0

Renga, Pezzali Nek…duri da battere ma insieme diventano invincibili!

Esce in Radio e in streaming nei digital store Duri Da Battere, il nuovo singolo di Max Pezzali feat. Nek e Francesco Renga. Questo singolo sarà contenuto nel nuovo album di Max Pezzali in uscita in autunno per celebrare i suoi 25 anni di carriera e precede un Tour che vedrà protagonisti i tre colleghi sullo stesso palco. Li abbiamo incontrati.

Nek, Renga e Pezzali

Nek, Renga e Pezzali

di Carlotta Sorrentino Nek Max Renga, Il tour inizia il 20 gennaio 2018 nei principali palasport italiani, i biglietti saranno in prevendita da mercoledì 13 settembre. Il tour ha lasciato in sospeso le dati di Milano e Roma, gli artisti prima vogliono vedere come reagisce il pubblico a questo progetto. I tre protagonisti della musica italiana saranno sempre insieme sul palco, per tutta la durata dello spettacolo, reinterpretando i brani più significativi degli oltre 25 anni di carriera di ciascuno. L’idea di questo grande show nasce da Max che scrive il testo di Duri da Battere per lui e i colleghi, questo progetto nasce prima di tutto dall’amicizia e dai tanti anni di carriera che i tre condividono: “L’idea è di rimettersi in gioco sul palco, di creare uno show che la gente potrà vedere solo una volta, dopo tanti anni di carriera. C’è la voglia di tornare a divertirsi con qualcosa di nuovo e unico ed è questa l’idea centrale dello show”. Sul palco il trio si esibirà con le rispettive hit più famose e ovviamente con il loro nuovo singolo. In futuro il trio non esclude un album insieme, e spera in una partecipazione a Sanremo. Al momento il tour toccherà Bologna, Brescia, Genova, Torino, Pesaro, Eboli, Acireale, Mantova, Padova 16 e Firenze. Ma è solo l’inizio.

0

Wind Music Award 2017, l’Arena in piedi per Renga, Antonacci e la sorpresa Thomas

Al via la seconda serata dei Wind Music Awards tra le urla e i fischi della folla rimasta fuori dall’Arena ancora in attesa di entrare alle 20.40 a causa dei meticolosi controlli. Ancora da fuori, in sottofondo, sentiamo gli Imagine Dragons, con Believer, nuovo singolo uscito che ha già riscosso un successo mondiale. In lontananza si sentono anche i Modà annunciare un nuovo progetto che li vedrà lontano dai palchi e più vicini agli schermi per un anno.

Wind Music Awards 2017

Wind Music Awards 2017

di Irene Venturi

Stesso posto, stessa ora (o quasi) e stesso spettacolo. Vanessa Incontrada e Carlo Conti, entrambi in total black, danno il via all’ultima serata che li vede protagonisti immersi nella magia della cornice areniana. L’eterno ragazzo Max Pezzali inizia a scaldare l’Arena mentre una catena umana tenta ancora di entrare e sedersi. La stessa catena che Max porta ai pantaloni e di cui non fa mai a meno. Premio musica live. Torna Nek, dopo il successo di ieri sera con J Ax. Questa volta ci rimanda al 1997 mentre tutti noi, come lui, cerchiamo ancora Laura. Per Nek premio speciale EarOne perché è l’artista più suonato nelle radio con 100000 passaggi. Coro unanime che urla “sei bellissimo” per Filippo, e noi ci uniamo. Torna anche Fiorella Mannoia in una veste inedita che ci lascia piacevolmente sorpresi. Noi “siamo ancora qui” ad ascoltare un progetto più elettronico e fresco. Sul palco con lei anche Emma, Elisa e Alessandra Amoroso per ritirare il premio per il progetto Amiche in Arena che ha visto lo scorso 19 settembre 16 artiste unite per la raccolta fondi contro la violenza sulle donne. Tutti in piedi per la Nuova Luce di Francesco Renga: quando sale lui sul palco è come aprire un libro di poesie e leggere, in versi e musica, pezzetti di storie di vita.

“Io vengo da un altro posto, un altro blues” dice una voce inconfondibile fuori palco. Il nostro artista per eccellenza, il nostro “black cat”, Zucchero Sugar Fornaciari. Tutti in piedi, tutti partigiani reggiani per questa iniezione di puro Blues.Entra una consolle e con lei la rocker italiana, la meravigliosa creatura Gianna Nannini che riflette di luce propria, merito della maglietta a paillettes argento. Live oro per la rocker. Si continua con la positività di Alessandra Amoroso, anche lei vestita di luce e paillettes questa volta dorate. L’Arena urla “fidati di me” e Alessandra risponde forte e chiaro. Ricomincia a piovere e l’anfiteatro ritorna a riempirsi di colori sgargianti, tra ombrelli e spolverini. Altro cantante di casa all’Arena di Verona è Ligabue, protagonista dell’evento 7 notti in Arena. Ci alziamo in piedi primi che il Liga cominci a cantare perché lo sappiamo, siamo quelli là, quelli tra palco e realtà. Non ha da insegnare a nessuno, ogni volta è un grande successo. Liga vorrebbe viverci sui palchi, e noi lo vorremmo nelle nostre case per un intramontabile “happy hour”. Ad ognuno i propri sogni.

