0

Non è mai tardi…aspettando le Luci di Marco Ligabue

Esce il 19 giugno il nuovo singolo di Marco Ligabue intitolato Non è mai tardi che anticipa il secondo attesissimo album da solista: LUCI – Le Uniche Cose Importanti  la cui produzione artistica è di Corrado Rustici. Il disco uscirà il 23 giugno.

Marco Ligabue

Marco Ligabue

Il cantautore emiliano spiega che “Non è mai tardi è un brano che ho scritto pensando ai sognatori come me ed è un affresco del nostro Paese.Mi piace pensare che canzoni come questa possano essere anche il racconto di opportunità, di bellezza e, perchè no, di rinascita, che sono intorno a noi; ogni giorno. Tante cose belle ci circondano ma spesso, per distrazione o perché travolti da troppe notizie negative (quelle che fanno odiens per intenderci), quasi ce ne dimentichiamo. E’ come se ci fossimo quasi abituati a non notarle neppure. Se la nave affonda, affonda per tutti, non solo per qualcuno. E allora, forse, è il caso di darsi da fare per tenerla a galla”. Il nuovo lavoro in studio, il cui filo conduttore è l’ottimismo e l’entusiasmo, sarà il secondo dopo Mare Dentro, il disco con cui nel 2013 Marco ha inaugurato la sua carriera solista dopo una lunga esperienza come autore e chitarrista dei Rio e che, al suo debutto, conquistò la top 20 della classifica Fimi. Luci- Le uniche cose importanti, uscirà il prossimo 23 giugno.

 

“È composto da nove canzoni e si chiama Luci –spiega Marco – che è poi l’acronimo di Le Uniche Cose Importanti. Il titolo deriva dal fatto che in ogni testo scritto da me, spesso in solitudine davanti al mare della Sardegna, si tocca un tema che mi sta a cuore e rappresenta una piccola luce per uscire dal buio che abbiamo intorno. Quello di cui oggi forse c’è bisogno è la volontà di accendere certe piccole cose importanti che tutti abbiamo dentro come l’amore, l’onestà, la trasparenza, la capacità di indignarsi ma in modo costruttivo, col sorriso sulle labbra. La volontà di dialogare. “Le Uniche Cose Importanti” che servono per dare al mondo una scossa, sono quelle di cui si canta in queste canzoni. E vanno accese, una alla volta, come foss ero tante piccoli luci”.

Marco Ligabue durante l’estate sarà impegnato in tutta Italia con appuntamenti in-store ed eventi live ed in un tour che toccheranno moltissime città:
23 giugno MODENA GRANDEMILIA
24 giugno ROMA DISCOTECA LAZIALE
25 giugno MILANO MONDADORI MILANO VIA MARGHERA
26 giugno VERONA – FELTRINELLI
27 giugno BOLOGNA MONDADORI
28 giugno REGGIO EMILIA CENTRO COMMERCIALE I PETALI
29 giugno FIRENZE GALLERIA DEL DISCO
5 luglio CAGLIARI MONDADORI
8 luglio PALERMO MONDADORI
9 luglio FELTRINELLI COSENZA
13 luglio BERGAMO CENTRO COMMERCIALE CURNO
14 luglio TORINO MONDADORI TORINO
15 luglio GENOVA MONDADORI

Ordina in ANTEPRIMA, entro il 23 giugno, la versione AUTOGRAFATA del nuovo album di Marco Ligabue “LUCI – Le uniche cose importanti”

0

Per Marco Ligabue #ilsilenzioèdolo

Non è una caso se la conferenza stampa di presentazione de Il silenzio è dolo di Marco Ligabue feat Lello Analfino (Tinturia) e Othelloman si tiene a due passi da Montecitorio. Non è un caso se, all’interno della sala, si vedono diversi rotoli di scotch.

