0

Lou Rhodes, la regina del folk al Magnolia

Una lunga chioma castana con riflessi rossicci e uno sguardo profondo e fiero, Lou Rhodes, la splendida voce che fu dei Lamb, ora ha deciso di imbracciare la chitarra, armarsi di carta e penna e iniziare a cantare seguendo la sua anima più folk e cantautorale.

Lou Rhodes

Lou Rhodes

Abbandonata la via che i Lamb avevano tracciato anni or sono, con le loro melodie elettroniche e le loro ambientazioni trip-hop, Lou Rhodes ha deciso di intraprendere un viaggio in solitaria, armata soltanto della propria chitarra e della propria voce. Viaggio che l’ha portata oggi al quarto album in studio, Theyesandeye, un piccolo scrigno fatto di pietre preziose che potremo ascoltare al Magnolia, magari chiudendo gli occhi per un po’ e immaginando di non essere qui. L’appuntamento con Lou Rhodes è al Circolo Magnolia di Milano domenica 15 gennaio alle ore 21. Il costo del biglietto è di 15 euro più i diritti di prevendita. Obbligatoria la tessera Arci 2017.

0

Magnolia 2015, una estate nella giungla: benvenuti

Come sopravvivere alla giungla, quella delle licenze, dei regolamenti per il pubblico spettacolo, del mancato collegamento tra il parco dell’Idroscalo e il resto del mondo, delle difficoltà ovvie per chi fa programmazione musicale d’inverno e d’estate in settimana e non solo il week end? Il Circolo Magnolia ce l’ha fatta, questi dieci anni e questa decima estate insieme sono un regalo bellissimo per tutti noi, che abbiamo creduto in questo piccolo angolo verde lontano dalla città e che abbiamo insistito sulla selezione musicale e artistica, per la massima inclusività e accessibilità del pubblico di curiosi, musicisti, appassionati, notturni che hanno reso il Magnolia la giungla affollatissima che è ora.

L'estate 2015 è al Circolo Magnolia

L’estate 2015 è al Circolo Magnolia

L’estate Ten Years, come abbiamo voluto chiamarla, sarà la più lunga – apre una settimana prima, il 22 maggio e chiuderà una settimana dopo, il 26 settembre, quella con più concerti, e con alcune specialità che proveranno a portare fin dalle ore diurne molta gente sulle rive dell’Idroscalo. Cinque nuovi appuntamenti, che vi verranno presentati più avanti, che faranno vivere di giorno il parco e il Circolo Magnolia ad ogni tipo di pubblico: famiglie, stranieri, turisti, amanti del fitness e del jogging, cinefili, per picnic sull’erba, corse tra i prati e intorno a specchi d’acqua, visioni notturne ed en plein air, maratone musicali e di cibo di strada.

Sarà l’estate delle conferme per i grandi festival nati e cresciuti al Circolo Magnolia, come Unaltrofestival, il Miami, arrivato all’undicesima edizione, e Solo Macello, e per i grandi concerti rock e dei suoi derivati. Completano la programmazione i party a tema, per tutti i gusti, dagli anni’50 fino ai ‘90, per ogni tipo di travestimento, umore e musica, e gli eventi di musica elettronica in collaborazione con i collettivi milanesi più rilevanti nel clubbing europeo.

