0

I numeri, c’è chi li dà e chi li fa: Marco Mengoni li fa!

Dopo 16 straordinarie tappe completamente esaurite con 140mila biglietti venduti nei palazzetti più importanti di tutta Italia, si è chiuso ieri all’Arena di Verona la prima parte di #MENGONILIVE2016, il tour sold out di Marco Mengoni.

Marco Mengoni

Marco Mengoni

Dopo aver raddoppiato a Milano e Roma, le ultime due tappe del tour di sabato e domenica a Verona hanno coinciso anche con un altro debutto importante per il cantautore, che per la prima volta si è esibito nel teatro all’aperto più prestigioso d’Italia. Numeri impressionanti anche sulle piattaforme social: oltre 110.000 download dell’App Marco Mengoni, da un mese al vertice delle classifiche di download App degli store Apple e Google Play. Le card digitali su ogni data del live, in collaborazione con Twitter, hanno registrato 15 tendenze su 15 concerti, mentre sono stati oltre 40.000 i post caricati su Instagram dai fan con #Mengonilive2016. Durante il periodo del TOUR, 17 milioni e 600 mila sono le persone raggiunte dai post di Facebook della pagina ufficiale e su Twitter, oltre 100.000 interazioni ai soli tweet pubblicati dal profilo @mengonimarco.  Prodotto da Live Nation, a meno di un anno di distanza dalla trionfale prima parte, #MENGONILIVE2016, è uno spettacolo completamente nuovo. Una produzione internazionale con due palchi e una scaletta con oltre 20 brani che mai come in questa occasione ha messo al centro la musica e la sempre più cresciuta capacità di performer di Mengoni, che in soli tre anni ha conquistato i palazzetti e le classifiche con il numero più alto di dischi venduti nel 2015.

Oltre ai più grandi successi dell’artista il pubblico ha infatti potuto ascoltare live per la prima volta alcuni brani contenuti in LE COSE CHE NON HO (Sony Music), l’ultimo album di inediti già certificato triplo platino e presente da ben 24 settimane nella top ten degli album più venduti della classifica Fimi-Gfk. Già annunciati 19 concerti della nuova avventura live in Italia e in tutta Europa e che vede già raddoppiata la data a Milano. Marco infatti, oltre al 16 novembre, si esibirà al Mediolanum Forum anche il giorno successivo, il 17 novembre (le prevendite sono disponibili da oggi su livenation.it, ticketone.it e tramite l’App ufficiale di Marco Mengoni). La seconda parte del tour partirà dall’Italia, e dopo la prima tappa al Palabam di Mantova il 12 novembre e proseguirà nel nostro paese fino al 6 dicembre, data del concerto di Francoforte, per poi arrivare a Bruxelles, Amsterdam, Parigi, Città di Lussemburgo, Zurigo, Colonia, Vienna e Varsavia. Prima della tranche autunnale Marco Mengoni arriverà anche a Madrid dove il 25 maggio terrà il suo primo concerto in Spagna, che segue la pubblicazione di LIBERANDO PALABRAS (Sony Music), il secondo album di Marco pubblicato per il mercato iberico contenente i 10 brani, tradotti in spagnolo, del fortunatissimo album PAROLE IN CIRCOLO certificato triplo platino. Inoltre questa estate salirà sui palchi dei più prestigiosi festival estivi italiani ed internazionali. L’8 luglio sarà infatti al Moon and Stars’16 di Locarno, il 15 luglio a Les Soirées de la Citadelle di Saint Tropez, il 16 luglio al Collisioni Festival di Barolo e il 23 luglio al Lucca Summer Festival di Lucca.

0

Marco Mengoni, un tour che incanta

Marco Mengoni ha portato il suo tour europeo al Forum di Assago per due date completamente sold out. L’artista ha stregato il pubblico con uno show di livello internazionale nel quale arrangiamenti perfetti, giochi di luce e performance emozionanti hanno mostrato la grande crescita dell’artista che in che in pochi anni si è imposto come uno degli artisti di maggior successo in Italia.

Marco Mengoni in concerto

Marco Mengoni in concerto

di Matteo Rossini

Marco ha fatto il suo ingresso dall’interno di un cubo realizzato con schermi led che si sono schiusi tra le grida delle oltre 10.000 persone presenti. Nel corso del concerto l’artista ha proposto sia i brani dell’ultimo album “Parole in circolo” che i singoli dei dischi precedenti, tutti arrangiati in chiave pop/dance. Il momento più emozionante è stato l’esibizione di “Esseri Umani” con cui il cantante di Ronciglione, sospeso in aria e seduto su una poltrona di pelle, ha lanciato un forte e bellissimo messaggio d’amore.

Marco Mengoni in concerto

Marco Mengoni in concerto

A metà del concerto Marco si è alzato in cielo per giungere su un secondo palco disposto al centro del Forum e dal quale si è potuto avvicinare ai fan delle ultime file, questo passaggio èavvenuto sulle note di “Pronto a correre”, inutile sottolineare l'entusiasmo dei fan; inoltre, da questo palco l’artista ha proposto altri tre brani, tra i quali la strabiliante “In un giorno qualunque”.

