0

Mai fermarsi è il nuovo singolo di Inigo feat. Francesco Baccini

Il nuovo singolo di Inigo Feat Francesco Baccini con Mai Fermarsi (ed. Chiasso Dal Fosso,  Interbeat Records, Promozione Ufficio Stampa Chiasso). Il brano è uno slogan (o per essere più contemporanei un hashtag), è un invito ad andare oltre i propri limiti, di qualunque natura essi siano, oltre gli alibi e oltre tutto ciò che non funziona.

Inigo feat. Baccini

Inigo feat. Baccini

Inigo (all’anagrafe Inigo Giancaspro) è un cantautore pugliese diplomato al C.E.T. di Mogol come autore e compositore. Nel 2008 dà vita al progetto Inigo & Grigiolimpido con il quale pubblica due dischi: l’omonimo Inigo & Grigiolimpido (Ema Records, 2009) e ControindiCanzoni (Interbeat, 2013). A questi si aggiungerà il singolo L’almanacco dei mondiali uscito in occasione dei Mondiali di calcio in Brasile a giugno del 2014. Da segnalare il premio per la “Miglior canzone d’amore indipendente” ricevuto dal Mei (Meeting delle etichette indipendenti), a febbraio del 2012, al Palafiori di Sanremo durante la settimana del Festival, per il brano “Tutta un’altra guerra” contenuto nel disco d’esordio.  A ottobre 2015 presenta ad “Area Sanremo” il brano “Di me e di te” con il quale vince la manifestazione e arriva alla finale di Sanremo Giovani in diretta su Rai 1 del 27 novembre. “Di me e di te” (in rotazione radiofonica dall’11 dicembre 2015) entrerà nella TOP 50 della Indie Music Like dell’anno 2016 (classifica dei brani più trasmessi dell’anno dalle radio indipendenti). A maggio 2016 viene premiato al Salone del libro di Torino grazie al testo del brano inedito intitolato “La tesi del coraggio” che riceve una menzione dalla giuria del “Premio InediTO – Colline di Torino” nella sezione “Testo Canzone”. Con lo stesso brano due mesi dopo salirà sul podio del Premio Lunezia nella sezione “Autori di testo”. L’estate del 2016 lo vedrà arrivare in finale al Premio Bindi e al premio Botteghe D’autore. Dal 2006 Inigo conta circa un centinaio di esibizioni tra festival e concerti. Tra le altre cose in questi anni ha condiviso il palco con artisti del calibro di Fabrizio Moro (per il quale ha aperto 5 concerti), Arisa, Simone Cristicchi, Riccardo Sinigallia, Cristina Donà e Simona Molinari.

0

L’Ave Maria di Francesco Baccini con gli Zero Plastica

Ave Maria (facci apparire), che è una fotografia della società italiana immortalata in musica attraverso una cinica analisi del “fenomeno mediatico Maria De Filippi”, cattura l’attenzione di radio e tv (105 net, RTL, Pomeriggio 5, Gli Sbandati) proprio durante la kermesse sanremese.

La cover di Francesco Baccini

La cover di Francesco Baccini

«“Maria” è l’unica figura in Italia in grado di compiere dei veri e propri miracoli: dà la celebrità “istantanea” a giovani ballerini e cantanti, mette insieme Uomini e Donne di qualsiasi età, razza e credo, fa incontrare alla gente comune le stelle di Hollywood. È un fenomeno sociologico ed è proprio questo che mi interessa da osservatore. Sì perché il ruolo del cantautore è anche quello di fare delle fotografie della società. Come nella canzone “Giulio Andreotti” e “Renato Curcio”, contenute nell’album “Nomi e Cognomi” del 1992, ho scavalcato l’opinione personale sul personaggio prendendo direttamente coscienza del “fenomeno”. Il tutto, ovviamente, condito con una spruzzata di rock e di ironia. La canzone l’avevo nel cassetto da un po’ di tempo, il testo è scritto insieme ad Andrea Rivera, la musica è mia, mentre la parte rap è affidata agli Zero Plastica, un duo di rapper genovesi conosciuti in una memorabile notte di capodanno in piazza Duomo a Milano insieme al mitico Don Gallo. Ave!!». Francesco Baccini
La produzione del singolo e del relativo videoclip ufficiale è affidata a Nadir Music.

0

Valentina, architetto della musica, incanta con Genova Blues

Un debutto importante, quello di Valentina Curzi. Perché non è mai facile confrontarsi con Francesco Baccini.

Valentina Curzi

Valentina Curzi

Così Valentina commenta Genova Blues: “Certe canzoni sono in grado di cambiare atmosfera, di renderla magica, ed è stato quello che ho provato ascoltando per la prima volta Genova blues di Francesco Baccini cantata insieme a Fabrizio De André…proprio quella magia mi ha portato a reinterpretare questa canzone dalle tinte blues”. Valentina è nata in un piccolo paesino delle Marche, si è avvicinata alla musica all’età di otto anni circa, affascinata da un pianoforte nero a muro della nonna. Una volta contagiata dalla musica ha composto la sua prima canzone a 10 anni e da allora non ha più smesso di scrivere. Ha poi percorso altre strade (una laurea in Architettura d’interni, master a Londra e Milano nell’ambito del design), ma la musica è da sempre sua compagna di vita ed è l’anello che ha scelto di portare al dito.