0

Roberto Angelini live al Carroponte: una serata con una grande cantautore

Cantautore, chitarrista acustico, jazzista, discografico indipendente, modellatore di plastilina. Roberto Angelini porta sul palco di Carroponte tutto il suo amore per l’arte e per la musica.

Roberto Angelini

Roberto Angelini

Una serata speciale, quella di giovedì 23 giugno al Carrponte di Milano, in compagnia di un artista a tutto tondo capace di esprimere la propria creatività attraverso diverse forme, tra esibizioni live, animazioni e composizioni musicali. Classe 1975, Angelini cade vittima del fascino della musica già in tenera età e cresce professionalmente collaborando con artisti del calibro di Jarabe de Palo, Max Gazzé, Marina Rei e Carmen Consoli. Dalle corde della sua chitarra nascono molti successi, dall’exploit pop di Gatto Matto a Calore, brano che ha dato il via all’inarrestabile ascesa di Emma Marrone. Nel 2008 fonda l’etichetta indipendente Fiorirari e prosegue la sua strada in musica intrecciandola con quella di altri artisti come Niccolò Fabi e Pier Cortese. Al suo attivo traguardi come il Premio della Critica Mia Martini al Festival di Sanremo. Più di recente ha lavorato al disco d’esordio di Margherita Vicario e collaborato con la squadra del programma Gazebo. Apertura cancelli ore 20, inizio concerto ore 21.30: ingresso gratuito.

0

De Candia, “la mia domenica” e il secondo disco: il cantautore pugliese si racconta a Note Spillate

Un disco all’attivo, uno in arrivo in autunno, Giuseppe De Candia, cantautore di Bisceglie, affronta questa estate 2015 col singolo La mia domenica. E scrive un articolo per Note Spillate raccontandosi.

Giuseppe De Candia

Giuseppe De Candia

di Giuseppe De Candia

La mia passione musicale nacque così per gioco in tenera età, quando i miei genitori, in onore di una festività del mio paese d’origine, mi regalarono una stupenda batteria giocattolo! Ero talmente entusiasta della cosa che ci giocavo per ore ed ore senza stancarmi mai. I vicini di questo non erano tanto felici quanto me. Gli anni passavano e il mio amore per la musica cresceva sempre di più e quella passione che era nata per gioco, divenne in modo spontaneo e naturale qualcosa di più importante. Stava diventando un punto fermo nella mia vita. Una tastiera e una chitarra diedero il via al mio percorso di musicista autodidatta e alle note che riuscivo ad esprimere unì la mia passione per la scrittura. A un certo punto fu tutto più chiaro, avevo unito le mie passioni e stavo così già scrivendo la mia storia artistica. Insieme alla mia famiglia presi con consapevolezza una decisione: dovevo rendere professionale il mio percorso, di conseguenza avevo bisogno di crescere artisticamente e studiare. Nel 2009 iniziai a prendere lezione di canto, ma c’era qualcosa che non mi convinceva didatticamente e decisi di interrompere. Attualmente ho ripreso con la vocal coach Antonella Caputi della scuola “InCanto” in Musica di Bisceglie, con la quale ho percepito subito la mia voce migliorare e sento che questo percorso mi potrà far crescere sempre di più vocalmente.

Nel 2011 c’è stata una tappa importante nella mia carriera artistica, esce il mio primo singolo intitolato Ehi bella. Per me cantarla, a distanza di 4 anni dalla sua uscita, è sempre emozionante! La cosa ancor più emozionante per quanto mi riguarda è ascoltare il pubblico che me la richiede e che la canta insieme a me. A distanza di soli due anni esce il mio primo disco Angeli in blue jeans. Posso ritenermi soddisfatto di questa autoproduzione sperimentale che ha riscosso un discreto successo. Il 2013 mi ha regalato belle soddisfazioni musicali, che sono poi continuate l’anno seguente che mi ha visto vincitore come Miglior Autore in occasione del Sanremo Music Awards. Come avete potuto ascoltare e vedere il 29 Giugno, dopo due anni d’intenso lavoro, è uscito il mio nuovo singolo La mia Domenica, che anticipa l’uscita del nuovo disco prevista per il prossimo autunno. Ho scritto questo brano pensando ad un ragazzo e una ragazza, una giovane coppia che non riuscendo a stare insieme durante la settimana, sceglie di vedersi e vivere la loro intimità la Domenica. La regia ho scelto di affidarla ad un giovane regista molto promettente : Francesco Paolo Figlia, che ha saputo mettere in immagini ciò che ho scritto musicalmente. Il video attualmente su YouTube ha raggiunto le 13.595 visualizzazioni, tutto questo mi fa sentire felice e soddisfatto del lavoro svolto e colgo l’occasione per ringraziare chi ha partecipato alla realizzazione del video: Chiara Causarano e Marco Corraro che hanno interpretato la giovane coppia di ragazzi, Goran Kris che si è occupato delle foto, Fabio di Liddo alla tastiera, MkAel e Bob D’Elia alle chitarre, non vedo l’ora che esca il nuovo disco, così da poter farvelo ascoltare. Saluto tutti gli amici di Note Spillate e a presto!

0

Gioele porta la sua terra sul web

I cantautori esistono ancora. Non sono travestiti da rapper. Ma armati di chitarra come negli anni Sessanta. Tra questi c’è Gioele Abate. Il suo progetto si titola La mia terra e ce lo racconta. Noi lo presentiamo con le sue parole e il video di Tirami il pallone e quello di Ascolta il mondo.

Gioele

Gioele

di Gioele

Sono un giovane cantautore di Anzio e scrivo da oltre dieci anni. A marzo ho pubblicato il mio primo EP sul web La Mia Terra. Questo risultato,  che è solo un punto di partenza, è il frutto di un lungo percorso, passato attraverso tante idee e tante esperienze. La decisione di pubblicarlo è stata improvvisa e inaspettata. Sento l’urgenza di trasmettere qualcosa di mio, attraverso suoni e versi istintivi, facendo ascoltare i brani
al loro stato essenziale (in chiave acustica, chitarra e voce). Con queste prime sei canzoni, tocco alcune delle tematiche a me più care: il desiderio d’amore; la volontà di avere il controllo della propria vita; l’impegno a prenderci cura di chi abbiamo accanto; combattere sempre, nonostante la mancanza di umanità che ci circonda; l’importanza di apprezzare ciò che abbiamo e di ascoltare tutto quello ci succede intorno. La canzone che dà il titolo all’EP racchiude tutto questo e parla della speranza di conquistare, semplicemente, la propria libertà.