La nostra artista internazionale, Elisa, viene presentata direttamente dal pubblico senza che i conduttori, Vanessa Incontrada e Carlo Conti, abbiano il tempo di annunciarla. Passaggio dal pop all’elettronica per la ragazza di Monfalcone che non rinuncia mai a sperimentare. Lo denotano anche le tre date, il 12 13 e 15 Settembre in Arena, che la vedranno in tre vesti diverse: una data pop-rock, una data in acoustic, e una data con orchestra. Scatenata sul palco insieme al corpo di ballo ci racconta le sue cattive abitudini (Bad Habits il singolo). A metà serata arriva il momento comico con il trio toscano formato da Panariello, Pieraccioni e Carlo Conti questa volta ospite. Una serata all’insegna dell’ilarità grazie alla loro simpatia. Pieraccioni richiama il pubblico all’ordine perché “l’applauso o si fa o non si fa”, mentre Panariello rischia di cadere tra palco e realtà. Annunciano orgogliosi la data del loro spettacolo a New York ma i mancati applausi sembrano dire “non ci si crede mica”.

Wind Music Awards 2017

Wind Music Awards 2017

Una Emma rock con You don’t love me saluta in modo regale mentre due ballerini la legano con delle funi e la tirano a sé. Gioco di corde anche sullo sfondo ed Emma provocante con tacco in vernice. Live platino per Emma che lo dedica a tutti gli amanti della musica e dei concerti. Ritorno Blues, per colpa di chi? Zucchero ovviamente. Arena in piedi al grido di “chichichirichi”. Numerosi i premi, tra cui il premio SIAE con lo spartito della prima canzone depositata e il premio live, quando in realtà Zucchero afferma che gli sarebbe bastata una caciotta. L’invito che fa è quello di non svilire questo meraviglioso posto e continuare a fare concerti e buona musica. Non c’è due senza tre, e dopo le due proposte di matrimonio di Pintus e Fedez, anche Stefano D’Orazio annuncia la sua proposta alla futura moglie Tiziana, tra lo stupore di tutti i Pooh, dicendole di tenersi libera il 12 Settembre. Standing ovation e congratulazioni. Biagio Antonacci, acclamatissimo, ci riporta con i piedi per terra con Se io se lei. Piano e voce, semplice come è stata scritta. Dopo tutta questa elettronica siamo contenti di sentire delle semplici note accarezzate sul piano accompagnate sullo sfondo dalle immagini dell’acqua che scorre lenta. Armonia e amore nell’Arena tinta di rosso e decorata con le luci dei telefoni accese. Atmosfera intima come solo Biagio sa fare. Premio dedicato al coraggio di chi ha ancora voglia di frequentare i luoghi felici nonostante i “cattivi”. Grande applauso dall’Arena che appoggia la voglia di vivere a pieno. Non c’è risposta più bella.

Wind Music Awards 2017

Wind Music Awards 2017

Momento internazionale con gli Ofenbach, progetto francese che spopola in Italia con l’ultimo singolo Be Mine. Duo amatissimo e folla in piedi. Il cantante è il primo ed unico ad affrontare il palco bagnato in scivolata come un surfer. Secondo momento internazionale con Lenny, la cui voce graffiata riesce a rendere un semplice Hello un grido al cielo. Questa sera la grafica appare meno raffinata rispetto a ieri e più carica. Tra tutti i big della musica si staglia un ragazzino 17enne, vicentino, uscito da Amici. Thomas debutta all’Arena di Verona con “normalità”, la sua semplicità ma allo stesso tempo la sua personalità. Non si fa mancare i suoi passi di danza che ormai lo contraddistinguono. Scenografia coloratissima per Thomas che dopo pochi secondi riesce a rendere suo il palco. Lo troviamo completamente a suo agio. Come un vero rocker sale sulla cassa spia e balla. Sembra essere il vincitore morale di Amici secondo le seguaci del formato televisivo. Disco d’oro che spera sia il primo di una lunga serie. Le urla sembrano garantire che forse qualcosa di grande lo aspetta. Non possiamo che fare un grande in bocca al lupo. “Attention” .. in arrivo Charlie Puth che si scontra con dei problemi tecnici con il microfono. The show must go on e si ricomincia. E allora “Vadi, vadi” Charlie direbbe un nostro caro amico. Carlo si aggrappa al fatto che anche alla premiazione degli Oscar si sbaglia ad annunciare i vincitori. Errore perdonato. Rigorosamente live, scopriamo le doti da pianista del ragazzo che stasera vince grazie a 5 dischi di platino per See you again, 4 per We don’t talk anymore, 3 per Marvin Gaye, e 1 per l’ultimo singolo uscito. Serata internazionale stasera. In chiusura gli Imagine Dragons con “Thunder”. Saranno ospiti in concerto in Arena il 10 Luglio. Seconda serata conclusa per i Wind Music Awards. Carlo Conti e Vanessa Incontrada si salutano con un vero “beso”. Conduzione impeccabile, lo dimostrano anche i numeri. Ci rivediamo al prossimo anno.

