0

Red Bull Culture Clash, trionfa Hellmuzik

Sabato 10 maggio il Quartiere Barona ha ospitato il Red Bull Culture Clash, competizione nata a Londra nel 2010.

Hellmuzik

Hellmuzik

di Carlotta Sorrentino

In gara troviamo quattro crew differenti tra loro, formate dai migliori producer ed mc italiani: Milano Palm Beat, Real Rockers, Hellmuzik e Daytona 18 Carati. A presentare la competizione non poteva non essere il King Marracash che torna nel quartiere dove è cresciuto per decretare insieme alla folla il vincitore della battle. Quattro round, in testa ai primi due si erano posizionati i Real Rockers portano alto il titolo di vincitori della scorsa edizione, al terzo round rimontano i ragazzi di Hellmuzik capitanati da Hell Raton. Spareggio di freestile, ogni crew poteva esprimersi al meglio e tra le rap battle a suon di dissing a vincere sono Hellmuzik che ha portato sul palco insieme alla crew formata da Salmo, Dj Slait, Mc Kwality, Hell Raton, alcuni ospiti tra cui il rapper Nitro. Anche le atre crew hanno portato sul palco ospiti d’onore come Danno dei Colle der Fomento e Mecna con i Real Rockers di Ensi, Carl Brave e Franco 126 per la crew Milano Palm Beat di Populous e Myss Keta e l’attrice Cicciolina per la crew Daytona capitanata da Clementino. A far vincere Hellmuzik è il pubblico presente nel piazzale Donne Partigiane che tra drink, fischietti, vuvuzela e danze ha dato il premo al gruppo di Salmo. Non è mancato assolutamente l’affetto per le altre crew che a suon di beat si sono fatte valere regalando divertimento e pezzi bomba ad un pubblico pronto a farsi stupire. Ora non possiamo che aspettare con ansia la prossima edizione di questa battle che ha regalato sorprese per tutta la sua durata.

0

E’ rap la metempsicosi di Doll Kill: guarda il video

Una delle promesse del rap al femminile italiano: Doll Kill al secolo Giulia Galitziaclasse 96.

Doll Kill

Doll Kill

METEMPSICOSI di DOLL KILL: il VIDEO

Giulia viene dalla Sardegna e dopo una gavetta tra concerti e pubblicazioni discografiche, viene notata dell’etichetta romana TAK che dal 2016 la offre un contratto. Il testo e le rime rappresentano perfettamente quella che è l’attitudine di Doll Kill tra un flow serrato e concetti diretti, pochi fronzoli e uno stile che non ha nulla da invidiare ai colleghi mc. Una personalità forte e decisa che riflette anche nella musica il suo modo di vivere e affrontare la realtà. Per la base è stato scelto Sick Luke, uno dei producer più stimati della nuova scuola che tra suoni electro e una cassa sincopata ha creato un tappeto sonoro che esalta il testo l’atmosfera volta dall’artista. Il video realizzato da Ludovico Canali De Rossi e Thomas T Fasciana per Edit One, è stato realizzato in un tipico contesto urban, con una crew di ballerine che accompagna per tutte le scene.

0

Arriva l’onirica Maria Antonietta di Priestess: guarda il video

Priestess è una giovanissima cantante e songwriter pugliese che si muove tra le sonorità della trap e dell’R’n’B contemporaneo che poche settimane fa ha presentato un primo assaggio della sua musica nel pezzo Torno domani e esibendosi in apertura del concerto milanese di MadMan.

Priestess

Priestess


MARIA ANTONIETTA: IL VIDEO

Oggi è la volta di Maria Antonietta una canzone-single decisamente ben costruita, credibile e dalle sonorità fresche e attuali. Il brano è un ottimo biglietto da visita per Priestess: fin dal primo ascolto si rimane colpiti dalle sue capacità di autrice e – soprattutto – dalla sua vocalità, che la rendono una artista interessante e unica nel panorama italiano, al pari di altri progetti dal sound internazionale; il tutto alimentato da una estetica decisamente intrigante. Maria Antonietta è prodotto da Ombra e PK, tra i producers di spicco dell’etichetta Tanta Roba che ha scelto Priestess come la nuova artista su cui puntare e lavorare nel 2017.