0

Mantova Jazz Festival, un programma fantastico fatto di…Relazioni

1917- 2017: Il Festival Mantova Jazz non poteva esimersi dal festeggiare questo tondissimo anniversario e in questa 36^ edizione lo farà con 17 eventi tra concerti, master classes e performance interdisciplinari, tutti incentrati sull’idea di “Relazioni”.

Mantova Jazz Festival

Mantova Jazz Festival

Relazioni tra Italia e jazz nell’evento speciale “Cento Anni di Jazz Italiano”, che vedrà incontrarsi, in una corsa a ritroso nel tempo, il futuro del giovane Marcello Abate, il magnifico presente di Danilo Rea e il passato della tradizione che rivive nell’elegante vitalità della Milano Hot Jazz Orchestra. (Teatro Bibiena 20 ottobre 2017). Relazioni tra Europa e Stati Uniti sono quelle implicate nella conversazione tra Ron Carter e Richard Galliano, due maestri in possesso di una voce poetica pari alla maestria strumentale. (Teatro Ariston 7 novembre). Relazioni tra jazz e luoghi simbolo del mondo classico europeo, collocando Brad Mehldau, il più grande pianista jazz affermatosi negli ultimi decenni, nella cornice mozartiana del Teatro Bibiena. Una performance non amplificata, di solo piano che, siamo certi, resterà nella storia del Chiozzini. (Teatro Bibiena 21 novembre) O quelle interne al caleidoscopico trio di Dave Holland, luogo di bellezza ritmica e di dialoghi serrati tra uno dei due grandi contrabbassisti davisiani degli anni Sessanta (l’altro è Ron Carter, e anche queste sono relazioni) con la chitarra e le percussioni “black” di Kevin Eubankse di Obed Calvaire. (Teatro  Ariston 27 novembre) Infine, ma forse le più importanti di tutte, ci sono le relazioni con i tanti futuri possibili del jazz italiano e  non. Il Chiozzini ha il piacere di presentare una speciale Sezione Young, sostenuta da SIAE Sillumina.

Bando 1 – Periferie Urbane “Mantova Jazz sezione YOUNG”, 47 giovani musicisti, provenienti da tutte le parti d’Italia e da poli di influenza diversi, 13 progetti con composizioni originali di cui 7 femminili, tutti eventi gratuiti. La selezione che ha permesso a queste giovani proposte di entrare nel cast del Mantova Jazz Festival non è stata un semplice “aggiungi al carrello”, ma è stato un percorso che ha seguito il concetto espresso quest’anno dalla rassegna, ovvero cosa le nuove generazioni hanno raccolto e sviluppato dopo 100 anni di jazz ed è stato particolarmente interessante e significativo constatare come siano cresciute le presenze femminili nel mondo fondamentalmente maschilista del jazz.Il via al Mantova Jazz Festival lo darà proprio il 6 ottobre la Sezione Young con Walter Ricci, classe 1989, voce e piano, con una masterclass pomeridiana e in serata il concerto all’Arci Virgilio, il 12 ottobre sarà la volta della masterclass e concerto del torinese Fabio Giachino trio, pianoforte, contrabbasso, batteria e il 14 ottobre il progetto “Tomorrow” di Camilla Battaglia e la sua band in concerto all’Arci Tom. Il 21 ottobre all’Arci Virgilio si esibirà il trio della compositrice romana Federica Michisanti, giovane contrabbassista, accompagnata da sax tenore e piano nel progetto “Trioness”, il 27 ottobre all’Arci Tom concerto serale del duo di Serena Brancale, che ritroveremo la mattina del 28 in una masterclass sempre all’Arci Tom, mentre il 28 ottobre alle 21.30 al Creative Lab Lunetta il concerto del quintetto guidato dalla giovanissima compositrice Giulia Facco, che riunisce alcuni dei giovani talenti dell’area veneta e friulana. Il mese di novembre partirà il primo con il quintetto del batterista Andrea Grillini all’Arci Virgilio e il 3 novembre all’arci Tom si esibirà Elg Ler Trio, mentre il 10 novembre sempre all’Arci Tom nel ruolo di ideale “padrino” della sezione dedicata ai musicisti sotto i trentacinque anni, si terrà il concerto del trio del giovane tenorsassofonista James Brandon Lewis, una delle voci più fresche ed eccitanti del nuovo jazz americano, seguito l’11 al Creative Lab Lunetta dal concerto della giovane clarinettista e compositrice sarda Zoe Pia e del suo quartetto. Si prosegue il 16 novembre all’Arci Virgilio con il progetto originale del soprano Gaia Mattiuzzi e del suo trio e il 18 novembre all’Arci Tom con la band padovana PCKT. L’ultimo concerto della Sezione Young si terrà il 24 novembre all’Arci Virgilio che ospiterà il quartetto della contrabbassista Rosa Brunello Y Los Fermentos, giovane realtà della scena jazz italiana.