Il 9 luglio sarà anche l’occasione per festeggiare i dieci anni con una piccola sorpresa, un regalo che il Circolo Magnolia farà a se stesso e a tutti coloro che hanno attraversato in questi dieci anni il palco e la pista: un libro fatto soprattutto dei ricordi di chi c’era, ha trovato o perso un amore, ha scoperto una porta verso un’altra dimensione, ha gioito come era giusto al suono della nostra musica. Sono solo dieci anni in fondo, la strada è ancora molto lunga, per fortuna, ma siamo sicuri che qualche buona cosa l’abbiamo saputa fare in tempi incerti ma bellissimi, i nostri primi dieci anni. Come anticipato, soprattutto quest’anno il Circolo Magnolia ha voluto fare le cose in grande, a partire dal reparto elettronica con l’apertura con Crookers (22 maggio), l’unica attesissima data italiana di Caribou (28 maggio) fino a Boys Noize (12 giugno) e Fritz Kalkbrenner (26 giugno). Ma non mancheranno i grandi concerti – dai Public Enemy (16 luglio) a Hozier e Of Monsters and Men (all’interno di Unaltrofestival)a Shaggy (28 luglio) fino a Yelawolf (25 agosto) – le band italiane – dai Calibro 35 (15 luglio) ai Fast Animals and Slow Kids (23 luglio), Tre Allegri Ragazzi Morti ft. Abbey Town Jazz Orchestra (31 luglio) e Sud Sound System (29 agosto) – e band della scena rock e metal – tra gli altri Black Mountain (17 giugno), Flogging Molly (21 luglio), Sepultura (27 luglio), Enter Shikari (29 luglio), The Dillinger Escare Plan (11 agosto), Get Up Kids (23 agosto). Per il weekend del compleanno (10 e 11 luglio) ci saranno due serate impedibili: venerdì 10 SBTRKT dj set accompagnato dagli Aucan mentre sabato 11 sarà la volta del Godzillamarket Party con Giuliano Palma, i Selton e altre sorprese.

Per tutta la stagione estiva non sarà necessaria la tessera Arci e sarà sempre possibile cenare presso la pizzeria e friggitoria allestita a fianco del main stage, che aprirà alle 19.00 tutta estate, sia per concerti e serate a pagamento sia per quelle ad ingresso gratuito. Come sempre l’acqua, depurata e disponibile sia frizzante che liscia, sarà distribuita gratuitamente presso tutti i punti bar del Circolo Magnolia. Come ogni anno il Circolo Magnolia ha attivato l’iniziativa Mamma dormo fuori, che dà la possibilità al pubblico di dormire a prezzi agevolati: quest’anno la convenzione è stata stipulata con tre hotel – Air Hotel, Hotel Montini e Espresso Hotel – per un servizio aggiunto che evita di doversi mettere in macchina in condizioni non adatte. Anche quest’estate la rassegna Corpo di Mille Balere sarà protagonista di alcune domeniche quando la rotonda del Circolo Magnolia si riempirà di appassionati e amanti del ballo, e come ogni estate verrà offerta un ricco rinfresco di frutta e bibite per tutti coloro che si alterneranno sulla pista.

0

Blondie, una leggenda a Milano

Un vuoto lungo quarant’anni. Colmato ieri sera, in una notte straordinaria al Circolo Magnolia di Milano: sul palco i Blondie di Debbie Harry. Ho assistito a una serata straordinaria con un band che ha suonato per un’ora e mezzo e una leader carismatica che ha sedotto il pubblico, di tutte le età, prima ancora di liberare la sua voce.

Blondie al Magnolia di MIlano

Blondie al Magnolia di MIlano

L’avventura dei Blondie, ovvero di Debbie Harry e Chris Stein inizia a metà anni Settanta a New York: Stein è sedotto dalla musica dei New York Dolls e vuole creare un gruppo simile. Nel 1973 entra negli Stilettos e inizia la sua relazione con la cantante Debbie. Lei è di una bellezza unica che è stata coniglietta di Playboy, è la risposta punk a Marilyn Monroe. Tra i brai più celebri “Heart of glass”, “Call me”, “Atomic”, “Hanging on the telephone”, “Picture this”, “One way or anoter” e tutto “Parallel lines”, il terzo album, del 1978, che è una pietra miliare nella storia della musica.

Debbie Harry ha un look sexy, sofisticato e raffinato al punto che anche ora che ha 69 anni è una icona. Non dimostra tutte quelle stagioni, lo ha dimostrato ieri sera. Sul palco con lei, oltre all’ex Stein e il batterista Clem Burke, rinforzati dagli innesti di Leigh Foxx, Tommy Kessler e Matt Katz-Bohen. E’ il tour che celebra 40 anni di carriera ma la ribellione delle origini c’è tutta.

I Blondie a Milano

I Blondie a Milano

Prima di Madonna e Lady Gaga c’era lei. Ma soprattutto c’erano le bionde del cinema: Jean Harlow, Lana Turner, Catherine Deneuve e l’immensa Marilyn. Lei veniva dalla recitazione e sul palco portava la sua idea di come avrebbe cantato una diva. Voleva essere intoccabile, una fissazione per il pubblico, un fascio di luce che ti ipnotizza. Una idea folle che ha funzionato.