0

Sara Loreni e la sua soundtrack natalizia in una bag alla…Mentha

L’arte ha un prezzo. Lo ha sempre avuto. Basti pensare ai mecenati che pagavano pittori, musici e poeti affinché potesso esprimersi liberamente. pensiamo alla corte di Federico II, alla magia del Rinascimento el Futurismo. Alti tempi, altre storie.

Sara Loreni

Sara Loreni

Oggi chi l’arte la possiede deve sgomitare per vederla realizzata. Tra i tanti casi che vediamo ruotarci intorno come gli anelli di saturno, quello forse più clamoros riguarda Sara Loreni, colei che fece il gran rifiuto a X Factor 2015. Se ne sarà mai pentita? Anche se fosse non lo direbbe perché lei è di poche parole e tanti fatti e quando c’è da esprimere un concetto di affida alla sua loopstation. Ha da poco lancioato un crowfounding per finanziare il suo nuovo progetto. Sponsorizzato da Astarte, il traguardo si avvicina. Approfittiamo di qualche euro in più che il natale ci dona per contribuire all’obiettivo si sara loreni…qui il link per entrare nella sua squadra. Aspettando che si tagli il traguardo, che non è lontano, l’artista emiliana consiglia agli amici di Note Spillate le canzoni di Natale. Il consiglio è di ascoltare Mentha nella sua interezza ma per chi vuole passare due, tre giorni con una colonna sonora unica, speciale, ragionata e non banale, ecco la linea guida di Sara Loreni…e Buon Natale a tutti!

Saint Etienne – Lightning Strikes twice
Cat Power – Manhattan
Sara Loreni – Lontano da qui
Sohn – The Wheel
Belle and Sebastian – Piazza, New York Catcher
Sinkane – Moonstruck
D’Angelo – Africa
Yaw – where would you be
Laura Mvula – Feather
Joan as Police Woman – Real life

0

Marco Guazzone & The Stag e un Natale con The Smiths

Il Natale moltiplica le cover…tutti, tanti vogliono dire la loro. Chi lo fa bene, chi con dignità, chi tanto per fare. Poi c’è una piccola categoria che lo fa bene e con originalità.

Marco Guazzone (foto di Alessandro Cantarini)

Marco Guazzone (foto di Alessandro Cantarini)

Tra questi ci sono molti amici, persone che ho imparato ad apprezzare nel tempo, per la costanza con la quale inseguono i loro sogni musicali: penso, in questo momento, a Renzo Rubino, Sara Loreni, Virginio Simonelli, Marco Ligabue e Walter Fontana. Ma ora dedico un applauso a Marco Guazzone & The Stag, una ensemble straordinaria, che meriterebbe molto di più per quello che dà al mondo della musica. Hanno scelto di accompagnarci alle feste con The Smits e con una frase che rallegra i cuori: “Per una volta nella vita lasciami avere quello che desidero”. Ascoltando Marco Guazzone, gli Stag e la loro opera sotto l’albero.

0

E’ “Take me Home” il buon natale di Eleonora Mazzotti

Dopo il successo di Fight Song, Eleonora Mazzotti torna su YouTube e con un’altra cover, ovvero Take Me Home, originariamente cantata da Jess Glynne.

Eleonora Mazzotti

Eleonora Mazzotti

Così ha commentato l’artista: “Con questo brano auguro a tutti di riconoscere, scoprire e apprezzare il proprio ‘faro nella notte’, quella guida che è sempre presente nei momenti difficili e con cui è possibile condividere gioie e successi. Il Natale è il momento dell’anno in cui si torna a casa, dalle proprie famiglie, si ricordano le proprie origini e si rivolge un pensiero a chi non è più al nostro fianco. Take me home vuole accompagnare il momento del rientro di ciascuno e sostenere chi, invece, è lontano da casa. Il mio pensiero musicale per augurare a tutti Buon Natale!”.