0

Amy Lee (Evanescence) canta Love Exists…di Francesca Michielin

Entra oggi in rotazione radiofonica in Italia Love Exists, il singolo di Amy Lee, cantautrice e leader del gruppo vincitore di Grammy Evanescence. Il brano, già disponibile in digitale, è un’inedita versione in inglese della hit doppio platino di Francesca Michielin L’Amore Esiste. Con Love Exists arriva unaltro riconoscimento internazionaleper la cantautrice italiana dopo il successo di No Degree of Separation, che Francesca ha portato sul palco dell’Eurovision Song contest 2016.

Amy Lee

Amy Lee

Così Amy racconta il processo creativo e l’ispirazione da cui è nato il pezzo: “Quando ero in Italia a girare il video di Speak To Me, mi sono innamorata di una canzone che ho sentito in radio: ‘L’amore Esiste di Francesca Michielin. Questa canzone sembrava seguirmi ovunque, mi è entrata sottopelle e non se ne è più andata. Non sono riuscita a smettere di ascoltarla per l’intero viaggio verso casa. Ho ricostruito il significato del testo e ho iniziato a scrivere la mia personale versione in inglese. Ho condiviso la mia idea con uno dei miei produttori preferiti, Guy Sigsworth, e sono riuscita in qualche modo a convincerlo a venire a New York per lavorare con me sulla canzone. Dave Eggar ha contributo al pezzo con un maestoso arrangiamento d’archie tutti ci siamo concentrati su questa canzone per una settimana intera ai Flux Studios nel Lower East Side”.

“Lavorare su questo bel progetto è stata un’esperienza incredibilmente appagante. E con un team così talentuoso, ispirato, alla mano senza, senza regole o limitazioni. Guy mi ha indirizzato verso nuove strade e ho imparato molte cose. È stato un vero onore lavorare accanto a una persona che ammiro così tanto su qualcosa che al momento non aveva un piano, non era legata a nessun album da fare uscire, e non aveva altro scopo se non quello di seguire il mio istinto. Talvolta è facile arenarsi sugli obiettivi da raggiungere, quando ciò che conta di più nel fare musica, a mio parere, è seguire il cuore. Trovare un modo per soddisfare quel profondo bisogno di esprimere qualcosa che non si può dire con le sole parole”.

“L’amore è tutt’altro che semplice. E si manifesta in innumerevoli forme. Può essere scomodo. Doloroso. È più facile ignorarlo che fidarsi di lui. Possiamo essere abbastanza coraggiosi da amare, sapendo che ci ferirà? Possiamo abbandonare il cinismo tanto da riuscire a vedere oltre le frustrazioni, le insoddisfazioni, la paura dell’ignoto e la rabbia per tutto ciò che non possiamo controllare? L’amore è dappertutto. Anche nei luoghi più oscuri. E vale tutto. Guardate fuori, guardate dentro. L’amore esiste”.

Conosciuta come “una delle donne più importanti dell’hard rock” (Rolling Stone), Amy Lee è stata sempre apprezzata per il suo canto “potente, angelico e grintoso” (Loudwire). Inutile dire che il suo prossimo progetto è molto atteso. Amy Lee è attualmente in studio con la sua band, Evanescence, e sta lavorando a un nuovo album di inediti che uscirà entro la fine dell’anno.

0

Vola il #di20areLIVE di Francesca Michielin: il racconto

E’ iniziato al Fabrique di Milano lo scorso 6 ottobre, il di20areLIVE, il tour di Francesca Michelin. Apre il concerto con Battito di ciglia invitando subito il pubblico a cantare e chiude con una sorprendete versione di Whole lotta love dei Led Zeppelin. Prima del concerto l’abbiamo incontrata per parlare di questo suo splendido periodo.

Francesca Michielin

Francesca Michielin

di Carlotta Sorrentino

Prima del Fabrique ha fatto una data zero a Brescia: come è andata?
Ho cercato di stravolgere tutto, essere soli sul palco fa si che gli strumenti diventino quasi un’appoggio. Mi ha dato molta sicurezza ciò che ho fatto negli ultimi mesi.
In questi mesi ha incontrato spesso i fan.
Il pubblico del nice to meet you tour pensava soprattutto a studiarmi, durante i concerti il pubblico è composto dai miei fan.
Come ha pensato la scaletta del concerto?
Un po’ a sentimento, poi suonando abbiamo corretto alcune cose ma molto poco. Con la band ci sono alcune cose più facili e altre più difficili.
Nel suo prossimo disco ci sarà spazio per qualche collaborazione o preferisca dedicarsi a un disco totalmente tuo?
Lavorerò ancora con Michele Cani, perchè con lui mi trovo molto bene, però è ancora presto per parlarne.
Starà però pensando a qualche pezzo nuovo.
Si certo, in estate ho scritto tantissimo, quando sono in viaggio scrivo molto e ho gia delle idee per il prossimo disco.
Dopo il tour cosa farà?
Inizierò il conservatorio e mi rimetterò a scrivere.
Hai in programma di fare altre colonne sonore dopo Piuma?
Si, al conservatorio studierò musica per immagine, è il mio sogno.

