rapidamente conquistato la popolarità tra pubblico e critica, ispirando un nuovo filone del rock. Nel 2005 Tarja ha intrapreso la carriera solista, sempre in bilico tra rock e musica lirica, e ha attualmente all’attivo 7 album in studio. Il suo ultimo lavoro “The Shadow Self” (earMUSIC, 2016) ha raggiunto la Top 20 in Austria, Finlandia, Germania e Svizzera. Il tour che ne accompagna l’uscita, The Shadow Shows 2016, è in partenza tra pochi giorni e toccherà Firenze e Assago a fine novembre.

0

Puglia per ricostruire: a Ostuni il jazz suona per il centro Italia terremotato

Il 25 settembre 2016 nella città di Ostuni si terrà “La Puglia per ricostruire”, un grande spettacolo musicale di solidarietà e raccolta fondi per i terremotati del centro Italia.
puglia_ricostruireDalle ore 18 in piazza della Libertà, più di 100 artisti pugliesi provenienti in gran parte dal mondo del jazz, affiancati da tecnici e organizzatori, si impegneranno in maniera assolutamente gratuita, in un grande evento destinato a raccogliere in maniera tangibile l’aiuto più importante possibile per i fratelli colpiti dal recente terremoto.

L’iniziativa voluta dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Ostuni è organizzata con la partnership del SerOstuni, Croce Rossa Italiana, Bass Culture, Rascia Sound, Punto Musica, Booking Show e Michelangelo Busco. Direzione artistica di Roberto Ottaviano, Giuseppe Bassi, Gaetano Partipilo in collaborazione con Davide Saccomanno. Testimonial d’eccezione Gegè Telesforo. Presenta Mauro Pulpito. L’obiettivo principale è quello di divulgare in maniera trasparente l’importo della raccolta fondi per la ricostruzione che verrà raggiunto a fine serata. La manifestazione intende inoltre sensibilizzare l’intera popolazione pugliese, nella volontà di far sentire la vicinanza della nostra regione al popolo di Amatrice e degli altri comuni coinvolti dal sisma. I biglietti di accesso sono acquistabili in prevendita su bookingshow.it (online e presso tutti i punti vendita del circuito). Tre le tariffe disponibili per il posto unico non numerato (€ 20, € 15, € 10 senza alcun onere di prevendita) che non differenziano gli ordini di posto, ma semplicemente l’entità del contributo che si può scegliere di offrire.

0

La musica si rinnova e cresce nella…Giungla

Con un sound tra i più originali attualmente in circolazione, Giungla è il progetto solista di Emanuela Drei, già voce dei Heike Has the Giggles e bassista per His Clancyness.

Giungla alias Emanuela Drei

Giungla alias Emanuela Drei

Oltre duecentomila ascolti tra Spotify e Soundcloud senza un album pubblicato, una cover di How do you do it di Empress Of e lodi internazionali che citano il suo EP di debutto ‘Camo’ (Factory Flaws, 2016) come ‘puro minimalismo, drappeggiato delicatamente con echi melodici dei Beach House e The xx’ secondo Nylon Magazine, oppure ”simile a quello che The xx avrebbero pubblicato se fossero stati in riva al mare e non a Londra’ per The Wild And Honey Pie e ‘una nuova dimensione dream pop’ per il NME. Nuovo talento italiano da tener d’occhio, anche i live di Giungla esprimono energia pura, modellati da un set up sonoro davvero soprendente per una one-woman-band.