0

Un’altra vita per Elodie

Elodie, 25 anni, capelli fucsia e personalità decisa, si è distinta sin dall’inizio della sua partecipazione ad Amici mostrando una maturità artistica che le ha permesso di guadagnare l’attenzione degli addetti ai lavori e l’affetto di numerosissimi fan.

Elodie

Elodie

Il 20 Maggio uscirà, su etichetta Universal Music, il suo album di debutto Un’Altra Vita prodotto da Luca Mattioni ed Emma Marrone. Dal 13 Maggio sarà possibile preordinare il disco a prezzo speciale e ricevere istantaneamente la title track Un’altra Vita, scritta da Fabrizio Moro.

 

0

Nottetempo è arrivata la (grande) svolta di Antonino

Una voce che è un lampo nel cielo sereno. Ci mancava Antonino Spadaccino. Dopo la vittoria ad Amici del 2005 si era un po’ smarrito, ma per noi italiani, non per l’arte musicale. E ora torna con un disco, Nottetempo, che è una folgore gioiosa.

Antonino Spadaccino

Antonino Spadaccino

Antonino partiamo dal 2005, da Amici.
La vittoria del talent di Maria mi ha dato una grande popolarità ma per la discografia restavo un emergente. Basti dire che al momento del secondo disco Nero indelebile sono rimasto senza contratto.
Un paradosso ma anche un pessimo costume italiano. E lei?
Ho pensato di andare all’estero per mettermi alla prova, ho vinto due Festival Europei: fuori dall’Italia mi sono tolto qualche soddisfazione. Mi è stato anche chiesto di rappresentare l’Italia in alcune circostanze.
Poi ha scelto di rientrare.
Sì, avevo bisogno di capire se avevo tenuto un pubblico, può succedere di essere stella per un anno e poi scomparire.
Risultato?
Milioni di visualizzazioni su youtube e brani in classifica: rincuorato ho sentito l’esigenza di rimettermi in corsa, di riprendere la scrittura. Così è nato Nottetempo.
Perché Nottetempo?
Ho rubato una notte per farlo, ho rivoltato la mia vita e mi sono chiesto che voglio fare a 30 anni.
Risultato?
Serve un percorso, non basta essere bravi interpreti, occorre un contenuto.
Il punto di ripartenza può essere Lontano da me?
Non è un mio brano, è di Nicolas Bonazzi e ha quattro anni: mi è piaciuto al primo ascolto. E’ un brano oscuro che racconta una qualunque sera dove non sai dove battere la testa. Devi trovare un modo per venirne fuori. Un brano così può esorcizzare questo periodo.
Lei è molto legato a Emma Marrone.
Mi sento privilegiato ad avere conosciuto l’artista Emma e la persona Emma.
Come la racconta?
E’ una che lavora sodo, mai visto nessuna con quei ritmi, attenta ai dettagli, tiene tutto sotto controllo e fa esibizioni da urlo. Io potevo solo essere spugna di fronte a lei: puoi solo attingere e imparare.
Il suo cuore palpita?
Sono innamorato e spero di sposarmi più presto possibile.
Cosa è cambiato negli ultimi dieci anni?
Dopo l’esperienza di Amici avevo l’esigenza di dire il mio pensiero, ecco perché ho scritto molto. E’ un disco molto sincero e vero.
Suoni ricercati. Si sente la presenza di Luca Mattioni.
Lo ho conosciuto tre anni fa e ci siamo parlati a lungo su quello che si può o non si può fare. C’era anche una idea soul ma in Italia non va e dunque ha preso la mia voce come un colore e la ha contaminata tra elettronica e ballad anni Ottanta ma è un sound super attuale. Ci sono i Seventies e il rap. Il suo lavoro e la mia vocalità hanno permesso di garantire più impronte.

0

La tracklist festiva di Matteo Rossini

Le feste più bella dell’anno richiedono sempre una compilation ad hoc. Ci sono brani immortali che vanno ascoltati ogni anno da vera e propria tradizione, altri che invece cambiano a seconda delle uscite musicali.

Emma Marrone

Emma Marrone

Ecco i miei dieci brani da ascoltare assolutamente durante le festività natalizie 2014:
1) All I Want for Christmas is You – Mariah Carey: non servono spiegazioni, non è Natale senza questa canzone, inoltre, quest’anno rincorre anche il ventesimo anniversario della sua pubblicazione.
2) Oh Santa – Mariah Carey: il singolo, poco conosciuto, fu il primo estratto per lanciare l’album Merry Christmas II You del 2010, un vero capolavoro di pop natalizio.
3) Santa Claus Is Coming To Town – Andrea Bocelli: le versioni di questo brano sono così numerose che diventa quasi impossibile distinguerle, questa è sicuramente la migliore.
4) Christmas in Love– Renee Olstead: la canzone venne scelta come colonna sonora dell’omonimo cinepattone di Neri Parenti del 2004, una “perla” trash non può di certo mancare in questa lista.
5) Rooftop – Zara Larsson: perché un briciolo di pop svedese ci deve esser sempre.
6) Yellow Flicker Beat – Lorde: colonna sonora del terzo film di Hunger Games e bellissima canzone dal ritmo travolgente.
7) Up – Olly Murs feat. Demi Lovato: semplicemente perché mette allegria.
8) Living Without You – Tulisa: un po’ di pop tamarro non guasta mai, vista anche la vicinanza con il Capodanno.
9) Cool Kids – Echosmith: stile indie-pop, sempre bello e sempre attuale.
10) Come in un film – Emma & i Modà: una sorta di Arriverà 2.0, melodia già sentita, ma collaborazione vincente.