0

Wind Music Awards, l’Arena si accende (nonostante la pioggia)

La pioggia non dà tregua all’Arena che si tinge di mille colori tra ombrelli e spolverini più o meno appariscenti. Il contrasto con il cielo grigio è inevitabile. Vi raccontiamo la prima delle due serate dei Wind Music Awards 2017.

Wind Music Awards (foto Scozzese)

Wind Music Awards (foto Scozzese)

di Irene Venturi

Ore 20.40, che lo spettacolo abbia inizio! Puntata in diretta su Rai 1 e poco margine di errore per i conduttori che si presentano da subito brillanti. La scenografia è luminosa e i colori infiammano l’anfiteatro veronese. Le grafiche nel corso della serata appaiono dirette e raffinate. Ad aprire le danze un colosso della musica cantautorale italiana, Francesco De Gregori con l’intramontabile “Rimmel”. Premio “Sotto al vulcano” ma verrebbe voglia di assegnargli tutti i premi in scaletta. Difficile superare l’emozione che ha avvolto l’Arena, ma si sa, chiamarlo “artista” è riduttivo. “Verrà da sé” di Elodie porta sul palco la generazione dei più giovani. Si scalda il palco e l’Arena quando entra il “fenomeno” Fabri Fibra con Tommaso Paradiso e il tormentone dell’estate “Pamplona”. Le mani si alzano e l’Arena si sente finalmente carica come “tori a Pamplona”. Tommaso Paradiso, frontman dei The Giornalisti, da qualche tempo in una veste sempre più “pop”olare, si fa riconoscere con uno spolverino arancio fluo. “Completamente sold out” l’album dei The Giornalisti, come l’arena questa sera. Arena rock per i Litfiba, Piero Pelù da vero rocker amplia il suo palco fino in platea. Disco d’oro quanto le fibbie sulla sua giacca. Il momento che aspettava tutta l’Arena è l’entrata di Luis Fonsi con “Despacito”. Tutti in piedi per il tormentone mondiale che ha collezionato 7 dischi di platino, 6 solo in Italia.

Total black per Renato Zero, entrata trionfale in mezzo all’orchesta allestita durante la pausa pubblicitaria. “Treno vai non fermarti” ripete un Renato Zero sempre in forma e sempre molto focalizzato. Rischia una caduta altrettanto trionfale ma cade in piedi con nonchalance. Terzo singolo di successo per Giorgia, sempre chic su ogni palco. “Credo” sprigiona una forza interiore ed esteriore che fa alzare per la seconda volta l’Arena. Ipnotica sul maxischermo, merito del vestito luminoso (la più coraggiosa fino ad adesso in tema di look) e della sua carica. Premio per i live a Giorgia. Eros Ramazzotti rimanda l’Arena ai suoi e ai nostri tempi d’oro con “Più bella cosa non c’è” e “Sei un pensiero speciale” . Grazie di esistere, sembra urlare l’Arena per Eros. Flash accesi, luce soffuse e urla che riempiono l’anfiteatro: 23/05/80, prima canzone depositata in SIAE, viene inciso su placca d’oro per lui.

“Ho fatto in tempo ad avere un futuro” canta Ligabue. “Si trova sempre una ragione per brindare” e questa sembra essere l’occasione giusta per un’Arena al “limite dei sogni”. Ligabue porta sul palco il singolo del suo ultimo concept album che parla di quanto sia “bello avere un futuro da condividere”. Disco multiplatino per il rocker di Correggio. “Che sia benedetta” Fiorella Mannoia dovremmo dire. Da brividi sentire un coro unanime sulle note di questo inno alla vita. C’è ancora voglia di vivere e urlare nell’aria, e non potrebbe essere più bello. “Combattente” ed elegante come la conosciamo. Il messaggio arriva forte e chiaro. Album di platino per “Combattente” e singolo di platino, premio dedicato ad Erika Mineo, Amara, autrice del singolo di Sanremo. Anche Mannoia rischia di cadere. Palco bagnato palco fortunato.

