0

Rosalia conquista l’Italia con El Mar Querer

Molto amata in Spagna e presentata già dalla stampa internazionale come l’artista da tener d’occhio del 2018 soprattutto dopo la sua esibizione all’ultimo Sònar, Rosalìa annuncia l’uscita del suo atteso secondo album, “El Mal Querer,per il 2 novembre. La cantante di Barcellona ha scritto i testi e le musiche e ha anche co-prodotto l’album insieme a El Guincho.

 

Rosalia

Rosalia

Con l’album di debutto “Los Ángeles”, Rosalìa aveva già ricevuto il Best New Artist Latin Grammy e aveva già dimostrato la capacità di riuscire a creare un mix unico tra le più classiche influenze del flamenco e i suoni urban più contemporanei. Ultimamente il suo suono e il suo stile sono diventati ancora più particolari, anche grazie ai video pioneristici di “Malamente” e“Pienso En Tu Mirà”, e la fan base spagnola di Rosalìa è cresciuta enormemente, come in un secondo momento quella di livello internazionale.

 

Tra i fan di Rosalìa si possono annoverare anche Pharrell Williams, Khalid, J Balvin, Juanes, Romeo Santos, persinoPedro Almodóvar è stato conquistato dall’indubbia qualità dei video e ha scelto di far debuttare in veste di attrice nel suo nuovo film “Dolor y Gloria”  la cantautrice ventiquattrenne al fianco di Penélope Cruz.

 

«El Mal Querer rappresenta il modo in cui io intendo il flamenco oggi», ha raccontato Rosalìa, «ho lavorato due anni interi della mia vita su questo progetto, costruendolo senza fretta. Mi ha aiutato a migliorare e a crescere come musicista, compositrice e produttrice, e per questo sono grata. Il mio sogno è sempre stato quello di condividere la mia musica con le persone e queste sono canzoni create proprio per tutti».

 

In attesa di pubblicare il suo album, Rosalìa è al momento negli Stati Uniti dove si è già esibita al Hollywood Bowl a Los Angeles e in uno showcase per i Latin Grammy a Miami con Juanes.

0

Aurora D’Amico, da Palermo alla conquista d’Inghilterra

Un tour intenso nel Regno Unito per la cantautrice palermitana Aurora D’Amico quello che partirà domenica 7 ottobre dal The White Rabbit di Brighton. Sette date durante il quale presenterà al pubblico i brani dell’album d’esordio “So many things” (etichetta discografica 800A Records, distribuzione Audioglobe). Il disco è cantato in inglese ed è stato anticipato dal videoclip del brano “Oceans Between Us, disponibile su youTube (http://bit.ly/OceansBetweenUs) e dal lyric video del brano “Human Being”, online da oggi: https://youtu.be/-xwkLWPQ3n4

Aurora D'Amico

Aurora D’Amico

Le altre date del tour sono:
12 ottobre – Salt Cafè, Bristol
14 ottobre – The Bath Brew House, Bath
15 ottobre – LS6 Cafè, Leeds
23 ottobre – West Street Live, Sheffield
24 ottobre – Leaf, Liverpool
31 ottobre – The Barn Meanwood, Leeds

“So many things” è composto da 10 brani folk rock ed è il diario personale di Aurora“scritto in periodi diversi, in Paesi diversi e volutamente aperto al resto del mondo, con qualche segreto nascosto tra le righe e tantissime storie in cui spero anche altri riusciranno a rispecchiarsi. Un disco in cui si mischiano passato, presente e futuro; ricordi, dubbi e speranze. Così tante cose che si muovono a velocità diverse, ma che caratterizzano la vita di ognuno di noi allo stesso modo”, racconta la cantautrice.  Aurora D’Amico (voci, chitarre acustiche, piano, tastiere) è stata accompagnata in tutti i brani da Fabio Rizzo (chitarre acustiche, chitarre elettriche, drum machine, lap steel, voci), Ruggero Micciché (batteria, percussioni) e Carmelo Drago (basso). In alcune tracce hanno collaborato Francesco Pomiero alla chitarra elettrica, Alberto Mannino alla chitarra elettrica, Francesco Incandela ai violini e Sergio Beercock (voci background).

Aurora D’Amico nasce a Palermo, nel 1993. Con una forte passione per la musica e un vero e proprio “sogno americano”, inizia a scrivere canzoni in inglese all’età di 15 anni. Nel 2013 diventa una studentessa del Berklee Music College, vince una borsa di studio e completa con il “General Music Studies Certificate”. Nell’estate del 2015 Aurora intraprende un pellegrinaggio artistico, che la vede fare tappa in diversi festival organizzati in Sicilia. Lì suona i suoi brani per la prima volta davanti a un pubblico, con il solo accompagnamento della chitarra acustica. Nell’aprile del 2016 esce il primo EP intitolato “Barefoot”, prodotto e registrato in Inghilterra da Nathan Mackenzie. A inizio 2017 entra nel roster dell’etichetta 800A Records e avvia con Fabio Rizzo (Alessio Bondì, Fabrizio Cammarata, Nicolò Carnesi, Dimartino) la produzione del suo primo long playing, “So Many Things”.

0

Tornano i Kutso con Che effetto Fa

CHE EFFETTO FA è il titolo del nuovo album di inediti dei KUTSO, in uscita il prossimo 28 settembre per Wing/Goodfellas.

Kutso

Kutso

Il tour di presentazione sarà anticipato da uno showcase sul Palco Centrale del MEI, in programma sabato 29 settembre alle ore 21.00 a Faenza, in cui saranno presentati anche alcuni brani del nuovo disco “Che effetto fa”. L’album nasce dall’accettazione che la vita è una tela su cui gettiamo continuamente colori a caso; di tanto in tanto è bene fermarsi a guardare “Che effetto fa” questo nostro pastrocchio esistenziale, per poi ripartire con qualche consapevolezza in più. Questo terzo album è un punto di svolta per i kuTso di Matteo Gabbianelli, che, con una line up completamente rivoluzionata, ha dato una sterzata decisa al sound della band, ora ricco di synth e ritmi electro. Le liriche dei nuovi brani fotografano situazioni, sentimenti e rapporti col prossimo in una visione sarcastica e fatalista, ma che lascia spazio anche alla tenerezza e all’Amore. Il disco è stato anticipato dal singolo e video “Che effetto fa” e dal secondo estratto “Manzoni Alieni”.

PRIME DATE TOUR

19/10/18 S. Egidio Val Vibrata (TE) – Dejavu’
20/10/18 Roma – Largo Venue
25/10/18 Bergamo – Ink Club
27/10/18 Fermo – Heartz Club
03/11/18 Modena – Off
10/11/18 Prato – Capanno Blackout
16/11/18 Rende (CS) – Mood Social Club
17/11/18 Catanzaro Lido (CZ) – Officine Sonore
23/11/18 Milano – Ohibo’
01/12/18 Avellino – Black House Blues
14/12/18 Pordenone – Capitol Pordenone