Marco Ligabue

Marco Ligabue

di Irene Zambigli

Il silenzio è dolo, online su youtube, non è solo un brano come spiega Marco Ligabue: “Questa canzone fa parte di un progetto che vuole essere una crepa in una cappa di silenzio, un riscatto per tutti gli onesti cittadini che sono stanchi di tacere di fronte alla mafia”. Affianco al cantautore di Correggio siedono quattro persone che, come lui, credono fermamente in questo progetto. Il primo è Ismaele La Verdera, giovane presidente dell’Associazione Nazionale “Verità Scomode”, giornalista che curò l’inchiesta sugli scrutinatori selezionati in provincia di Palermo nel 2014, (andata in onda a Le Iene) che portò alle dimissione della giunta comunale. E’ stata questa storia, raccontata da La Verdera dopo un concerto a Palermo del cantautore a far nascere Il silenzio è dolo: “Ismaele mi parlò di questa vicenda e mi chiese di scrivere una canzone, di aiutarlo a dare voce, riscatto a tutti i giovani, a tutti i cittadini onesti. Mi disse anche una frase che non scorderò mai: per 5000 mafiosi viene infangata la nomea di 5000 persone. Ci pensai un po’ e poi, di getto, mi uscì questa canzone. Quando gliela feci ascoltare mi disse che era esattamente ciò che aveva in mente”.

Al fianco di Ismaele ci sono i due artisti che Ligabue ha scelto di coinvolgere nel progetto, “due amici siciliani che stimo”: Lello Analfino dei Tinturia e il rapper Othelloman: “Ho aderito subito al progetto di Marco -racconta Analfino- e ho amato da subito il titolo della canzone. Credo che il silenzio, quando si parla di mafia, non sia solo quello della gente, il silenzio che fa più male è quello delle istituzioni. Gente come Falcone e Borsellino deve farci ricordare tutte le mattine che esistono persone che lottano da sempre contro la mafia, rischiando la vita ogni giorno”. Il progetto, in collaborazione con la Nazionale Cantanti Italiani da sempre impegnata nel sociale e per la legalità, vuole essere, oltre a una campagna contro tutte le mafie, anche una proposta di legge come spiega la testimone di giustizia Valeria Grasso, impegnata al fianco di Ligabue in questa iniziativa.

Il video è girato tra Palermo e Cinisi e, spiega Ligabue, “vuole lanciare un segnale a tutte le persone, ai ragazzi, ai personaggi dello spettacolo. Vorremmo che tutti aderissero a questo progetto e che, imitando i ragazzi del videoclip, pubblicassero un video in cui, togliendo lo scotch dalla bocca, gridassero il silenzio è dolo. Per far capire alla mafia che siamo tanti, che siamo tutti noi cittadini a pensarlo”. Il brano sarà in rotazione radiofonica da venerdì 23 febbraio mentre il video, girato da Francesco Giannini e Maurizio Bresciani, è visibile sul canale Youtube di Marco Ligabue.

1

L’estate dei record di Ligabue. Marco!

A quattro mesi esatti dall’inizio del nuovo tour che ha attraversato da nord a sud la penisola, Marco Ligabue annuncia l’uscita del secondo lavoro in studio, in arrivo a gennaio, con la firma di Corrado Rustici.

Marco Ligabue

Marco Ligabue

Marco ha fatto cinquanta concerti in centoventi giorni. Cinquanta fermate dal nord al sud della Penisola, dal Piemonte alla Sicilia, passando per la sua Emilia e la Sardegna, dove vive con la sua famiglia. Numeri da record e per festeggiare la cinquantesima tappa del suo nuovo tour andata in scena ieri a Castelfiorentino, annuncia l’uscita del suo nuovo disco a gennaio. Una lunga e intensa marcia quella di Marco, partito appena quattro mesi fa da Firenze nelle stesse ore in cui in radio approdava Ti porterò lontano, il nuovo singolo che l’avrebbe accompagnato per tutta l’estate in giro in molte città italiane, tra cui anche Roma, Milano, Bari, Palermo e Potenza.

Il nuovo lavoro in studio arriverà a gennaio e sarà il secondo dopo Mare Dentro, il disco con cui nel 2013 Marco ha inaugurato la sua carriera solista dopo una lunga esperienza come autore e chitarrista e che al suo debutto conquistò la top 20 della classifica Fimi. Il nuovo disco, distribuito da Artist First e curato dall’etichetta di Marco e del suo amico e manager Alessio Lini, la M.O.M. – MUSIC OVERDRIVE MANAGEMENT, sarà composto da nove tracce e firmato dalla produzione d’autore di Corrado Rustici. Intanto Marco proseguirà per tutto settembre e ottobre il tour che lo vedrà impegnato ancora in molte città italiane in duo acustico con il chitarrista Jonathan Gasparini. Tra le prime tappe in calendario anche Cagliari e Roma.