0

Un aprile da Speculate con Freddie Dickson

Esce il 13 Aprile Speculate EP, il nuovo lavoro dell’artista britannico Freddie Dickson. La musica del 25enne cantautore di Londra viene definita “doom pop” e con i suoi precedenti Shut Us Down EP e News EP, quest’ultimo uscito per la Columbia Records – è stato spesso accostato a Lana Del Rey per l’espressività e la tensione capace di creare.

Freddie Dickson

Freddie Dickson

La voce di Freddie Dickson è ammaliante e toccante, in grado di creare fantastici paesaggi sonori. I testi sono emozionanti e profondi. La musica di Dickson è influenzata da generi diversi: dai beat hip hop, al pop, dalla musica country, al R&B degli anni ’60. Il tutto arrangiato con tanta passione. Speculate EP, registrato insieme alla band The Guard, è composto da tre nuovi brani il cui suono è molto più pieno rispetto ai lavori precedenti. Il nuovo EP parla di celebrità e di tutti i problemi ad connessi, privacy, relazioni che finiscono, indipendenza, ossessioni.

0

Rachele Bastreghi corre (anche) da solo: fantastica!

Mon petit ami du passé, la nuova canzone di Rachele Bastreghi (Baustelle), è  in programmazione radio e disponibile su iTunes e sulle altre piattaforme digitali.

Rachele Bastreghi

Rachele Bastreghi

Il brano, già inserito in un episodio della fortunata fiction Rai Questo nostro amore 2, ed eseguito dalla stessa Rachele in un cameo che la vede nei panni di uno dei personaggi, la chanteuse rock Marie, è il primo estratto di un EP ispirato alla musica e alle atmosfere degli anni ’70, la cui pubblicazione è prevista per il 27 gennaio 2015. Mon petit ami du passé è stata composta da Rachele Bastreghi. L’EP Marie sarà composto da sette brani, quattro inediti (tra cui Mon petit ami du passé), due cover e la versione strumentale di uno degli inediti. La produzione artistica è di Giovanni Ferrario (PJ Harvey, John Parish, Morgan), mentre alle registrazioni dell’EP anno partecipato alcuni tra i migliori musicisti italiani, tra cui, oltre agli stessi Giovanni Ferrario e a Rachele, Fabio Rondanini (Calibro 35), Sergio Carnevale (Bluvertigo), Marco Carusino (Morgan), Davide Fronterrè, Daniele Richiedei (AltriArchi).

0

Stai sicura, Emanuele Barbati c’è!

E’ uno dei nuovi cantautori ma anche uno degli ultimi. Emanuele Barbati, pugliese di Taranto, si prepara a prendere in pugno la sua vita, tra musica e parole. Lo ho intervistato.

Emanuele Barbati

Emanuele Barbati

Barbati stiamo per avviare un nuovo percorso.
Vero. E il primo passo è Roberto Vernetti come produttore.
Determinante in cosa?
Nel cambiare il sound, nel trovare sonorità più vicine a me.
Risultato?
Un approccio più europeo e un po’ meno pop…italiano.
Lei ha vissuto negli Stati Uniti: perché è tornato?
Volevo approfondire il mondo delle produzioni indipendenti e le confesso che ci sarei rimasto.
Perché è tornato?
Voglio cantare e creare in italiano. Mi piace indagare nella mia lingua, senza paranoi intellettuali.
Perchè un EP e non un album avendo molti brani nel cassetto?
La crisi non è solo di vendite ma anche di spazi. le radio apprezzano tanta musica ma passano solo quella che fa classifica. Produrre 12 brani comportava più spazi e investimenti: quei soldi li tengo da parte per il disco, che verrà dopo l’EP.
Eppure la Puglia è una fucina di talenti.
Ci sono sempre stati, solo che con l’incremento del turismo e iniziative quali quelle di Puglia Sounds ora si notano di più.
Lo scorso primo maggio gran concerto a Taranto.
Eccome. 130mila persone. Segno che c’è chi vuole crescere con la cultura.
Perché fare il cantauroe nel 2014?
Per me scrivere è un bisogno. Vado per la mia strada.