Palco colorato invece per “vivere a colori”. “Dicci come balli e ti diremo chi sei” canta Alessandra Amoroso, stasera in una veste inedita, non sappiamo se per il microfono alla Justin Bieber o per le coreografie, ma potremmo azzardare a dire che troviamo una Alessandra in ottima forma sull’onda delle stile delle cantanti oltreoceano. Premio Arena per il successo del progetto vivere a colori. Sul palco palloni gonfiabili probabilmente, anzi sicuramente, non pagati dai ragazzi di Cologno Monzese e Rozzano, come piace essere definiti a loro. Grande boato alla loro entrata. J-Ax in giacca a quadri comincia a fare suo il palco. Arena in festa, per stasera niente proposte di matrimonio, ci lasciano con il portafogli vuoto. Album multiplatino per “Comunisti col rolex” e una lista di singoli multiplatino: Assenzio, Piccole cose, Vorrei ma non posto. Fedex e J-Ax non tornano a casa a mani vuote. Look da grande rocker per Filippo Neviani, in arte Nek e grande feeling sul palco con J-Ax. “Freud” sarebbe fiero di loro? Torna Renato Zero con cambio look, meno sobrio, più sgargiante e più dorato. Orchestra che torna e partitura sinfonica per Renato che dice di voler fare da esempio per i giovani artisti trasmettendo coraggio. Premio per progetto Arena celebrato in questa cornice.

Nel tempio dell’opera non poteva mancare il giovane trio de Il Volo che vista l’ora ci richiama perchè “nessun dorma”. Prima e unica standing ovation della serata. Le voci hanno risuonato dentro e fuori l’Arena risvegliando anche le anime più o meno rock. Al grido di Namastè..alé, Francesco Gabbani in maglioncino azzurro. Sembra essere l’ultima volta su un palco per Occidentali’s Karma, il cui pensionamento era già stato annunciato. A riempire il vuoto dato dalla mancanza della scimmia un numero incalcolabile di mani e gambe che cercavano di farsi spazio. Per chi avesse conosciuto Gabbani con “Occidentali’s karma” o “Amen” sappia che ha all’attivo 3 dischi più 2 con la band con cui era partito. La canzone più ballata e cantata della serata. Prima volta all’Arena per Francesco Gabbani. Ottima inaugurazione diremmo noi. Premio per il disco oro “Magellano” uscito il 28 Aprile . Ci ricorderemo a lungo della canzone quanto dei suoi maglioncini. Secondo momento internazionale con Clean Bandit e “Symphony”. Scenografia creata appositamente per ricreare un rito. Tutti i musicisti appaiono incappucciati e mascherati. Voce celestiale e sinfonica di Zara Larsson. Premio per i 5 disci di platino raggiunti da “Rockabye”. “Rrrovazzi” direbbe Fabio de Luigi. Entra la consolle e un gruppo di ladri. Sembra tutto molto interessante . A “volare” sul palco è Fabio Rovazzi che attacca subito con il suo ultimo tormentone ed entra Gianni Morandi giovane come non mai in total black e chiodo nero al grido di “ridatemi anna”. Veste inedita per Gianni che non si sente per niente a disagio. Niente foto di Anna? Gianni è il primo che sottolinea le doti di Rovazzi da videomaker più che da cantante. Fresco da amici, Riccardo Marcuzzo, seduto su uno sgabello con “Perdo le parole” e “Polaroid”. “Sei bellissimo” urlano le ragazzine a Riki. Disco d’oro in una settimana. Momento elevatissimo con Ermal Meta perché anche stasera è “Vietato morire”, canzone autobiografica scritta in pochi minuti in una stanza d’albergo. Semplice e diretto in ogni sua esibizione, colpisce dentro al cuore. Platino per il singolo “Vietato morire” e oro per il disco. La serata si sta per concludere ma il cielo si tinge di blues con Mario Biondi, che possiamo considerare “the voice” italiano. Quasi irriconoscibile con cilindro, occhiali appariscenti e baffi a manubrio. Tanto di cappello ai presentatori che hanno saputo rendere la serata fluida, veloce e dinamica. Ore 23.53 terzo momento consolle per Rocco Hunt, da poco papà. Tiene alto il momento “giovane”. Domani la seconda delle tre serate poiché si chiude il 23 Giugno con Giorgia Surina e Federico Russo. Si chiude la serata con un bilancio positivo e il pubblico soddisfatto. Appuntamento alla seconda serata!