0

Emis Killa campione sul ring dell’Alcatraz

Il 20 aprile 2017 il palco dell’Alcatraz di Milano si è trasformato in un ring: si esibisce Emis Killa. Emis Killa era accompagnato dalla crew di Blocco Recordz e per l’occasione ha deciso di portare con sé sul palco una band tutta al femminile: Silvia Ottanà al basso, Fiamma Cardani alla batteria e Beatrice Antolini alle tastiere. Noi c’eravano per assistere a La Terza Stagione Tour e ve lo raccontiamo.

Emis Killa sul ring dell'Alcatraz

Emis Killa sul ring dell’Alcatraz

di Carlotta Sorrentino

Emis Killa sale sul ring e apre il concerto con Dal basso brano estratto dall’ultimo disco Terza Stagione uscito il 14 ottobre. Prosegue con Non era vero e Uno come me, sempre estratti dal nuovo album. Ma i fan del rapper non si limitano a conoscere e cantare a squarcia gola le ultime uscite, sono preparati su tutto il suo repertorio. Emis Killa lo sa e li mette alla prova con brani di album passati quali Erba cattiva tratto dall’omonimo disco del 2012 e Soli dall’album Mercurio uscito l’anno dopo. Il pubblico ha risposto bene, non si è trovato impreparato e ha saputo placare le ansie dell’artista che ha confessato di fare incubi in cui i suoi fan compravano i biglietti ma poi non si presentavano al concerto. Come promesso dall’artista il palco, o meglio il ring, ha ospitato tantissimi ospiti che hanno partecipato al suo disco, come Jamil in Vecchia maniera e Maruego (con l’album in uscita in estate) sulle note di Buonanotte. Tra le performance di questi due primi ospiti Emis Killa decide di far cantare fa saltare l’Alcatraz con Parole di ghiaccio. Le sorprese non sono finite e l’artista si esibisce con Vegas Jones in Gucci benz un brano di cui Emis Killa era il featuring. La festa esplode sul ring con Laioung e i suoi denti d’oro e i The RRR Mob e a seguire Coez. Gli ospiti non sono finiti ma c’è bisogno di ballare un po’ ed ecco che Emis canta Cult e a seguire Maracana dove tutto il pubblico inizia a muovere le braccia come fosse allo stadio. Sulle note di Non è facile arriva Jake La Furia, ospite speciale, osannato da Killa e da tutto il pubblico. Il finale è con Vestiti Sporchi proprio come si conclude l’album.

0

Vertical love per Beatrice Antolini

Un videoclip davvero particolare quello che accompagna l’uscita dell’omonimo brano, in radio dal 10 marzo, di genere fantascientifico realizzato con approccio e tecniche  prettamente cinematografiche che esce sull’onda del grande successo di Gravity di Alfonso Cuaròn.

Vertical Love di Beatrice Antolini

Vertical Love di Beatrice Antolini

Un ambientazione che sottolinea perfettamente la spinta all’innovazione e al cambiamento artistico di Beatrice, di cui il brano Vertical Love è l’esempio più avanzato. Il clip è stato diretto da Stefano Lodovichi, distintosi per aver firmato la regia del film Aquadro del 2013 prodotto da Mood Film con RAI Cinema e BLS Sudtirol Alto. Vertical Love è estratto da Vivid, l’ultimo lavoro discografico di Beatrice Antolini, pubblicato da Qui Base Luna, il nuovo ecosistema musicale a cui Beatrice ha aderito condividendone idee e filosofia: www.quibaseluna.com. La distribuzione è affidata a Self.

0

Antolini: disco, tour e magia per un mondo più…Vivid

Beatrice Antolini

Già al quarto lavoro discografico nonostante la sua giovane età, Beatrice Antolini torna con un nuovo disco la cui uscita ufficiale è prevista per il 14 maggio. “Vivid”, questo il titolo, raccoglie 10 canzoni composte e prodotte totalmente da Beatrice e registrate  e mixate presso il Ritmo&Blu studio di Brescia. A pubblicare “Vivid” è Qui Base Luna, non un’etichetta indipendente, ma un nuovo ecosistema musicale, a cui Beatrice ha aderito condividendone idee e filosofia: www.quibaseluna.com. La distribuzione è affidata a Self.

Beatrice spieha che “Vivid è stato creato in un momento di ritiro e di riorganizzazione della mia attività musicale. Dopo tanti concerti e tante esperienze ho avuto il bisogno di osservarmi da fuori ed ho capito che volevo  realizzare  un  disco  che  seguisse  il  mio  percorso  e  lo  fissasse con  un nuovo stile. I cambiamenti hanno bisogno di coraggio, di impegno e di tempo, ma se costruiti con volontà e convinzione  sono  nuove  spiagge  libere  da  calpestare ed esplorare. E’ chiarezza, coerenza e trasparenza, è quello che non si vedeva e adesso si vede, è come vorrei essere, senza opacità, un canale pulito di energie attraverso il quale fluiscono le mie canzoni”.

“Vivid” è stato anticipato dall’uscita del primo singolo “Pinebrain”, un brano ritmico e incalzante dalle coinvolgenti improvvise aperture. Il singolo è una sorta di inno alla propria tana interiore, come canta il ritornello “Locked into my den”, per resistere all’impatto quotidiano del mondo. Ma è anche un invito a non isolarsi perché da questo luogo ideale di creatività ed ingegno si può partire per costruire caparbiamente il proprio percorso e condividerlo col prossimo

Le prime date del tour:
9 maggio Roma Circolo degli Artisti
10 maggio Bologna Locomotiv
11 maggio Torino El Barrio
17 maggio Acquaviva delle Fonti (BA) Oasi San Martino
24 maggio Milano Leoncavallo