0

Entics e il suo Television reggae 2.0

Si intitola “Television vol 3″ il nuovo lavoro di Entics. Ed è una rivoluzione. Perché lui che non è né troppo hip hop né troppo pop né trop rock riesce a trovare una via nuova nella musica. E ci crea, con la complicità di Nais, un album ai confini della perfezione. Lo ho incontrato e così lo racconta.

Entics

Entics

Il disco: La svolta nasce dal fatto che avevo perso genuinità negli album precedenti o volevo ritrovarla. Sono andato a riprendere i primi dischi autoprodotti, ci sono affezionato perché mi hanno dato buoni riscontri. Non arrivo dal mondo dell’hip hop ma sono stato accolto bene, ho fatto tanti featuring. Mi chiamavano per fare ritornelli cantati e non note rappate. I miei brani nascono spesso alla vecchio con la chitarra poi la porti in studio e ci lavori. Io do importanza alle melodie, cerco di capire dove arrivo con la voce.

Il rap: Mi sta un po’ stretto essere rap anche se è un cultura che amo, vengo dai graffiti. La loro comunicazione è più legata alle parole, io voglio trasmettere sensazioni e lo faccio con le melodie. Spero che “Television vol. 3″ piaccia e faccia ballare le persone. I dischi vecchi avevano un mood minore e più cupo, forse perché usciti in inverno. Se io per primo non sento positività non riesco a trasmetterla.

Via da Fabri Fibra: Mi sono allontanato dal gruppo di Fibra proprio perché mi stava stretto essere Hip Hop. Si ampliava il fraintendimento. Trovo che la mia musica sia diversa, magari ora vado in una strada più tortuosa. Il linguaggio che utilizzo resta simile. Non credo al declino del rap, ma ci sono altre strade da battere. Oltreoceano già c’è questa musica, non ho inventato niente. Pare che oggi i ragazzi ascoltino solo rap. Kanye West è molto rap ma io mi ispiro di più ai giamaicani che si spostano a Miami e si contaminano. Penso a Sean Paul e Damien Marley. Il reggae è tante cose. La mia musica oggi è giamaicana e caraibica ma con l’inserimento di suoni elettronici, sono reggae 2.0.

Live: Continuerò a suonare in contesti hip hop continuerò a ospitere loro nei miei lavori. Mi piace definirla una cultura urban. Non è fuorviante rispetto al mio nuovo corso averli nel disco, portano qualcosa in più. E’ bello in tour vedere il pubblico che si concentra su un musicista. I miei brani nascono spesso alla vecchio con la chitarra poi la porti in studio e ci lavori. Io dò importanza alle melodie, cerco di capire dove arrivo con la voce.

Legalizziamola: Qualche anno fa c’era più paura a parlarne, oggi è cambiata la denominazione: prima era droga ora è erba medica. Ne fornisco una visione simpatica con rime filastroccate Il proibizionismo forte c’è stato negli anni passati.

Muoviti: Mi piace che questo ballo, il Twerk, sia arrivato in Italia soprattutto con un telefono senza fili. Nel tempo sono cambiati i sex symbol: prima andava la magra ora la conformata. A me piacciono un po’ pacchiotte.

Vado: è un tirare le somme, a un cento punto si fa un bilancio e io mi avvicino a trent’anni. E’ l’ltimo brano e lascia in sospeso quello che può essere un progetto futuro. Mi sta stretto essere rapper ma continuerò a frequentare l’ambiente. Spero che chi ascolta questo disco possa essere incuriosito da ciò che farò dopo.

Vacca: Siamo amici da anni, ho iniziato con lui nel 2003. Avevo voglia di fare una cosa con lui, è nata “Patti chiari”. E poi ho il featuring di Jake La Furia con “Nella plele”.

Chi è Entics: Vorrei essere classificato come musicista. Ho curato anche le produzioni musicali dall’inizio alla fine, non ho preso basi…il mio è un reggae/jamaica/caraibico svecchiato.

Tramonto dell’Hip Hop: Non morirà, è uno strumento di comunicazione per i giovani e ci sarà sempre, al massimo cala l’interesse mediatico. La scena emo può essere definita passeggera ma l’Hip Hop si reinventa: una volta le basi era in 4\4 oggi è cresciuto e si “refresha” sempre di più.

0

Entics rilancia il Karaoke!

Si intitola “Karaoke” ed è il nuovo singolo che segna il ritorno sulla scena musicale di uno degli artisti più originali ed eclettici del panorama musicale italiano: Entics. Il singolo, in rotazione radiofonica e sulle piattaforme digitali dadomani, 30 maggio, anticipa l’uscita del suo nuovo progetto discografico: “Entics Television – Vol. 3” prevista per il 17 maggio.

Entics

Entics

E’ un album che vuole essere un ritorno alla musica delle origini – il titolo stesso rimanda a “Entics Tv”, il programma in streaming web ideato e condotto da Entics insieme ai compagni di crew Chaka Nano e Becco  e al titolo dei suoi primi dischi autoprodotti – ma con una forte impronta contemporanea data dall’inserimento di sound elettronici nelle produzioni. “Karaoke”, il singolo che inaugura questa nuova fase musicale di Entics, è caratterizzato da un ritmo trascinante, una melodia accattivante e da sonorità che mescolano reggae, rocksteady e trap. Un brano dall’atmosfera calda e coinvolgente, che ha tutte le carte in regola per diventare la hit radiofonica dell’estate 2014.

 

Cristiano Zuncheddu, in arte Entics, torna alla grande dopo il successo dei primi due dischi, “Soundboy” e “Carpe Diem”, entrambi entrati in Top 5 nella classifica degli album più venduti. Dopo  aver collaborato con importanti nomi della scena Hip Hop italiana, Entics è pronto per un progetto fresco e completamente nuovo, che lo rappresenti al 100%.

0

Entics, un Carpe Diem natalizio in esclusiva su Note Spillate

La cover di "Carpe Diem" di Entics

Sono di Entics i video auguri esclusivi per gli amici di Note Spillate. Il rapper milanese è da poco uscito con un album che si intitola Carpe Diem e che racconta la vita di tutti i giorni. senza reticenze ma con la responsabilità, anche perché Cristiano, questo il suo vero nome, è seguito da un pubblico di adolescenti e dunque lui sente la responsabilità di quel che comunica.

Note Spillate lo ha incontrato al Berlin Cafè, un locale in zona movida milanese che è il ritrovo dei rapper. Una birra e quattro chiacchiere per entrare in un mondo, quello del rap, che per molti è ancora misterioso e da affrontare con diffidenza, ma che in realtà sempre più si insinua, con le sue verità, crude ma vere, nel nostro vivere di ogni giorno.

(Montaggio e riprese di Davide Pra)