0

L’Aura porta in tour il contrario dell’amore

È online il video di UNFAIR, il nuovo singolo di L’AURA attualmente in radio.  Il video, diretto da Michele Piazza e visibile online al seguente link https://youtu.be/H4ZbFcW0fcA, è un racconto visivo del rapporto della cantante con la propria madre, grazie alla costante presenza di immagini e filmati dell’infanzia di L’Aura, sapientemente ripresi dalla telecamera di suo padre quando lei era solo una bambina.

Laura (foto di Alessandra Cirillo)

Laura (foto di Alessandra Cirillo)

«Per questo video devo ringraziare soprattutto due persone– commenta L’Aura in merito al video di “Unfair” – mio papà Gianfranco, che è lo sguardo dietro la cinepresa di molti dei clip, girati tutti tra il ’91 e il ’93, e mia mamma Tiziana, che ha radunato tutte le foto che ci ritraggono. Avevamo davvero tanto materiale, ed è stato un viaggio bellissimo ripercorrere con loro quei momenti così fondamentali della mia infanzia. A volte ci si chiede come sia possibile conservare tutta la tristezza e la rabbia dei nostri ricordi più bui quando ne abbiamo altrettanti così luminosi, così felici. Eppure è così, certe partite perse scavano dentro tracciando solchi profondi, ed è lì che ritroviamo noi stessi: fragili, forti, trepidanti ed emozionati esseri umani, sempre alla ricerca di qualcosa che non abbiamo e che forse non troveremo mai».

 

Dopo “I’m An Alcoholic”, primo singolo estratto dal nuovo album e brano scelto per l’ingresso di Luciana Littizzetto per tutta la stagione 2017/2018 di “Che Tempo Che Fa”, e “La meccanica del cuore”, arriva ora in radio “Unfair”, scritto da L’Aura, Simone Bertolotti e Miriam Jones, singolo che illustra il difficile e bellissimo rapporto tra madre e figlia.

 

«Il rapporto madre-figlia è forse una delle relazioni umane più complesse che esistano – commenta L’Aura in merito al brano – Dalle nostre madri avremmo voluto quel supporto che non sono state in grado di darci. D’altro canto, loro si aspettavano qualcosa che da noi non è arrivato. Ogni tanto si ha la sensazione che invece di procedere avanti non si faccia altro che remare all’indietro, tornando a scalare le marce, invece di utilizzare il cambio automatico. Una formula segreta non c’è. Il rapporto con la propria madre è unico e irripetibile, e a volte necessità solo di tanta pazienza e placida comprensione. “Unfair” è il mio grido sommesso, la mia lettera mai consegnata che in qualche modo vuole spiegare come ci si senta quando si subisce un’ingiustizia, vera o immaginata che sia. Ci si sente come di fronte ad un muro di incomunicabilità, che può essere abbattuto solo grazie alla determinazione di un grande amore».

 

Dopo sei anni di assenza, l’artista bresciana dall’inconfondibile voce sognante ha pubblicato “Il contrario dell’amore”, un album ispirato alla musica degli anni ’60, ’70 e ’90, un vero e proprio viaggio attraverso le epoche più significative per la musica pop-rock.

 

«Il contrario dell’amore cos’è? – racconta L’AURAÈ “puro amore dietro una canzone d’odio”. Il concetto attorno al quale ruotano tutti i brani è proprio questo. Quel lato oscuro dell’amore di cui sono impregnati molti dei nostri rapporti umani. Quel “brutto” interiore che solo chi amiamo veramente è in grado di tirare fuori da noi. È questo che mi ha affascinata tanto da elaborare un intero album. In molti tendono a vedere il lato luminoso delle cose. A me fa gola il lato ombra, quello che nessuno vuole vedere. Scrivere di ciò che si pensa, ma non si ha il coraggio di dire».

Tre album e una raccolta all’attivo, diversi singoli di grande successo e prestigiose collaborazioni. Laura Abela, nota come L’Aura, è sicuramente una delle artiste più interessanti del panorama italiano, grazie anche al suo poliedrico talento di compositrice, pianista e cantante. La sua voce sognante e dolcemente potente è in grado di creare ogni volta atmosfere sofisticate che incantano per la loro bellezza.

0

Caparezza: il 15 settembre il nuovo disco, a novembre il tour

A tre anni di distanza da “Museica”, Caparezza torna con un nuovo album il 15 settembre e un nuovo tour nei palazzetti che partirà a novembre di quest’anno.

Per Caparezza disco e tour

Per Caparezza disco e tour

Di seguito le dieci date confermate del 2017:
17.11 ANCONA, PalaPrometeo Estra
18.11 BARI, PalaFlorio
24.11 FIRENZE, Mandela Forum
25.11 BOLOGNA, Unipol Arena
28.11 NAPOLI, Palapartenope
29.11 ROMA, Palalottomatica
01.12 MONTICHIARI (BS), PalaGeorge
02.12 PADOVA, Kioene Arena
06.12 MILANO, Mediolanum Forum
07.12 TORINO, Pala Alpitour

Prezzo del biglietto in prevendita: a partire da €25,00+d.p.
Biglietti in vendita su ticketone.it a partire dalle ore 10.00 di venerdì 12 maggio.

0

Battleme, in Italia con un tour acustico

Torna in Europa Matt Drenik aka Battleme  per un tour di presentazione dell’ultimo EP Live At Cactus Café uscito per El Camino Media.

Battleme

Battleme

L’idea di questo disco nasce dall’ultimo tour europeo in cui si è assistito ad un ritorno a sonorità più essenziali, attraverso una serie di date in acustico. Drenik si illumina grazie a brani come “Dead Man” e “Burn This Town” eseguiti con una sincerità e una padronanza perfettamente catturati da questo live di Austin registrato nel 2014. Battleme sarà in Italia a partire da fine Febbraio per un totale di 7 concerti da solista. E’ un ritorno alle origini: Battleme nasce infatti come progetto solista ma diventa ben presto una band vera e propria che comincia a fare dischi e macinare Km in giro per il mondo. Ed è proprio nel mezzo di un lungo tour con la band che Drenik decide di fermarsi un attimo e registrare un live al Cactus Café di Austin, da solista. “Non esiste al mondo un locale più adatto e più intimo di quello. Inoltre, considerando che Austin è il luogo in cui ho imparato a scrivere una canzone decente (ho vissuto lì per 10 anni), perché non interrompere il casino di un tour con un tranquillo set per conto mio?”.

Una storia quindi di rinascita e riscoperta di se stessi. Durante la sua lunga carriera musicale, Battleme ha ricevuto numerosi consensi dai media per il suo rock psichedelico venato di sonorità blues. Una curiosità: tutti e 4 i brani contenuti nell’EP fanno parte della colonna sonora della serie televisiva della FOX “Sons of Anarchy” (così come anche la cover della canzone di Neil Young “Hey Hey, My My” e “Lights”, scelta da Entertainment Weekly come uno dei migliori  momenti musicali televisivi dell’anno). Ecco le date italiane in cui potrete vedere il Matt Drenik delle origini, quello più intimista e puro:
22 Febbraio – Black Market, Roma
23 Febbraio – Artrock Cafe, Casalvieri (Fr)
24 Febbraio – Tetris, Trieste
28 Febbraio – Bar Florio, Cagliari
1 Marzo – Abetone Music Bar, Sassari
3 Marzo – Beat, Porto Torres
4 Marzo – Su Scannu, Cagliari