0

Baustelle e il "fantasma" del tempo

I Baustelle

Arriva il “Fantasma” dei Baustelle. Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi e Claudio Brasini pubblicano, il 29 gennaio,  il loro sesto album che è stato registrato a Montepulciano, loro paese d’origine, utilizzando, tra le altre, la Fortezza Medicea. Nelle registrazioni è stata coinvolta anche la FilmHarmony Orchestra di Breslavia, Polonia. Abbiamo incontrato i Baustelle a Milano per chiacchierare con loro di…fantasmi moderni.

Perché “Fantasma”?
Il tema cardine del disco è il tempo.
In quale accezione?
Viviamo in una società nella quale si vede tutto ma in modo sfumato.Oggi chi guarda al futuro ha una percezione completamente diversa rispetto a chi lo faceva nel 1960.
Dobbiamo rallentare o accelerare?
Rallentare sarebbe una cosa saggia.
Il brano “Il finale” parla proprio di questo.
Nella canzone ci sono riferimenti al compositore Olivier Messaien: lui, a suo modo cattolico, sosteneva che la felicità si trova con la fine del tempo.
Meglio la fine che la durata?
Per lui meglio l’apocalisse che vivere in questo modo: il tempo è da sempre portatore di infelicità.
I testi della canzoni mescolano filosofia e letteratura, umanità e favola: nessun timore di smarrirvi?
In realtà tutto si incastra perché non pensiamo troppo ai testi.
La cover incece sembra studiata meticolosamente.
La veste grafica arriva dopo.
La bambina dai capelli rossi è una citazione chiara agli horror anni Settanta.
Pensi che abbiamo anche fatto un casting per trovarla, la volevamo più simile possibile a Nicoletta Elmi, protagonista indiscussa degli horror di quel periodo.
Nel medioevo i capelli rossi erano sinonimo di stregoneria.
Il nostro è solo un riferimento, ci torna più facile pensare a un personaggio di Fellini.

La cover di Fantasma

Il disco, 13 canzoni e 6 brani strumentali, si apre con “Nessuno” che esordisce con “non credo alla Bibbia/mi chiedo perché dovrei consultarla”.
(Risponde Bianconi) Ultimamente mi hanno accusato di essere clericale. Non sono neanche anti-clericale a dire il vero e comunque ci tenevo a dire la mia. Mi riferisco a certi principi del potere temporale.
Un altro titolo è “La morte”.
E’ un tabù soprattutto nella cultura occidentale occidentale.
La storia è curiosa.
Il protagonista invecchia capisce che può anche non esistere più. Bisogna spogliarla della accezione negativa.
Voi che pensate della morte?
Speriamo sia un passaggio verso qualcosa di migliore. O anche verso un’altra dimensione.
Nell’album precedente, “I mistici dell’Occidente”, c’è “Le rane” che sembra un preludio a questo disco sul tempo.
Ha ragione. E’ il primo salto verso il fantasma.
Il tour?
Facciamo quattro concerti di presentazione il 19 febbraio a bari, il 20 a Roma, il 23 a Firenze e il 25 a Milano. L’8 marzo parte poi il tour vero.
Vi portate l’orchestra?
Magari! Siamo in formazione allargata ma l’orchestra non è possibile. Anche ci piacerebbe, seppur solo per una data.

0

Il "Fantasma" dei Baustelle

Baustelle (foto di Gianluca Morosos)

Dopo le indiscrezioni trapelate nei giorni scorsi sul web grazie all’apparizione di alcuni teaser (http://www.youtube.com/baustelleofficial), i Baustelle hanno annunciato la pubblicazione di un nuovo album di inediti, il sesto della loro carriera.

“Fantasma”, questo è il titolo del disco, uscirà il 29 gennaio 2013 ed è stato registrato a Montepulciano, in provincia di Siena, paese d’origine della band, utilizzando l’imponente struttura della Fortezza Medicea oltre ad altre importanti location cittadine. Nelle registrazioni dell’album è stata coinvolta anche un’orchestra sinfonica, la FilmHarmony Orchestra di Wroclaw/Breslavia (Polonia), registrata in trasferta nei propri studi.

“Fantasma” arriva a quasi tre anni di distanza dal precedente album, l’acclamato “I Mistici dell’Occidente”, che aveva consolidato la band di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi e Claudio Brasini come una delle più innovative, raffinate e di spessore del panorama musicale italiano.

Parallelamente alla pubblicazione dell’album, i Baustelle annunceranno a breve le prime date del loro tour 2013, che sarà seguito dall’agenzia PONDEROSA (www.ponderosa.it).

Sul sito ufficiale dei Baustelle, www.baustelle.it, sono visibili i teaser di “Fantasma” già resi disponibili, mentre altri se ne aggiungeranno nelle prossime settimane.