0

Giulia Ottonello porta in tour i suoi colori

La giovane artista ligure Giulia Ottonello sarà in concerto con I miei colori Live Tour 2015 il 25 settembre al Teatro Comunale “Pietro Micheletti” di Travagliato (Brescia – inizio concerto ore 21 – biglietti disponibili su www.clappit.com) e il 26 settembre al Teatro “Gustavo Modena” di Genova (inizio concerto ore 21 – biglietti disponibili su www.clappit.com).

Giulia Ottonello

Giulia Ottonello

Durante questo tour, Giulia Ottonello presenta live il suo album I Miei Colori, oltre ad alcune cover degli artisti che più hanno ispirato la sua vita artistica e brani tratti dai più celebri musical internazionali. Sul palco, la cantante genovese è accompagnata dalla sua band, composta da Riccardo Barbera (contrabbasso e basso elettrico), Luca Falomi (chitarra acustica ed elettrica), Lillo Fossati (batteria) e Fabio Vernizzi (piano e tastiere). “Tenendo conto delle infinite sfumature dell’animo umano e della vita –racconta Giulia Ottonello- tenendo conto di quanto siano eclettici i miei gusti musicali. Tenendo conto che a me di base non piacciono i confini, le “etichettature” ed i giudizi, che quasi sempre sono intrisi dal pregiudizio. In più, considerato il momento storico che stiamo vivendo, trovo che non potesse esserci titolo migliore da dare al mio primo album, ed in seguito, al concerto. Questo viaggio intenso, lo percorro con musicisti bravissimi, musicisti che mi hanno conquistata non solo per il loro talento ed esperienza, ma soprattutto per la loro umanità, che emerge in ogni nota”.

Cantante e attrice genovese, Giulia Ottonello arriva al grande pubblico partecipando e vincendo la seconda edizione della trasmissione televisiva “Amici” di Maria De Filippi. Dal 2002 a oggi, ha avuto la possibilità di sperimentarsi e lavorare in diversi progetti ed esperienze artistiche molto eclettiche tra loro che comprendono: televisione, discografia, cinema, doppiaggio, teatro e concerti live. Ha recitato in diversi spettacoli teatrali e musical. Dal 2004, La Compagnia della Rancia, è la produzione teatrale per cui ha lavorato maggiormente: “Cantando sotto la Pioggia” nel ruolo di Kathy Selden, “Cats” nel ruolo di Grizabella, “Frankestein Junior” nel ruolo di Elizabeth Benning, per cui viene anche premiata come miglior attrice non protagonista. É la doppiatrice italiana della voce cantata di Amy Adams in “Come d’incanto” e “I Muppet” della Walt Disney. Nel primo film diretto da Paolo Ruffini “Fuga di Cervelli”, interpreta il ruolo di Karen. Autoproduce il suo primo album “I Miei Colori”. Nella stagione teatrale 2015/2016 girerà per l’Italia con il musical “Cabaret”, in cui sarà Sally Bowles. Animalista e vegana, quasi sempre viaggia con il suo fedele compagno Groovo, un piccolo cane pieno di ritmo ed energia.

0

Maggio 2014 Note Spillate intervista The Kolors…giugno 2015 The Kolors vincono Amici

Si è conclusa in maniera vittoriosa l’esperienza dei The Kolors all’edizione 2015 di Amici dove, nella finale di ieri sera, sono saliti sul gradino più alto del podio, aggiudicandosi anche il Premio della critica. E Note Spillate questo potenziale lo aveva già intuito oltre un anno va e infatti li aveva intervistati.

The Kolors

The Kolors festeggiano la vittoria con Maria de Filippi

Leggi l’intervista di Note Spillate a The Kolors nel 2014

La band, finiti i festeggiamenti, ha poi annunciato le prime date live organizzate da F&P Group, che saranno venerdì 10 luglio alla Cavea – Auditorium Parco della Musica di Roma e mercoledì 15 luglio a Milano per la rassegna Estathé Market Sound. Un altro traguardo per i The Kolors dopo che l’album “Out” (Baraonda/Artist First) è primo nella classifica degli album più venduti da due settimane, raggiungendo subito la certificazione come “Disco d’oro” (FIMI/Gfk).
Un successo di vendite grandioso per la band guidata da Stash Fiordispino, mentre su tutti i network è in rotazione la hit Everytime. I The Kolors si formano nel 2010 e sono: Stash Fiordispino (voce, chitarra, basso e synth), Daniele Mona (synth e percussioni) e Alex Fiordispino (batteria e percussioni). Presto cominciano a farsi conoscere suonando sia in Italia che all’estero fino ad aprire i concerti di artisti internazionali come Paolo Nutini, Gossip, Hurts e Atoms for Peace.
.

0

Paolo Macagnino e i suoi universi paralleli

Arriva da “Amici” e si presenta con sette universi paralleli. Paolo Macagnino ha scelto questo titolo con diverse chiavi di lettura per il suo debutto nel mondo discografico. Lo ho intervistato.

Paolo Macagnino ad Amici

Paolo Macagnino ad Amici

Due anni di lavoro che confluiscono in un solo disco, “Universi paralleli”: ce lo racconta?
Insieme al mio produttore Gabriele Semeraro abbiamo scelto i brani più interessanti per questo progetto  e abbiamo lavorato molto sugli arrangiamenti.
Ha colto l’onda promozionale di “Amici”?
Direi un’onda positiva cui ho abbinato la mia voglia di conquistarmi un posto nel panorama musicale evitando il facile filone pop.
Come definisce la sua musica?
Un sound calamitante. Due settimane intense di lavoro per sposare un ascolto alla portata di tutti con arrangiamenti di spessore.
Quanto è stato utile “Amici”?
Ho partecipato ai provini senza troppe aspettative e sono stato scelto. Diciamo che passare per un grande talent qual è quello di Maria De Filippi aiuta a partire col piede giusto.
E forse a vendere un po’ di più.
Un disco senza visibilità rischia di essere solo una soddisfazione personale. Oggi, con la discografia in crisi, bisogna anche pensare in ottica commerciale.
Sette canzoni…
E’ un numero che mi ha sempre portato bene. Insieme al 13. Credo in certe simboligie e nella simpatia di certi numeri.
Una canzone si intitola “Madame Butterfly”: perché?
E’ una figura particolare di donna, racconta la fascinazione dell’uomo per una sensualità marcata. Un omaggio alla figura femminile e anche a Giacomo Puccini.
Tutti cercano la semplicità e lei canta gli universi paralleli.
Come diceva Steve Jobs quando c’è crisi investi in pubblicità. Io investo in coraggio.