Quando scrivo mi immagino sempre un film.

0

Meraviglioso Modugno, notte di stelle a Polignano

Per celebrare Modugno, il prossimo 6 agosto, Polignano a Mare quest’anno parla proprio di Mare accendendo i riflettori sul tema dell’Immigrazione per raccontare con la musica le contraddizioni del nostro tempo, tra Bellezza e Male. E con ventuno canzoni interpretate dai big della scena italiana ricorda anche il paroliere Riccardo Pazzaglia (cittadino onorario della località adriatica) nel decennale della scomparsa. Tuttavia sarà Scioscia popolo, un brano del 1963 nato dalla collaborazione tra Eduardo De Filippo e il cantautore pugliese per l’opera musicale su Masaniello, Tommaso D’Amalfi, ad aprire Meraviglioso Modugno, la serata-evento di sabato 6 agosto organizzata nella città natale di Mister Volare.

Giovanni Caccamo

Giovanni Caccamo

Per la sesta edizione, organizzata dall’amministrazione comunale con il sostegno di Puglia Sounds, i direttori artistici Stefano Senardi e Maria Cristina Zoppa hanno chiesto a Morgan, Enrico Ruggeri, Dolcenera, Orchestra di Piazza Vittorio, Mama Marjas, Francesca Michielin, Francesco Gabbani e Giò Sada di farsi guidare nella scelta dei brani dai significativi versi «Ti hanno inventato il mare» della canzone-manifesto Meraviglioso: parole che hanno ispirato anche il logo realizzato da Nico Miulli, partendo da una citazione del grande artista polignanese Pino Pascali, le visioni fluttuanti delle animazioni firmate da Giuseppe Laselva e Luigi Lo Console e il palco «Mare&Musica» ideato da Fabio della Ratta, che poggia idealmente su un’onda di vinili in blu. Agli «angeli vestiti da passanti» è dedicata tutta la selezione dei brani. La multietnica Orchestra di Piazza Vittorio aprirà l’omaggio a Modugno con Scioscia popolo  attraverso la voce di Mama Marjas, poi incontrerà in una versione in arabo e italiano di Nel blu, dipinto di blu il giovane Giovanni Caccamo, chiamato ad affiancare la conduttrice Maria Cristina Zoppa insieme con Ermal Meta, atteso a sua volta in Amara terra mia, canzone che ha saputo raccontare con straordinaria poesia il tema dell’immigrazione.

Dolcenera

Dolcenera

L’omaggio a Riccardo Pazzaglia arriverà con Un calcio alla città di Francesco Gabbani e Meraviglioso nell’originale lettura di Morgan, che con Enrico Ruggeri è stato protagonista di due scelte raffinate dal repertorio Modugno-Pazzaglia. Morgan si cimenterà, infatti, anche con Sole malato, brano citato nella colonna sonora del film Bronx con Robert De Niro, mentre Ruggeri proporrà una cover di La neve un anno fa. Non potevano mancare i classici Tu si ‘na cosa grande Cosa sono le nuvole, affidati alla voce di Dolcenera, mentre il pubblico ascolterà Vecchio Frack nell’interpretazione di Ruggeri, che già trent’anni fa si era confrontato con questa canzone-capolavoro nell’album Presente. E in quest’edizione caratterizzata dalla presenza di tanti giovani artisti, se Francesca Michielin rivisiterà con il proprio stile Notte di luna calante, Giò Sada affronterà una doppia sfida cantando L’avventura e il brano Io, quest’ultimo sia in italiano che nella versione inglese Ask me resa leggendaria da Elvis Presley. Non mancheranno i successi tratti dal repertorio degli ospiti, che accanto alle canzoni di Modugno proporranno alcune loro hit. Nel corso della serata, che avrà la regia di Giovanni Buonomo, verranno assegnati due riconoscimenti: all’attore Riccardo Scamarcio andrà il Premio Città di Polignano, mentre alla giovane cantautrice di Bisceglie, Erica Mou, verrà consegnato il Premio Federautori dall’avvocato Maria Grazia Maxia.