Programma completo del Mantova Jazz 2017

6 ottobre 2017 MASTERCLASS VOCE + CONCERTO
Valter Ricci (arci Virgilio)
12 ottobre MASTERCLASS DI INSIEME TRIO + CONCERTO
Fabio Giachino trio (arci Virgilio)
14 ottobre concerto
Camilla Battaglia “Tomorrow”(arci Tom)
20 ottobre “Cento Anni di Jazz Italiano”, Marcello Abate, Danilo Rea Milano Hot Jazz Orchestra.
(Teatro Bibiena)
21 ottobre concerto
Federica Michisanti “Trioness” (arci Virgilio)
27 ottobre MASTERCLASS VOCE + CONCERTO
Serena Brancale duo (arci Tom)
28 ottobre concerto
Giulia Facco Quintet (Creative Lab Lunetta)
1 novembre concerto
Andrea Grillini “Yoruba” ANDREA GRILLINI QUINTET (arci Virgilio)
3 novembre concerto
ELG LER (arci Tom)
7 novembre Ron Carter e Richard Galliano (Teatro Ariston)
10 novembre concerto
James Brandon Lewis Trio (arci Tom)
11 novembre
Zoe Pia “Shardana” Creative Lab Lunetta
16 novembre
Gaia Mattiuzzi Trio (arci Virgilio)

18 novembre
PCKT (arci Tom)
21 novembre Brad Mehldau (Teatro Bibiena )
24 novembre
Rosa Brunello Quartet (arci Virgilio)
26 novembre Dave Holland (Teatro Ariston)
Prevendite su www.vivaticket.it
Per informazioni: 349 5904186 info@mantovajazz.it; www.mantovajazz.it ; www.mantovalink.it ;
www.live-arcimantova.it .

0

Polignano e Puglia Sounds cantano Meraviglioso Modugno

Polignano a Mare celebra il suo cittadino più famoso e amato nel mondo con Meraviglioso Modugno, spettacolo evento che quest’anno è in programma il 6 agosto a vent’anni esatti dalla scomparsa del grande Domenico Modugno.

Renzo Rubino

Renzo Rubino

La quarta edizione di Meraviglioso Modugno vedrà in scena Gino Paoli e Danilo Rea, Malika Ayane, Marta Sui Tubi, Antonio Diodato, Rocco Hunt e Renzo Rubino, un cast d’eccezione chiamato a reinterpretare alcune delle più celebri canzoni del vasto repertorio di Domenico Modugno nella città che gli ha dato i natali. Lo spettacolo, organizzato dal Comune di Polignano a Mare con il sostengo di Puglia Sounds, si svolgerà mercoledì 6 agosto dalle ore 21.30 in Piazza Aldo Moro. Anche quest’anno nel corso della serata il Comune di Polignano assegnerà il Premio Città di Polignano ad una personalità del mondo della cultura e dello spettacolo che ha veicolato e promosso l’immagine di Polignano a Mare in Italia e nel mondo. Lo scorso anno il premio è stato assegnato a Beppe Fiorello per la sua interpretazione nella fiction Rai dedicata a Domenico Modugno.

Malika Ayane

Malika Ayane

La direzione artistica di Meraviglioso Modugno è a cura di Maria Cristina Zoppa, Luca Modugno e Stefano Senardi. Meraviglioso Modugno ha inaugurato al Teatro Petruzzelli di Bari le prime due edizioni del Medimex – Salone dell’innovazione musicale promosso da Puglia Sounds che quest’anno è in programma a Bari da giovedì 30 ottobre a sabato 1 novembre e nel corso degli anni ha ospitato artisti del calibro dei Negramaro, Vinicio Capossela, Daniele Silvestri, Sud Sound System, Mannarino, Pacifico, Noemi, Simone Cristicchi, Mauro Ermanno Giovanardi, Nada, Paola Turci e molti altri.

0

Mina a forza 12 e va Oltreoceano

La suggestiva cover di 12

12 come gli intramontabili standard della canzone americana interpretati magistralmente da un’artista che non ha bisogno di presentazioni: Mina; 12 come le stupende copertine d’autore ispirate alla discografia jazz dagli anni ’30,  disponibili con la prima tiratura.

Esce il 4 dicembre “12 (american song book)”, il nuovo disco della più grande artista italiana, che canta in modo unico e inconfondibile celebri brani della tradizione musicale d’oltreoceano.

Ad accompagnare la straordinaria voce di Mina, Danilo Rea al piano, Alfredo Golino alla batteria, Massimo Moriconi al contrabbasso e gli archi arrangiati da Gianni Ferrio, che rendono l’atmosfera ancora più coinvolgente e suggestiva.