Marco Mengoni in concerto

Marco Mengoni in concerto

Tornato sul palco principale, Marco si è esibito con la cover di “Freedom” di Pharrell Williamscon cui ha sottolineato gli sforzi fatti dalle donne per raggiungere la libertà di oggi. Ogni brano è stato accompagnato da arrangiamenti più che curati che hanno trasformato semplici note musicali in esplosioni emotive ed energiche. Il concerto è terminato con l’esibizione di “Guerriero” che ha visto la presenza di una scenografia tribale che ha dato ancora più maestosità alla performance. Tra il defilare del pubblico e il riaccendersi delle luci, Marco è salito un’ultima volta sul palco per proporre “Kiss” di Prince: la ciliegina sulla torta di un concerto praticamente perfetto. Le serate milanesi non sono state dei semplici concerti, ma delle vere e proprie celebrazioni dell’amore che intercorre tra Marco e i suoi fan che lo hanno sempre sostenuto fino a renderlo l’artista che conosciamo oggi.

0

#MENGONILIVE2016, in viaggio con Marco verso la musica siderale

Tu credi di pensare in grande e poi ti ritrovi davanti un pensiero ancora più grande. Grande quanto un palazzetto pieno. Che alza gli occhi verso la volta e vede Marco Mengoni che vola cantando Pronto a Correre. Parte con una collezione di sold out il #MENGONILIVE2016, che poi, sul finire dell’anno, andrà oltre confine, a visitare un po’ di Europa. Ecco il racconto della prima data, al Pala Alpitour di Torino.

Marco Mengoni a Torino

Marco Mengoni a Torino

Si inizia con Marco, dietro un muro a specchio che nasconde una gradinata. Si chicchiare, esprime la sua gioia, che diventerà pubblica alla fine, quando dopo Guerriero decide di tornare sul futuristico palco che gli ha creato Live Nation per ringraziare il suo esercito di tanto affetto e fare un omaggio a Prince, uno dei suoi punti di riferimento. Il concerto parte con Ti ho voluto bene veramente, Non me ne accorgo e Nemmeno un grammo: “Voglio togliermi subito le ansie, sono insicuro, sarò più spontaneo nella seconda parte…”.

Mengoni canta "Esseri umani"

Mengoni canta “Esseri umani”

Ma non è proprio così, è guizzante da subito, perché ha di fronte il suo Esercito e “sul palco ci sono i miei musicisti, i miei guerrieri”. Poi arrivano Resti indifferente, e i due schermi sembrano Versailles per i giochi d’acqua che mostrano, e Parole in circolo…e colpisce la frase Credo in chi ha perso la vita pur di non perdere le parole”. Poi c’è Esseri umani dove fa le prime prove di altitudine: la esegue su una poltrona sollevata di qualche metro dal palco. Continua con Ricorderai l’amore e Dove si vola con gli smathphone che vanno a ritmo grazie all’app esclusiva creata dallo staff di Marco.

Il volo di Marco

Il volo di Marco

E’ il momento di volare. Imbragato su appoggio mobile decolla dal palco, cantando Pronto a correre: “Sembro James Bond”, dice. Sull’isola posta al centro dell’arena, circondato dai fan, canta Ad occhi chiusi e urla ai fan “stasera tu hai scelto me”. Le trombe alzano il ritmo, precedono Solo, Mai e per sempre e In un giorno qualunque, durante la quale Marco si diverte ad ascoltare l’Esercito che diventa un solo, splendido coro. E’ il momento internazionale: Tonight, I got the fear (con tutta la squadra in fila, una vera unica superband) e Freedom che lascia cantare alle coriste e dedica alle donne: “La vostra libertà la avete attesa fin troppo a lungo”, urla.

Marco nel cuore dell'Esercito

Marco nel cuore dell’Esercito

Si va verso un finale scatenato: Non passerai, Solo due satelliti e i suoi giochi di ombre, L’Essenziale con una immagine finale che sembra l’onda perfetta e La valle dei Re. Una parola c’è lo mostra crooner, poi La Nostra estate e Io ti aspetto con una argentea esplosione di coriandoli. Ormai è una festa. Marco Mengoni è stupito…se lo aspettava ma forse non in modo così intenso: “Sapere che mesi fa tanta gente ha comprato un biglietto e magari ha dormito una notte in sacco a pelo per essere sotto il palco suscita grandi emozioni”. Un attimo di buio poi torna per Guerriero che dovrebbe essere il saluto al suo Esercito. Ma non riesce a essere rispettoso della scaletta e riappare con l’omaggio a Prince. Debelezze gradite da essere umano!

Marco Mengoni nel #MENGONILIVE2016

Marco Mengoni nel #MENGONILIVE2016